La regolamentazione è talvolta posizionata come nemica dell’innovazione, una forza antagonista che riduce il progresso in nome della burocrazia. Tuttavia, se attuata in modo sensibile e proporzionato, la regolamentazione può rafforzare la reputazione di un settore privato creando le condizioni necessarie affinché le imprese si concentrino e migliorino l’innovazione.

Ottenere questo giusto significa lavorare con gli imprenditori e fornire loro l’opportunità di innovare e sperimentare, applicando anche standard che promuovono una corretta governance aziendale e prevengono attività illegali. Garantendo controlli solidi, i mali odierni come il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo possono essere adeguatamente combattuti. Un dialogo aperto tra le autorità di regolamentazione e le imprese rende le aziende e gli imprenditori parti interessate nella costruzione di un ecosistema nuovo e aperto.

Relazionato: Lo sguardo di un ministro su regolamentazione e innovazione: una necessità per trovare un equilibrio

Un aspetto critico della regolamentazione proattiva consiste nel non rendere le nuove tecnologie emergenti soggette alla conformità con la legislazione esistente. Gran parte di questo regolamento presume che la moneta sia un bene fisico che si basa sulle banche centrali e su complessi accordi internazionali per mantenere il valore. La regolamentazione della tecnologia di registro distribuito deve iniziare dalla prospettiva che la tecnologia sta creando una fonte di valore fondamentalmente nuova e un nuovo modo di fare affari.

Relazionato: Uno sguardo del ministro sull’assistenza sanitaria: fornire un terreno fertile per l’innovazione blockchain

Attraverso un gruppo di lavoro attentamente selezionato con partecipanti del settore privato, il governo e le autorità di regolamentazione, Gibilterra ha iniziato a considerare il processo di regolamentazione per DLT. Abbiamo quindi costruito specificamente il nostro regolamento partendo dai principi primi per un ambiente digitale, evitando la tentazione di essere restrittivi o di progetti di regolamento che si allineano a una fase di maturità tecnologica che rischia di essere superata. Questo approccio si basa su principi piuttosto che su standard rigorosi, consentendoci di sostenere il nostro impegno verso standard normativi elevati, dandoci anche la flessibilità di fornire un quadro normativo “live” per un mercato entusiasmante e in rapida evoluzione. Nove principi fornire la base per un rapporto sano e flessibile con i fornitori di DLT.

L’impegno a questi principi ha creato un fiorente settore DLT all’interno di Gibilterra. Andando avanti, continueremo ad adattarli e migliorarli mentre supportano e definiscono questo settore. Consideriamo questi principi come strumenti viventi non scolpiti nella pietra. Abbiamo aggiornato sette dei nove principi dalla loro entrata in vigore nel 2018: riteniamo che si tratti di una funzionalità piuttosto che di un bug. I principi sono stati progettati con un certo livello di flessibilità incorporata. Questo, combinato con un regolatore che ha la capacità di apportare aggiustamenti agili in linea con le esigenze del mercato, è qualcosa che distingue Gibilterra nella finanza globale.

Stiamo anche lavorando per aggiungere un decimo principio fondamentale, determinando come proteggere ulteriormente l’integrità del mercato legiferando per sradicare la manipolazione del mercato. La manipolazione del mercato non crea valore e danneggia sia il marchio che la reputazione dell’intero settore DLT, quindi riteniamo che questa azione rafforzerà il settore e aggiungerà un enorme valore alle aziende con sede a Gibilterra.

Al fine di portare i fornitori di server di asset virtuali, o VASP, in linea con gli standard internazionali liberando il loro potenziale, dobbiamo garantire registrazioni solide e accurate di tutte le transazioni che facilitano, secondo quanto stabilito dalla Financial Action Task Force requisiti. In questo modo si ha l’ulteriore vantaggio di sottolineare il valore delle risorse digitali per la loro capacità di disintermediare e interrompere la finanza tradizionale, riducendo qualsiasi associazione indesiderata con pagamenti illegali.

Dando priorità all’innovazione in questo modo, le autorità di regolamentazione di Gibilterra possono agire come partner di fiducia con il settore DLT in primo luogo. Un esempio è la nostra decisione di definire il valore all’interno del nostro regolamento, che a sua volta chiarisce la definizione di VASP. Ciò offre rassicurazione alle società con sede a Gibilterra in quanto hanno una chiara conferma del loro status normativo. Il risultato finale è che possono concentrarsi sulla creazione di imprese innovative piuttosto che preoccuparsi del loro status normativo o temere che la futura regolamentazione nel loro paese di costituzione possa minacciare tale status. Le aziende con sede a Gibilterra sanno cosa aspettarsi dai loro regolatori e sanno che il loro governo è disposto a comunicare e lavorare con l’industria per costruire un’economia DLT equa e innovativa.

Questa certezza è la chiave per consentire alle nostre aziende di crescere con la fiducia di cui hanno bisogno. Possono rispettare e beneficiare di un regime normativo che cerca di promuovere l’innovazione in modo da mitigare il rischio e cerca di fornire al consumatore la stessa protezione che merita da qualsiasi attività regolamentata.

Le opinioni, i pensieri e le opinioni qui espresse sono esclusivamente dell’autore e non riflettono o rappresentano necessariamente le opinioni e le opinioni di Cointelegraph.

Albert Isola è il ministro per i servizi digitali e finanziari di Gibilterra, con la responsabilità principale di elevare il profilo di Gibilterra come centro di servizi finanziari ben regolamentato, aprendo la strada alla regolamentazione della DLT e del gioco online. Il ministro Isola in precedenza ha ricoperto il ruolo di ministro per il commercio di Gibilterra, svolgendo un ruolo centrale nel guidare il quadro normativo DLT appositamente costruito di Gibilterra, introdotto nel gennaio 2018 per le aziende che utilizzano blockchain per immagazzinare o trasferire valore.