L’utilizzo del contante ha perso molto terreno rispetto ai pagamenti digitali poiché la pandemia ha cambiato il modo in cui le persone effettuano transazioni in tutto il mondo. Alcuni esperti hanno recentemente affermato che le valute digitali della banca centrale potrebbero risolvere il problema di lasciare i dati sui pagamenti nelle mani delle principali piattaforme tecnologiche.

In un post sul blog pubblicato lunedì mattina, il ricercatore della Federal Reserve di New York Michael Lee e il professore di economia dell’Università della California di Santa Barbara Rod Garratt hanno spiegato in un documento pubblicato all’inizio di questo mese.

Gli autori sottolineano il preoccupante utilizzo dei dati sui consumatori da parte delle aziende tecnologiche, che ha portato tutti Visa per Facebook nei guai per potenziali violazioni antitrust. Il post del blog dice:

“Le transazioni che utilizzano i pagamenti digitali consentono alle aziende di acquisire i dati personali dei consumatori; i contanti no. I dati non vengono condivisi tra le aziende. Ottenendo l’accesso esclusivo ai dati dai propri clienti, le aziende possono utilizzare queste informazioni per ottenere un vantaggio competitivo”.

Un CBDC, suggeriscono i ricercatori, è il miglior successore per incassare in termini di efficienza e protezione dei consumatori nell’era digitale. Sebbene il post menzioni le criptovalute come alternativa separata alle piattaforme di pagamento più grandi, non sostiene esplicitamente la tecnologia di registro distribuito per un CBDC. Tuttavia, afferma che un CBDC sarebbe più economico ed ecologico:

“Le alternative di pagamento digitale che preservano la privacy, come le criptovalute, comportano costi di transazione elevati e possono essere costose dal punto di vista ambientale. È probabile che le iniziative private proposte dalle aziende ‘BigTech’ portino a una privacy ancora inferiore”.

La ricerca sui CBDC sta accelerando. L’interesse è cresciuto inizialmente all’inizio della pandemia, e ora le principali banche centrali e istituzioni finanziarie sono impegnate sfornare indagini in ciò che deve cambiare affinché le varie giurisdizioni digitalizzino il proprio denaro.

Tra le più grandi economie del mondo, molti vedono La Cina come leader nella gara CBDC. Altri, tuttavia, sostengono che ciò sia dovuto al fatto che il governo cinese non si preoccupa di discutere le funzionalità di privacy per uno yuan digitale, che alla fine diventerà uno strumento di sorveglianza.

Michael Lee non aveva risposto alla richiesta di commento di Cointelegraph al momento della pubblicazione.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here