Boson Protocol, un progetto che cerca di collegare il mondo reale del commercio fisico ai contratti intelligenti, ha annunciato lunedì un round di semi di successo da $ 350.000.

Il progetto sta creando i “mattoni per le app dCommerce di nuova generazione” fornendo un modo per riscattare i token blockchain nella loro controparte fisica del mondo reale.

Il progetto ha ricevuto un round di investimenti in eccesso di sottoscrizioni guidato da Outlier Ventures, cui si sono uniti Trent McConaghy e altri di Ocean Protocol. Il finanziamento sarà utilizzato principalmente per i costi operativi e la costruzione di un pilota funzionante, ha affermato la società.

Justin Banon, il fondatore del progetto, ha dichiarato a Cointelegraph che lo scopo di Boson è “consentire il commercio decentralizzato con un arbitrato minimo, come un DEX per le risorse fisiche”.

La soluzione, costruita su Ethereum, si basa su buoni token non fungibili che possono essere descritti come un reclamo sul prodotto sottostante. L’NFT rappresenta un impegno a due vie tra l’acquirente e il venditore, che cerca di garantire che lo scambio del bene fisico avvenga in modo ordinato. “La mediazione, l’arbitrato e l’inversione sono automatizzati in un gioco dinamico in cui i premi incentivanti riducono la necessità di arbitrato umano nel tempo, consentendo un decentramento progressivo”, ha aggiunto Banon.

Uno dei casi d’uso descritti da Banon è un programma di fidelizzazione basato su blockchain, in quanto il sistema consente di “trasferire premi come biglietti o t-shirt direttamente sui portafogli”.

Il protocollo Boson non rientra nel tradizionale focus sui mercati finanziari visto in DeFi. Alla domanda se potesse essere utilizzato come ponte DeFi per piattaforme finanziarie centralizzate, Banon ha risposto che “questo è potenzialmente uno dei tanti casi d’uso in cui Boson potrebbe essere utile, ma questo non è lo scopo principale di Boson”. Tuttavia, il progetto è pensato per essere componibile con altri protocolli nello spazio DeFi:

“La funzione ponte più importante di Boson è connettere il mondo fisico con la DeFi, consentendo agli utenti di acquistare beni e servizi fisici direttamente tramite un contratto intelligente, in modo completamente privo di autorizzazione”.

Il meccanismo di scambio senza fiducia di Boson, come dettagliato dal suo carta bianca, implica un’interazione complessa tra varie parti in molti scenari diversi. Sono necessari incentivi monetari per massimizzare il numero di transazioni riuscite, richiedendo più fondi da impegnare rispetto a un deposito a garanzia tradizionale.

Il meccanismo sembra mostrare vantaggi e svantaggi simili a tBTC, un meccanismo di collegamento senza fiducia da Bitcoin a Ethereum. Il progetto è stato spesso criticato per essere molto più complesso delle soluzioni centralizzate come Wrapped BTC, ma ciò sembra essere dettato dal desiderio di mantenerlo completamente privo di fiducia.