Il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti (DoJ) ha annunciato che il principale della società di deposito di criptovalute Volantis Market Making si è dichiarato colpevole di frode su materie prime per un valore di oltre $ 3,25 milioni il 1 ° ottobre.

Il dirigente di Volantis, il 49enne Jon Barry Thompson, ha fatto false dichiarazioni a una società dalla quale ha sollecitato 3,25 milioni di dollari per rendere presumibilmente “nessun rischio” Bitcoin (BTC) acquisti tramite una terza azienda nei mesi di giugno e luglio 2018.

Nonostante Thompson affermasse che non si sarebbe separato dai soldi fino a quando la terza azienda non avesse consegnato il BTC, Audrey Strauss, procuratore degli Stati Uniti di Manhattan, ha scoperto che:

“Thompson ha inviato il denaro a una terza parte senza prima ricevere il Bitcoin, e il denaro non è mai stato recuperato.”

Il DoJ ha notato che Thompson ha falsamente affermato che la transazione sarebbe stata regolata attraverso un “processo di scambio atomico” e ha mentito alla società per diversi giorni sullo stato dei propri fondi e delle criptovalute – nessuno dei quali è stato restituito.

Thompson si è dichiarato colpevole di un conteggio di frode sulle merci, che comporta una pena massima fino a 10 anni di carcere. Thompson dovrà affrontare la condanna il 7 gennaio 2021.

Thomspon è stato incriminato nel settembre 2019 per quattro accuse di frode relative a $ 7 milioni che Volantis presumibilmente truffato da due diversi clienti – inclusa l’accusa di cui si è appena dichiarato colpevole. Nell’atto d’accusa, il vicedirettore in carica dell’FBI, William Sweeney Jr, sottolineato che Thompson ha usato intenzionalmente il gergo cripto-nativo per confondere e di conseguenza sfruttare la sua vittima:

“Usando frasi e terminologia che le aziende della vittima non capivano, presumibilmente ha sfruttato la loro ignoranza della criptovaluta emergente.”

Le autorità statunitensi hanno recentemente ampliato gli sforzi di polizia internazionale contro le frodi crittografiche, intraprendendo azioni contro truffe separate localizzate in Russia e Malesia lo scorso mese.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here