L’exchange di criptovalute statunitense Waves.Exchange, che supporta il protocollo Neutrino multi-asset a prezzo stabile, sta introducendo un modo per i trader di criptovalute di guadagnare reddito passivo attraverso lo staking di stablecoin.

Secondo un annuncio del 29 settembre di Waves, l’exchange ha ampliato il suo ecosistema di asset tokenizzati per includere sette diverse stablecoin Neutrino – versioni sintetiche delle valute nazionali – attraverso un mercato dei cambi decentralizzato, o “DeFo”.

Secondo quanto riferito, i possessori del dollaro statunitense Neutrino (USDN), dell’euro (EURN), dello yen (JPYN), dello yuan (CNYN), del rublo (RUBN), della grivna ucraina (UAHN) e della Naira nigeriana (NGNN) possono ottenere una percentuale annua fino al 15% rendimenti (APY) tramite picchettamento. Gli utenti possono anche ricevere fino al 20% fornendo liquidità ai pool di stablecoin. Secondo Waves, non ci saranno penalità per i ritiri.

A differenza delle stablecoin fiat centralizzate, in cui i titolari devono fidarsi dell’emittente, le stablecoin Neutrino sono algoritmiche, emesse da un contratto intelligente.

Waves non è l’unica piattaforma che offre ricompense per lo staking quest’anno. Coinbase ha lanciato un sistema simile a luglio affinché i trader di criptovalute guadagnino il 2% di APY sul loro Dai (DAI) partecipazioni in aggiunta al suo attuale 0,15% per USD Coin (USDC) titolari. A settembre, Binance ha annunciato la sua piattaforma Launchpool consentirebbe agli utenti di guadagnare premi in token in cambio dello staking di Binance Coin (BNB) e Binance USD (BUSD), nonché di una varietà di altre monete.

Cointelegraph lo ha riferito ad agosto Waves aveva guadagnato il suo dollaro Neutrino disponibile per gli utenti che scommettono sulla blockchain di Ethereum. Secondo quanto riferito, l’exchange sta anche pianificando di aggiungere più coppie di trading DeFo, su cui voteranno i possessori di token di governance di Neutrino (NSBT).

Waves intende lanciare Gravity Hub ad ottobre. È un protocollo indipendente dalla blockchain che affronta il problema dell’interoperabilità tra blockchain inclusi Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH), Cosmos (ATOMO), Solana (SOL) e Ethereum Classic (ECCETERA). La piattaforma consentirà alle dApp di inviare una richiesta ad altre dApp su una blockchain diversa e di trasferire i token utilizzando le porte dei token.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here