Nell’ultimo mese abbiamo visto la Federal Reserve degli Stati Uniti venire dopo BitMEX per non aver identificato i clienti, la società di crittografia CipherTrace riferisce che la maggior parte degli scambi crittografici lo sono non raccogliere abbastanza informazioni sugli utenti, ei cosiddetti “file FinCEN” dimostrano che anche le grandi banche che raccolgono e segnalano vaste raccolte di transazioni sospette sono non fare abbastanza per sbloccare i cattivi. Basti dire che è un ottimo momento per essere vivi per i sostenitori della linea dura della conformità e un momento difficile per i sostenitori della privacy, a parte un sano aumento recente del prezzo di Monero (XMR).

Facendo un passo indietro e guardando la tendenza più ampia, molti nella comunità crittografica ora lo sono immaginando un mondo con due “blockchain di Bitcoin” – o forse, due reti distinte di vari blockchain. Il primo è un benedetto blockchain bianco, o “lightchain”, simile a un quartiere amichevole dove tutti si conoscono il nome dell’altro; l’altra è una sinistra “darkchain” piena di trafficanti di droga, magnaccia e terroristi (per quanto ne sappiamo).

I sostenitori della privacy temono che, poiché le regole Know Your Customer vengono inserite negli scambi che custodiscono le criptovalute e che le banche e la ricchezza istituzionale renderanno la crittografia mainstream tramite soluzioni di custodia simili, solo coloro che custodiscono le criptovalute con tali istituzioni potranno accedere alle adorabili catene leggere. Queste catene si troveranno all’interno degli alti pilastri d’avorio di Wall Street e sotto le sale della ricchezza e del potere, mentre le vaste masse non lavate che preferiscono tenere e controllare la propria criptovaluta saranno costrette in un ghetto criptato sulla darkchain.

Conformità antiriciclaggio

Sebbene la base di questi timori sia ben fondata, è importante ricordare che lo scopo originale della conformità AML, originata negli anni ’70 in America, era assistere le forze dell’ordine nelle sue indagini. Il mantenimento di un vasto sistema di reporting per monitorare l’attività degli utenti e fornirlo al governo, come il moderno panopticon aeroportuale della Transportation Security Administration, è un’invenzione del 21 ° secolo, post-11 settembre dell’America dell’era Bush e difficilmente un prerequisito per una rete finanziaria globale .

In effetti, questa norma recentemente imposta è stata un importante impulso per molte innovazioni rispettose della privacy nelle criptovalute, tra cui, probabilmente, Bitcoin (BTC) stesso. In altre parole, i “lightchainers” stanno giustificando la potenziale rimozione della privacy dalle blockchain secondo la stessa logica “War on Terror” per la atto patriottico, solo con la possibilità di mandare in onda in modo permanente i tuoi panni sporchi su un registro pubblico piuttosto che tenerli tra le banche e il governo (e occasionalmente trapelato a Buzzfeed).

Ancora più importante, è stato a lungo ovvio che anche nello spazio crittografico, l’imposizione dell’identificazione e della tracciabilità obbligatorie del portafoglio globale ha messo a dura prova questa motivazione originale di “assistenza alle forze dell’ordine” per le regole AML. Storicamente, gli Elliptics, CypherTraces e Chainalysises del mondo hanno speso la maggior parte delle loro energie lavorando con le forze dell’ordine per mappare i criminali reali e le loro transazioni derivanti da attività criminali reali, piuttosto che creare vaste reti a strascico di indirizzi di portafoglio di tutti.

Sia che fosse il Monte. Gox o altri hacker di scambio, truffatori di BitLocker o criminali internazionali di molte strisce, Bitcoin ha una funzionalità che consente alle società di conformità all’esplorazione blockchain di delimitare i cattivi noti e creare una vera “darkchain” da non confondere con la gentile compagnia della blockchain rimanente S).

Questo sistema ha funzionato. Maggior parte fornitori di servizi di asset virtuali, o VASP, (ovvero gli exchange) utilizzano strumenti di conformità di blockchain explorer per bloccare e tracciare le transazioni sulla darkchain e assistere le forze dell’ordine nelle sue indagini. Questi sforzi hanno anche reso molto, molto più difficile per i criminali reali riciclare le loro criptovalute su scambi conformi.

Lightchain contro darkchain

Quindi, rifiutiamo la tesi che ci stiamo dirigendo verso una dicotomia “lightchain-vs-darkchain”. Piuttosto, riconosciamo che abbiamo già una piccola darkchain di collaudati riciclatori di denaro con cui i VASP non lavorano e non dovrebbero lavorare e dovrebbero congelare e lavorare con le forze dell’ordine per affrontare. Abbiamo quindi le macchie di lightchain che esistono all’interno dei VASP (cioè, gli scambi) per i quali sono, e dovrebbero essere, legalmente obbligati a mantenere privati ​​e condividere solo nella misura in cui rilevano darkchain o attività criminali dimostrabili, piuttosto che condividere le informazioni private dell’utente di non criminali. Questo ci lascia con una terza catena, le vaste, adorabili, deliziosamente opache blockchain “graychain” che ci hanno servito così bene per tutti questi anni.

Per “mantenere la blockchain grigia”, dobbiamo resistere agli sforzi della lightchain per penetrare nel grigio penalizzando i VASP e gli strumenti di esplorazione e conformità della blockchain che si impegnano nella contaminazione ingiustificata del grigio con il bianco. In altre parole, pubblicizzare le informazioni identificative dei clienti dello scambio dovrebbe portare a cause legali e, in Europa, azioni di contrasto alla privacy. Allo stesso modo, dobbiamo resistere all’oscuramento della nostra amata catena grigia da parte di politici, esperti e cosiddetti avvocati crittografici che sostengono sanzioni per chi opera nella zona grigia.

Non c’è niente di sbagliato nel tenere la tua crittografia in un portafoglio hardware e sostenere che coloro che esercitano una sana sicurezza informatica in questo modo hanno “qualcosa da nascondere” inficia la credibilità. Dobbiamo resistere sostenendo le catene grigie, che non sono affatto dei veri vettori del riciclaggio di denaro, e sottolineando l’irrazionalità di credere che le blockchain pseudonime siano più preziose quando non sono più anonime. Alla fine, anche se i lightchainer avranno successo, semineranno i semi di forme di denaro ancora più private che si trovano al di là della loro portata.

Le opinioni, i pensieri e le opinioni qui espresse sono esclusivamente dell’autore e non riflettono né rappresentano necessariamente le opinioni e le opinioni di Cointelegraph.

Zachary Kelman è il managing partner di Kelman PLLC, uno studio legale boutique con sede a New York specializzato in questioni relative alla criptovaluta e alla tecnologia blockchain. Lo studio si occupa sia di contenzioso che di questioni societarie, compresa la consulenza sulla conformità agli standard internazionali per i dati e i servizi finanziari. Zachary ha fornito consulenza agli enti governativi e alle banche centrali di tutto il mondo sull’applicazione delle leggi locali e internazionali alle risorse digitali e ai loro molteplici usi.