Casa automobilistica di lusso Groupe Renault testato il suo progetto blockchain mirava a facilitare la certificazione di conformità dei componenti del veicolo.

Il progetto, Extended Compliance End-to-End Distributed, o meglio noto come XCEED, è nato dalla partnership di Renault con altre società per sviluppare una soluzione di catena di approvvigionamento blockchain condividendo i dati. È costruito sulla rete Hyperledger Fabric e distribuito in collaborazione con IBM. XCEED traccia e certifica la conformità normativa dei componenti del veicolo.

Renault ha testato XCEED nel suo stabilimento di Douai ed ha elaborato oltre un milione di documenti con 500 transazioni elaborate al secondo.

XCEED condivide le informazioni sulla conformità tra i produttori di componenti e coloro che producono le auto. Renault ha affermato che la piattaforma accelera la condivisione delle informazioni, portandola alla consegna in tempo reale. XCEED, ha spiegato la casa automobilistica, crea una rete affidabile per condividere i dati con riservatezza.

I partner di Renault per il progetto includono Continental, Faurecia, Plastic Omnium e Saint-Gobain. È stato annunciato per la prima volta nel 2019.

La casa automobilistica ha affermato che la necessità di una migliore soluzione di conformità è emersa con l’implementazione delle nuove normative sulla sorveglianza del mercato il 1 ° settembre Direttiva 2007/46 / CE dell’Unione Europea, rivisto nel 2020, stabilisce un migliore monitoraggio dei nuovi veicoli e componenti per soddisfare gli standard di sicurezza e ambientali. Renault ha affermato che l’intera catena di produzione “deve adeguare la propria struttura” per rispondere ai tempi più brevi fissati nella politica.

Odile Panciatici, vicepresidente blockchain del Groupe Renault, ha dichiarato:

“Il progetto XCEED che abbiamo avviato è un potente esempio della capacità di innovazione del Gruppo Renault. Siamo convinti che la blockchain sia un vettore per trasformare l’industria automobilistica. La tecnologia blockchain trova davvero il suo posto in un vasto ecosistema che coinvolge un numero di aziende diverse, fornendo un collegamento tra i vari processi, sistemi informatici e database dei partner. Ci sono molteplici usi per questo tipo di tecnologia nell’industria automobilistica, dove abbiamo scambi con innumerevoli attori esterni all’azienda, come fornitori, clienti e distributori indipendenti “.

Questa non è la prima incursione di Renault nella tecnologia blockchain. Renault, insieme ad altri giganti automobilistici BMW, GM e Ford e alle società tecnologiche IBM, Hyperledger, Bosch e IOTA, ha lavorato alla Mobility Open Blockchain Initiative (MOBI). Ha creato un database di numeri di identità del veicolo sulla blockchain. BMW ha anche realizzato una soluzione per la catena di approvvigionamento basata su blockchain.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here