La piattaforma di social media alternativa Minds ora consente agli utenti di salvare in modo permanente i propri contenuti sulla piattaforma Arweave, il che garantisce che nessuno possa mai eliminarli una volta pubblicati.

Gli utenti di Minds possono scegliere di pubblicare i propri contenuti su “permaweb” senza alcun pagamento o configurazione aggiuntiva richiesta. Dopo diversi minuti, il contenuto può essere visualizzato sull’esploratore di blocchi Arweave e si prevede che rimanga lì per sempre, o almeno fino a quando esiste Arweave, ha detto a Cointelegraph il CEO di Minds Bill Ottman.

Questo segna la prima grande integrazione della blockchain – o “blockweave”, nella terminologia di Arweave – nell’infrastruttura dei contenuti dell’azienda. Mentre Minds ha un token basato su Ethereum utilizzato per i premi e per pagare i servizi dell’azienda, la stessa piattaforma di social media era interamente basata su server web tradizionali.

Ad inaugurare il nuovo lungometraggio, Ottman pubblicato un’immagine e una citazione di George Orwell che dice: “Il passato è stato cancellato, la cancellazione è stata dimenticata, la bugia è diventata verità”.

L’idea di archiviare in modo permanente i contenuti non è del tutto nuova nello spazio delle criptovalute. Sistemi come Hive salvano automaticamente tutti i post sulla blockchain, ma Ottman ritiene che questo non sia il risultato ideale. “Si tratta di fornire opzioni agli utenti”, ha detto.

Non tutti potrebbero voler mantenere per sempre la loro storia sui social media. La normativa europea sulla privacy arriva fino a stabilire il “diritto all’oblio” da parte delle piattaforme online, in modo che gli utenti possano cancellare tutte le tracce della loro attività precedente se lo desiderano.

“Non credo [permanent storage] necessario per ogni post. È piuttosto importante pubblicare qualcosa in modo permanente, è meglio non dire nulla di cui ti pentirai. […] Penso che tu voglia dare alle persone entrambe le opzioni. “

L’uso della blockchain per l’archiviazione dei contenuti porta anche il vantaggio di un’infrastruttura più resiliente. “Se [Amazon] S3 non funziona, possiamo usarlo come backup “, ha aggiunto.

Tuttavia, il caso d’uso più ovvio di tale funzionalità è la resistenza alla censura. Anche i contenuti che non possono essere rimossi o modificati dopo la pubblicazione dovrebbero essere estremamente difficili da censurare.

Questo può essere visto come un’arma a doppio taglio. Maggiore Le piattaforme di social media sono attualmente sottoposte a controllo per fare contemporaneamente troppa moderazione dei contenuti e fare troppo poco, a seconda delle opinioni personali dei critici.

“Devi chiederti, quale scenario del 1984 vuoi? Vuoi uno scenario in cui tutte le informazioni possono essere bruciate a terra […] o vuoi che più contenuti siano permanenti? “

Ottman crede fermamente nell’idea che le informazioni non dovrebbero essere soffocate. “Se tra dieci anni abbiamo moderatori che stanno solo vietando cose casuali, per favore attaccaci”, ha detto.

Ma fidarsi dei fondatori di un’azienda sulla parola data potrebbe non essere sufficiente. La leadership di Twitter è famosa riferito a se stesso come “l’ala per la libertà di parola del partito per la libertà di parola” nel 2012, ma pochi anni dopo, il CEO di Twitter Jack Dorsey Distanziato se stesso da quei commenti.

Ottman ritiene che l’archiviazione di dati immutabili diventerà più comune. “È solo l’inevitabile evoluzione della tecnologia. Le cose stanno diventando più permanenti, più trasparenti “, ha detto. Forse sorprendentemente, questa opinione è condivisa dallo stesso Dorsey, Ha osservato Ottman.

La memorizzazione dei dati su un libro mastro immutabile potrebbe rimuovere molti dei meccanismi di controllo che consentono la censura, ma non tutti. Come ha detto Ottman, i nodi Arweave applicano un certo grado di moderazione dei contenuti prima di decidere se includerli. Inoltre, le informazioni potrebbero ancora essere nascoste dai front-end delle piattaforme di social media, il che potrebbe limitarne notevolmente la portata.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here