Matthew Piercey, l’operatore accusato di due società fraudolente che hanno sollecitato decine di milioni per investire apparentemente in mining di criptovaluta, assicurazioni sulla vita e altri beni, sono stati arrestati dalle autorità dopo un tentativo fallito di sfuggire agli agenti dell’FBI utilizzando uno scooter marino.

Secondo il media californiano The Sacramento Bee, il 44enne Shasta County eluso agenti che cercano di arrestarlo per un’ora. È fuggito per la prima volta con il suo camion dalla sua casa a Redding, in California.

Dopo aver guidato attraverso le zone residenziali della città, il sospetto ha deviato due volte fuori strada mentre si dirigeva verso l’autostrada Interstate 5, prima di abbandonare il suo veicolo sul bordo del lago Shasta.

Piercey ha quindi trascorso circa 25 minuti nel lago mentre veniva trascinato sott’acqua usando uno scooter marino, un dispositivo azionato dall’acqua che aiuta i subacquei a muoversi sott’acqua a velocità fino a 4 miglia all’ora. Sfortunatamente per lui, è stato arrestato quando è emerso dal lago.

Piercey deve ora affrontare molteplici accuse di frode telematica, frode postale, riciclaggio di denaro sporco e manomissione di testimoni in relazione alle operazioni delle sue società di investimento Family Wealth Legacy LLC e Zolla Financial LLC.

Si ritiene che le due società abbiano ricevuto 35 milioni di dollari dagli investitori dal 2015 per “prodotti di investimento”, inclusi schemi di mining di criptovalute, investimenti sanitari e titoli. Le aziende si rivolgevano a investitori facoltosi, con investimenti minimi limitati a $ 50.000.

Tuttavia, Piercey presumibilmente ammesso a un associato che il “Fondo di investimento” delle sue società non esisteva. Inoltre, l’imputato Ponzi si ritiene che l’operatore abbia poca comprensione delle criptovalute oltre a usare il termine come parola d’ordine. Joshua Cons, un avvocato che rappresenta i clienti di Family Wealth Legacy, ha dichiarato:

“Non so che sapessero cosa stavano facendo con la crittografia.”

Si ritiene che Piercey abbia speso 2,5 milioni di dollari per ristrutturare due case e le bollette della carta di credito. Si ritiene che anche il suo complice accusato, Kenneth Winton, abbia speso $ 1 milione dei fondi su una casa galleggiante.

I pubblici ministeri affermano che $ 8,8 milioni dei fondi raccolti sono stati forniti agli investitori precedenti per creare l’illusione che i fondi stessero generando profitti, aggiungendo:

“Del restante investimento netto di circa $ 26 milioni, rimangono poche o nessuna liquidità per ripagare gli investitori”.

L’accusa ha anche osservato che Piercey potrebbe essere condannato all’ergastolo se ritenuto colpevole. L’incidente sottolinea quanto sia facile per gli investitori anche ricchi perdere denaro per “opportunità di investimento” in criptovaluta inesistenti.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here