Una famosa catena di pizzerie con sede negli Stati Uniti ha iniziato ad accettare pagamenti in criptovaluta in tutti i suoi negozi in Venezuela.

Secondo un tweet del 27 novembre dalla società di servizi crittografici CryptoBuyer, Pizza Hut negozi nella nazione sudamericana ora accettare crypto come forma di pagamento per cibo e bevande. La mossa segue il azienda di crittografia che collabora con Mega Soft promuovere l’adozione in Venezuela facilitando i pagamenti crittografici in oltre 20.000 negozi e aziende.

“Pizza Hut al giorno d’oggi non può essere separata da questi progressi tecnologici e da tutti quelli che incorporano nuovi approcci per le necessità quotidiane”, disse Richard ElKhouri, Direttore generale per le operazioni venezuelane della catena di pizze, in un’intervista al notiziario locale ElAxioma. “È importante ospitare giovani, adulti moderni e persone tecnologicamente informate”.

Utilizzando CryptoBuyer, i clienti possono acquistare la pizza presso la catena di ristoranti con Bitcoin (BTC), Litecoin (LTC), Dash (DASH), Binance Coin (BNB), Binance USD (BUSD), Ether (ETH), Tether (USDT), Dai (DAI) e il suo token nativo XPT. Pizza Hut ha sedi nella capitale, Caracas, ma anche nelle città di Maracay, Maracaibo e Barquisimeto.