I miliardari stanno accumulando sempre più Bitcoin (BTC) negli ultimi mesi. Seguendo l’esempio di Paul Tudor Jones, il gestore di hedge fund Stanley Druckenmiller è diventato l’ultimo miliardario di divulgare pubblicamente il suo investimento in Bitcoin.

La performance di Bitcoin dal 2015. Fonte: TradingView.com

Ci sono quattro ragioni principali per cui Bitcoin sta diventando più interessante per gli investitori con un patrimonio netto elevato. Le ragioni sono l’efficacia di Bitcoin come diversificatore di portafoglio, copertura contro l’inflazione, alternativa all’oro e grande potenziale di rischio-rendimento.

Gli investitori vedono sempre più Bitcoin come “oro 2.0”

L’oro è un’importante riserva di valore e un bene rifugio per gli investitori istituzionali. Serve come copertura contro l’inflazione e come copertura contro un potenziale ribasso del mercato.

Gli investitori considerano l’oro più come un metodo di assicurazione per proteggere un portafoglio dalle correzioni del mercato e dall’incertezza macro. Pertanto, le attività rifugio in genere non restituiscono grandi guadagni nel breve e medio termine.

Bitcoin ha il potenziale per ottenere entrambi, poiché si sta evolvendo in un bene rifugio con enorme potenziale di crescita.

La capitalizzazione di mercato dell’oro è stimata intorno ai $ 9 trilioni. Al contrario, Bitcoin ha un valore di $ 285 miliardi, lasciando un ampio divario tra le valutazioni dei due asset.

In un’intervista con CNBC il 9 novembre, Druckenmiller sottolineato che il marchio di Bitcoin come riserva di valore migliora solo con il passare del tempo. Egli ha detto:

“Bitcoin potrebbe essere una classe di asset che ha molta attrazione come riserva di valore sia per i millennial che per i nuovi soldi della West Coast – e, come sai, ne hanno ottenuto molto. È in circolazione da 13 anni e ogni giorno che passa acquisisce sempre più stabilità come marchio “.

Grande potenziale rischio / rendimento

Durante la sua intervista, Druckenmiller ha notato che possiede “molte molte più volte oro” di Bitcoin. Ma l’investitore miliardario ha sottolineato che se l’oro aumentasse, Bitcoin vedrebbe anche enormi guadagni e “probabilmente funzionerebbe meglio”.

Rispetto all’oro, la criptovaluta dominante è “più sottile” e “più illiquida”, ha detto l’investitore. Quindi, c’è un potenziale di rialzo più ampio, anche se Bitcoin è composto da una percentuale di portafoglio inferiore rispetto all’oro.