L’exchange di criptovalute Okcoin potrebbe presto aprire le sue porte ai trader di criptovalute a Malta e nei Paesi Bassi dopo l’approvazione dei principali regolatori.

In un annuncio di giovedì, Okcoin disse aveva ottenuto la registrazione formale dalla banca centrale dei Paesi Bassi e ottenuto l’approvazione “in linea di principio” per una licenza di attività finanziarie virtuali dalla Malta Financial Services Authority. Inoltre, lo scambio ha ottenuto una licenza per il trasferimento di denaro per il territorio statunitense di Porto Rico.

I benchmark normativi in ​​Europa fanno parte dei piani di Okcoin di collaborare con banche locali e fornitori di servizi di pagamento per ridurre al minimo i rischi di regolamentazione e rendere più facile per i clienti l’acquisto di criptovalute con l’euro. Lo scambio fornisce ai residenti olandesi il trading da cripto a cripto dal 2018 e si è registrato presso la banca centrale del paese come fornitore di servizi crittografici a maggio 2020.

“Con queste licenze, continueremo a far crescere la nostra presenza in modo aggressivo in Europa e ad aggiungere binari di pagamento e partnership bancarie”, disse Il CEO di Okcoin Hong Fang. “L’Europa è un grande obiettivo per i nostri piani di crescita globale e abbiamo aggiunto quasi 25 membri del team nel 2021 per servire meglio i nostri clienti in questa regione”.

Fondato nel 2013, Okcoin è uno degli exchange di criptovalute più antichi del mondo e si è costantemente ampliato fino a servire clienti in oltre 185 paesi. Sebbene la sua sede abbia sede negli Stati Uniti, l’anno scorso Okcoin trasferito a Singapore dopo che aveva anche approvazione regolamentare assicurata in Giappone.

Relazionato: L’exchange di criptovalute OKCoin sceglie la controllata FIS Worldpay per guidare l’espansione globale

Molte aziende di criptovalute e blockchain hanno avviare operazioni a Malta, aspettandosi che il paese fornisca regolamenti favorevoli all’interno di un membro dell’Unione Europea. Nei Paesi Bassi, tuttavia, i funzionari ha chiesto un divieto totale sull’estrazione, il trading o la detenzione di Bitcoin il mese scorso.