Brian Brooks, l’ex dirigente Coinbase diventato leader dell’Ufficio statunitense del Comptroller of the Currency, o OCC, ha recentemente ricevuto un lettera da più membri del Congresso che esprimono preoccupazione per la sua leadership criptata.

La lettera, di Stephen Lynch e Rashida Tlaib, due membri del Congresso rispettivamente per il Massachusetts e il Michigan, contiene anche le firme di Jesús García, Deb Haaland, Barbara Lee e Ayanna Pressley – rappresentanti dell’Illinois, del New Mexico, della California e del Massachusetts.

La lettera fa riferimento alle “recenti azioni unilaterali dell’OCC nello spazio delle attività finanziarie digitali, comprese lettere interpretative sulla custodia di criptovalute, stablecoin e i suoi piani annunciati per iniziare a offrire carte speciali per i pagamenti”, un media dichiarazione da Tlaib ha detto ieri.

L’industria delle criptovalute ha visto una serie di decisioni chiave sulla chiarezza normativa nel 2020, in parte grazie all’OCC di Brooks. A luglio, banche istituite a livello federale ha ricevuto l’approvazione normativa per la custodia delle criptovalute, mentre settembre ha inaugurato l’approvazione per la custodia di riserve di stablecoin da parte di tali banche.

“Data la limitata autorità statutaria dell’OCC, esortiamo il Controllore a riconsiderare seriamente le implicazioni di un approccio unilaterale e invitiamo invece l’OCC a collaborare con altri regolatori e il Congresso su queste questioni”, si legge nella lettera.