Lo scorso venerdì sera, il crypto YouTuber Ivan on Tech mi ha inviato un messaggio su Twitter. Poco dopo la nostra conversazione, mi ha gentilmente offerto un’opportunità di investimento in “Bitcoin trading / mining”, per gentile concessione di una piattaforma che secondo lui era associata a Binance.

Una storia di due Ivan; quello vero è a sinistra. Fonte: Twitter.

In realtà, tuttavia, sono stato avvicinato da un imitatore di Ivan, che spacciava una truffa di affinità crittografica. La piattaforma “Ivan” pubblicizzata, chiamata Cryptobinance, non ha alcuna affiliazione con l’exchange Binance, ha detto a Cointelegraph un rappresentante dell’azienda. Ma ho giocato con il truffatore per vedere quali informazioni aggiuntive potevano essere ottenute da lui. Gli ho detto che ero impressionato dalla sua offerta e che sarei stato disposto a investire 50 Bitcoin (BTC) nel regime – i fondi che ho affermato facevano parte del mio piano pensionistico.

Pacchetti di investimento in criptobinanza. Fonte: Cryptobinance.

Mi sono registrato a Cryptobinance. Il passo successivo per me sarebbe stato inviare un po ‘di Bitcoin all’indirizzo del presunto scambio per finanziare la mia attività di investimento. Secondo i dati di Blockchain di cristallo, l’indirizzo fornito (39vgPqvsT1YbahCUcRrjtHR6a1oWaUZzxN) è attivo dal 23 agosto e ha ricevuto finora 0,3 BTC. L’indirizzo sembra appartenere a un utente Coinbase. Non sappiamo se questo è l’unico indirizzo che questo particolare scammer utilizza per sollecitare investitori ignari, ma un ricerca per questo indirizzo sul sito web Bitcoinabuse non ha restituito alcun rapporto.

Nel frattempo, il sosia di Ivan mi ha assicurato che questo investimento sarebbe stato fantastico per il mio portafoglio:

Fonte: Twitter.

Ero curioso di vedere quanto sarebbe sceso questo truffatore. Dopo alcune considerazioni, ho deciso di inventare un amico che sostenevo fosse un veterano dell’esercito paralizzato. Il mio coraggioso, anche se del tutto immaginario, compagno aveva messo da parte dei soldi, destinati ad essere usati per le sue spese mediche. Questi fatti non hanno avuto conseguenze per il falso Ivan:

Fonte: Twitter.

Senza esitazione, il truffatore ha assicurato che entrambi avremmo profittato profumatamente, se solo avessimo affidato i nostri risparmi a Cryptobinance.

Sembra che non sia cambiato molto in termini di come Twitter gestisce gli account relativi alle truffe, alla luce dell’ormai famigerato hack dei suoi servizi a luglio. Durante quell’evento, alcuni adolescenti hanno tenuto in ostaggio gran parte del mondo online dopo essere riusciti a rilevare account appartenenti a Barack Obama, Joe Biden, Elon Musk, Bill Gates e molti altri. Nient’altro che mancanza di ambizione e lungimiranza da parte degli hacker limitato questo importante attacco a soli 12 BTC in danni. Secondo il co-fondatore di Blockstream Adam Back, è quasi impossibile convincere Twitter a reprimere gli imitatori che truffano apertamente gli utenti della piattaforma:

“Se segnali un imitatore, ti chiedono di caricare nuovamente l’ID del governo su ogni handle segnalato. E sfortunatamente, anche quando includi reclami che le persone vengono truffate e ti contattano per i rimborsi, sono molto lenti a bloccarli. È passato più di un mese per me con @ adam3u_s [one of many Back’s Twitter impersonators]. “

Il problema è diventato così grave per Blockstream che anche loro creato il proprio database di tutte le truffe che cercano di trarre profitto dal loro marchio.

Simile sono stati presentati reclami contro un’altra piattaforma importante, Youtube. L’abbondanza di YouTube fregature coinvolgendo Cardano (C’È) ha costretto il suo fondatore Charles Hoskinson a incorporare “Non regalerò mai ADA” nei suoi stream di YouTube.

Fonte: Canale YouTube di Charles Hoskinson.

Allo stesso tempo, molti Gli YouTuber crittografici legittimi sono caduti vittima della censura della piattaforma. Forse queste piattaforme non ritengono che la nicchia crittografica sia abbastanza importante da allocare quantità adeguate di risorse per il monitoraggio di attività senza scrupoli. Tuttavia, poiché il fondatore di Twitter Jack Dorsey è uno dei principali sostenitori delle criptovalute, è una sorpresa che Twitter non abbia colto la gravità di questo problema.

Ciò è particolarmente problematico, data la vicinanza alle elezioni presidenziali statunitensi e i molti legittimi sforzi di raccolta fondi che si verificano in tandem. Se i giganti dei social media non sono in grado o non vogliono stabilire soluzioni adeguate a queste terribili minacce, la comunità blockchain potrebbe aver bisogno di farlo fornire agli utenti le proprie alternative valide e decentralizzate.

Non c’è dubbio che questo comportamento viola La politica sulle truffe finanziarie di Twitter, che recita:

“Non puoi ingannare altri facendoti inviare denaro o informazioni finanziarie personali gestendo un conto falso o fingendo un personaggio pubblico o un’organizzazione”.

Il problema sembra essere che la società potrebbe non avere risorse sufficienti per controllare la sua base di utenti ampia e in continua crescita. Nel 2019, Dorsey e Vijaya Gadde, che guida le politiche pubbliche e legali di fiducia e sicurezza su Twitter, apparso sul podcast di Joe Rogan per rispondere alle domande sugli sforzi dell’azienda per regolare il discorso sulla piattaforma. Durante il podcast, Gadde ha affermato che ogni giorno gli utenti generano centinaia di milioni di tweet, mentre l’azienda impiega solo 4.000 persone. Pertanto, gran parte dei compiti di monitoraggio sono delegati agli appaltatori, il cui numero viene adeguato dinamicamente a seconda della domanda.

Dorsey ha affermato che, a suo avviso, la tecnologia blockchain è un punto di svolta per l’industria, poiché i contenuti di Internet vivranno per sempre, il che presenta sfide e opportunità uniche:

“Si può dire che tutto su Internet vive per sempre, ma in genere non è vero perché qualsiasi host o qualsiasi connessione può interromperlo. La blockchain cambia tutto. Può effettivamente esistere per sempre, in modo permanente, senza che nessuno possa toccarlo, governo, azienda, individuo. E questa è una realtà a cui dobbiamo prestare attenzione e comprendere veramente il nostro valore “.

Verso la fine della conversazione, lo YouTuber Tim Pool, che ha ospitato il podcast con Rogan, ha detto che spera di vedere presto la versione blockchain di Twitter, con Rogan che risponde:

“Succederà che ci piaccia o no.”

Secondo un portavoce di Binance, la società archivia circa 180 rapporti mensili di truffe. Simile a Blockstream, Binance ha costruito un portale online, chiamato Binance Verify, che consente agli utenti di determinare l’autenticità di tutti gli account e siti web ispirati a Binance.

Cointelegraph ha contattato il vero Ivan su Tech, ma non ha ricevuto risposta in tempo per la pubblicazione.





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here