L’open interest per le opzioni Bitcoin ha raggiunto il massimo storico di $ 2,14 miliardi il 24 settembre, un giorno prima di un’enorme scadenza trimestrale di 89.100 contratti, ovvero il 47% dei contratti di opzione esistenti in quel momento. Le opzioni sono contratti derivati ​​che danno al titolare il diritto (ma non l’obbligo) di acquistare o vendere un’attività sottostante a un prezzo predeterminato, noto anche come “prezzo di esercizio”.

Osservando le tendenze dell’OI prima di ogni scadenza mensile e trimestrale, ci sono picchi appena prima della data di scadenza, e sono stati incrementali dopo ogni scadenza, indicando la maggiore liquidità nel Bitcoin (BTC) mercato delle opzioni e un numero crescente di investitori partecipanti.

Poiché questa scadenza passata era una scadenza trimestrale per il terzo trimestre, ci si aspettava che l’open interest sarebbe cresciuto oltre l’OI visto nelle precedenti scadenze mensili dello stesso trimestre. Cointelegraph ne ha discusso ulteriormente con Shaun Fernando, responsabile della strategia di rischio e di prodotto di Deribit – uno scambio di criptovalute – che ha concordato dicendo che “la tendenza dell’open interest in aumento ogni scadenza trimestrale indica una tendenza di un aumento della liquidità nelle opzioni”, aggiungendo ulteriormente:

“Più a lungo esiste una scadenza, più l’open interest può aumentare man mano che i trader prendono posizioni in quella scadenza. Quindi, la scadenza di marzo 2021 è stata introdotta alla fine di giugno, il che dà più tempo per la creazione di posizioni rispetto a una scadenza giornaliera, che generalmente avrebbe due giorni di esistenza. Quindi i trimestrali sono correlati nell’interesse aperto. “

Oltre a essere un OI elevato correlato alla liquidità delle opzioni e all’aumento del numero di partecipanti al mercato, potrebbero anche essere guidati da eventi macroeconomici più ampi all’interno dei mercati crittografici come l’hype della finanza decentralizzata e effetti a lungo termine dell’halving di Bitcoin sui mercati. Lennix Lai, direttore dei mercati finanziari di OKEx crypto exchange, fa eco a questa valutazione mentre affronta il motivo per cui c’è un calo immediato dell’OI subito dopo la scadenza:

“L’open interest è normalmente correlato all’incertezza attesa e agli eventi che dovrebbero avere un impatto fondamentale sul prezzo del sottostante. Quindi, l’OI alla scadenza di settembre è ragionevolmente più grande a causa del principale evento di impatto del settore del terzo dimezzamento di Bitcoin a maggio e dell’hype generale della DeFi – e quindi, l’OI più grande riflette le esigenze degli investitori di proteggersi con le opzioni negli ultimi mesi. Il successivo calo dell’OI indica che tale esigenza per quel tipo di gestione del rischio basata sugli eventi è comparativamente minore ora.

La crescente tendenza all’open interest nelle opzioni BTC sembra essere un segnale positivo per le cose migliori in arrivo per il mercato dei derivati ​​crittografici, secondo Lai: “Infatti! Il segno del crescente interesse aperto riflette potenzialmente che più partecipanti stanno entrando nel mercato. Inoltre, qualsiasi ulteriore stimolo al mercato può creare una fase aggressiva per le opzioni BTC “.

Movimenti di prezzo minimi

Nonostante la volatilità dei prezzi prevista prima di questa scadenza dove quasi la metà di tutti i contratti di opzioni Bitcoin in circolazione erano in scadenza, non c’è stato alcun impatto significativo sui prezzi. Uno dei motivi principali potrebbe essere la dimensione del mercato delle opzioni / dei derivati ​​rispetto al mercato spot BTC. Tuttavia, gli investitori sperano che il mercato delle opzioni e dei futures crescerà fino a diventare una frazione più ampia del mercato spot BTC, che ha una capitalizzazione di mercato di $ 194,11 miliardi. Lai ha inoltre affermato che “l’influenza dei prezzi non è così forte da creare una grande varianza”, aggiungendo: “Sebbene non vi sia una correlazione diretta tra OI e prezzo post / pre-scadenza nei mercati tradizionali, i mercati delle criptovalute non si fanno da parte”.

A parte questo motivo principale alla base del perché non c’è un movimento di prezzo significativo è che i rapporti put-call non sono stati fortemente sbilanciati da un lato. Un contratto put è un contratto di opzione che consente al titolare il diritto di vendere un importo specifico di un’attività sottostante in un momento fisso entro una durata specifica, mentre un contratto call conferisce al titolare il diritto di vendere l’attività sottostante con prerequisiti simili. Dan Koehler, liquidity manager di OKCoin – uno scambio crittografico con sede a San Francisco – ha elaborato:

“Il crescente interesse aperto per le opzioni BTC può avere un impatto fondamentale sul mercato spot se arriva un momento in cui c’è un grande squilibrio di posizione in cui il rapporto put-call è fortemente sbilanciato da un lato. In tali occasioni, quando si verifica la scadenza, se viene esercitata la maggior parte delle opzioni in-the-money, il contratto assegnato provocherà un’azione sui prezzi su BTC allo strike predeterminato, questo farebbe pressione sui prezzi del mercato spot in risposta.

Le opzioni “in the money” si riferiscono alle opzioni che detengono un valore intrinseco per gli investitori. Un’opzione call ITM significa che gli acquirenti di opzioni avrebbero l’opportunità di acquistare l’asset al di sotto del suo prezzo di mercato corrente, mentre un’opzione put ITM offre agli acquirenti l’opportunità di vendere l’asset al di sopra del suo prezzo di mercato corrente. Questi sono visti come un contratto di opzioni “out of the money”.

Il rapporto put-call è stato relativamente stabile, con una media di circa 0,7 nell’ultimo mese, il che indica che esiste ancora un sentimento rialzista tra gli investitori nonostante il prezzo spot di BTC si sia contratto di $ 900 all’inizio della settimana di scadenza.

Sebbene questi siano i punti principali, ci sono molti fattori all’interno della scadenza delle opzioni che giocano un ruolo nel fatto che il prezzo dell’asset sottostante vedrà un movimento di prezzo più ampio. Koehler indica la “concentrazione di strike dell’89K in OI” come un altro aspetto significativo: “Se lo strike open interest non coincide con il prezzo corrente di BTC, i market maker dovranno fare meno copertura dell’ultimo minuto che potrebbe provocare colpi bloccati o scivolosi. “

Le opzioni influiscono sui mercati spot

Oltre alle opzioni che giocano un ruolo nell’indicare il sentiment del mercato vicino ai giorni di scadenza delle opzioni, spesso sono anche un indicatore di questo sentiment. Fernando ha affermato che “le opzioni possono già aver avuto un effetto sul sottostante prima del regolamento”, aggiungendo inoltre:

“In passato abbiamo visto le balene scambiare opzioni che potrebbero essere utilizzate come indicatore principale per il sottostante: questo effetto può essere duplice, poiché le controparti coprono il delta del sottostante, ma anche poiché quelle balene potrebbero cercare di estrarre tanto valore da qualsiasi commercio futuro direzionale di grandi dimensioni che potrebbero voler eseguire. “

Le opzioni servono a vari scopi per diversi tipi di investitori. Gli investitori avversi al rischio utilizzano le opzioni come strumento di copertura che serve a ridurre il rischio nei loro portafogli. Per gli speculatori, le opzioni offrono la possibilità di avere modi a basso costo per andare long o short sul mercato con un rischio di ribasso calcolato e limitato. Le opzioni offrono anche opportunità di profitto potenziale in qualsiasi scenario di mercato utilizzando strategie flessibili e spesso complesse come spread e combinazioni.

Le opzioni BTC negoziate sul Chicago Mercantile Exchange sono denominate “Opzioni CME su Bitcoin Futures”. Sono spesso un segno di interesse istituzionale per Bitcoin, che sembra anche essere aumentato fino alla scadenza trimestrale del 25 settembre. Cointelegraph ha discusso il ruolo di queste opzioni con Tim McCourt, responsabile globale dell’indice azionario e dei prodotti di investimento alternativi del Gruppo CME, che ha dichiarato:

“Le nostre opzioni Bitcoin CME sono iniziate bene quest’anno. Dal lancio del 13 gennaio, sono stati scambiati più di 27.000 contatti, equivalenti a 135.000 Bitcoin. Le nostre opzioni sono progettate per aiutare sia le istituzioni che i trader professionisti a gestire l’esposizione ai Bitcoin del mercato spot, oltre a coprire le loro posizioni sui future sui Bitcoin. “

Le opportunità che le opzioni e il mercato dei derivati, in generale, offrono agli investitori hanno contribuito a una maggiore stabilità dei prezzi che si sta attualmente assistendo per Bitcoin. La capacità di assumere una pletora di posizioni opposte, attraverso strumenti come long / short e put / call, ha contribuito a ridurre le ampie e frequenti oscillazioni dei prezzi osservate in passato con Bitcoin. Koehler ha aggiunto:

“Il crescente sviluppo dell’infrastruttura crittografica, come il trading, la gestione del rischio e del portafoglio e i sistemi di aggregazione della liquidità, stanno anche aiutando a maturare il processo di scoperta dei prezzi dei trader. Questi sviluppi in miglioramento stanno creando un caso in cui, sebbene potremmo raggiungere gli ATH in OI, i prezzi BTC potrebbero muoversi in incrementi graduali costanti rispetto a impatti sui prezzi immediati molto ampi a causa dell’aumento dell’interesse aperto “.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here