Bithumb, il più grande scambio di criptovalute in Corea del Sud, si prepara a chiudere alcuni dei suoi uffici a causa della pandemia COVID-19 in corso.

Secondo un funzionario annuncio il 23 novembre, Bithumb sospenderà temporaneamente il suo centro di supporto offline a Gangnam per prevenire la diffusione di COVID-19. Bithumb ha osservato che il numero di casi confermati a livello nazionale della malattia da coronavirus è aumentato, inducendo le autorità locali ad adottare misure più preventive.

Il centro di assistenza di Bithumb a Seoul sarà chiuso il 24 novembre fino a nuovo avviso. Nel frattempo, Bithumb gestirà un centro di assistenza clienti online.

Bithumb ha pubblicato attivamente sul suo blog negli ultimi mesi, ma nessuno degli annunci ha toccato un’indagine segnalata nei confronti dei suoi dirigenti. Come riportato, almeno la polizia sudcoreana ha condotto due incursioni negli uffici di Bithumb in relazione alla presunta frode, mentre il presidente della società Lee Jung-hoon Secondo quanto riferito, è stato convocato per l’interrogatorio. Bithumb non ha risposto a nessuna delle richieste di commento di Cointelegraph.

Come riportato da Cointelegraph, la pandemia ha avuto finora un impatto importante sull’industria blockchain e crypto, apparentemente essendo uno dei motivi principali dietro Bitcoin (BTC) aumento parabolico nel 2020. Secondo alcuni dirigenti del settore, COVID-19 non ha avuto un impatto negativo sul settore blockchain, ma ha guidato una maggiore domanda di innovazione e adozione di blockchain.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here