Uno degli argomenti più discussi all’interno della comunità crittografica di recente è stato l’annuncio di PayPal ai suoi clienti sarà in grado di acquistare e vendere criptovalute. Il servizio dovrebbe essere completamente implementato all’inizio del prossimo anno.

L’obiettivo dell’azienda “aumentare la comprensione dei consumatori e l’adozione della criptovaluta”, come dichiarato nel suo comunicato stampa, sembra essere un passo necessario nella divulgazione delle criptovalute. La consapevolezza mainstream della crittografia rimane ancora molto bassa. Come indicano i dati di un sondaggio Statista, Bitcoin (BTC) l’uso nei paesi con economie sviluppate è inferiore al 10%, con il più basso livelli in Svezia, Danimarca e Giappone. Nel frattempo, alcuni prevedono ottimisticamente che questo numero crescerà fino al 90% della popolazione degli Stati Uniti entro il 2030.

Relazionato: L’integrazione crittografica di PayPal significa che Bitcoin potrebbe triplicare la sua base di utenti

Il presidente e CEO di PayPal, Dan Schulman, ha affermato che “il passaggio alle valute digitali è inevitabile, portando con sé chiari vantaggi in termini di inclusione finanziaria e accesso; efficienza, velocità e resilienza del sistema dei pagamenti; e la capacità per i governi di erogare rapidamente fondi ai cittadini. “Allo stesso modo, l’ex primo ministro di Malta, Joseph Muscat, ha detto all’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2018 che le criptovalute erano”inevitabile futuro del denaro.

Relazionato: I piccoli passi di PayPal nella crittografia non stanno smorzando l’hype per l’adozione

PayPal inizierà offrendo i suoi servizi agli utenti con Bitcoin, Ether (ETH), Litecoin (LTC) e Bitcoin Cash (BCH), e la società ha acquisito dal Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York quella che sostiene essere una BitLicense condizionale “prima nel suo genere” – una licenza richiesta per gestire un’attività di valuta digitale a New York – e ha collaborato con Paxos, operatore di stablecoin con sede negli Stati Uniti, per abilitare questo servizio ai propri clienti.

Considerando che PayPal ha registrato 346 milioni di utenti attivi nel secondo trimestre del 2020, una cifra che da allora è aumentato nel terzo trimestre a 361 milioni, secondo il suo ultimo trimestre rapporto – la decisione di offrire ai propri clienti servizi legati alle criptovalute sembra essere un passo significativo verso l’adozione mainstream. L’anno scorso, Cointelegraph ha chiesto agli esperti nei settori crittografico e blockchain per le loro opinioni sull’adozione di massa delle criptovalute. Questa volta la domanda era: Il recente annuncio di PayPal di iniziare a offrire pagamenti crittografici potrebbe forse forzare l’adozione di massa della crittografia?

Cristina Dolan, fondatore e CEO di InsideChains e vicepresidente del MIT Enterprise Forum:

“Questo è un annuncio molto entusiasmante che aiuterà ad aumentare l’adozione della crittografia per il trasferimento di valore o i pagamenti tradizionali offrendo una soluzione semplice e integrata per i 346 milioni di utenti PayPal attivi. La parte più difficile dell’utilizzo della crittografia per i pagamenti è la rampa di accesso dalle reti crittografiche che utilizzano le coppie di chiavi per effettuare un pagamento o un trasferimento. Ridurre tale attrito al punto della transazione renderà più facile integrarlo in semplici casi d’uso di trasferimento di valore, rendendolo quindi meno intimidatorio. Ciò potrebbe persino aumentare la velocità della spesa in criptovalute e Bitcoin attraverso la rete, aumentandone l’usabilità e il valore percepiti come valuta, non solo come riserva di valore. PayPal domina l’elaborazione dei pagamenti, ma l’integrazione della crittografia può anche attrarre nuovi clienti “.

Dominik Schiener, co-fondatore della IOTA Foundation:

“Poiché non vi è alcuna modifica alla parte commerciale di queste transazioni, in questo momento l’adozione sarebbe da parte dell’utente. L’aggiunta di crittografia da parte di PayPal come opzione per gli utenti parla di un futuro in cui entrambe le estremità della transazione sono impegnate nella crittografia, il che è molto eccitante per la nostra adozione. Ciò porterà alla fine all’adozione di massa e a un nuovo metodo di pagamento non solo tra utenti e commercianti, ma anche tra dispositivi intelligenti e città intelligenti. Man mano che sempre più piattaforme di pagamento accettano criptovalute, vedremo che la consapevolezza cresce in una maggiore interconnettività con la tecnologia IoT. Alla fine, le criptovalute diventeranno parte della nostra vita quotidiana poiché sempre più aziende le utilizzano per cose come i pagamenti da macchina a macchina o le nostre auto che utilizzano pagamenti autonomi per pedaggi, addebiti e altri servizi. Le transazioni crittografiche offrono più opzioni per i pagamenti touchless, in cui i nostri dispositivi gestiranno la transazione end-to-end e possiamo mantenere le nostre carte nei nostri portafogli “.

Jay Hao, CEO di OKEx:

“Il passaggio di PayPal all’offerta di servizi di criptovaluta è estremamente rialzista per lo spazio; tuttavia, di per sé non segnala l’adozione di massa istantanea di essi. Quello che stiamo vedendo, che è un cambiamento epocale molto chiave, è la normalizzazione delle criptovalute come Bitcoin e la loro legittimazione da parte delle istituzioni e delle grandi società domestiche. Paypal inizierà a offrire questi servizi ai suoi clienti statunitensi, ma con circa 350 milioni di clienti in tutto il mondo, questo è un grande passo verso una maggiore consapevolezza e accettazione. Ovviamente, ciò non significa che tutti correranno ad acquistare Bitcoin, ma man mano che diventa gradualmente più accettato, in particolare sullo sfondo di una crisi economica in cui le valute legali stanno perdendo il loro potere d’acquisto, più entranti arriveranno naturalmente sul mercato . Penso che anche molti giganti dei pagamenti e aziende tecnologiche come PayPal stiano vedendo come stanno andando le cose e che hanno bisogno di aderirvi o di esserne investiti. Mi aspetto che la tendenza a venire, e mentre ci spostiamo nel 2021, sarà che più aziende come PayPal, fintech, hedge fund, broker e banche offrano servizi di criptovaluta, sia che si tratti della possibilità di acquistarla o di offrire servizi di custodia. Tutto sommato, le prospettive sono molto promettenti, ma potremmo dover aspettare un po ‘prima di poter dire che è stata raggiunta l’ “adozione di massa”. “

Jimmy Song, istruttore presso Programming Blockchain:

“L’unica cosa che ‘forza’ l’adozione di Bitcoin è il crollo del denaro fiat, che ancora non sta accadendo. L’annuncio di PayPal offre alle persone un ulteriore percorso per acquistare Bitcoin per immagazzinare valore o acquistare altcoin per giocare – questo è tutto. “

Dead Greenspan, fondatore di Quantum Economics:

“Sì. Questa mossa è probabilmente un enorme vantaggio per l’adozione di criptovalute nei pagamenti nel mondo reale. Milioni di persone che preferiscono pagare con le criptovalute sono sempre alla ricerca di nuovi fornitori che le accettino. PayPal sta ora aggiungendo effettivamente 22 milioni di commercianti a tale elenco e sta aprendo la porta ai suoi oltre 300 milioni di clienti attivi. Gli effetti immediati potrebbero essere ridotti, a seconda del livello al quale PayPal consente ai clienti di trasferire criptovalute dentro e fuori dal suo sito. Tuttavia, a lungo termine, gli utenti comprenderanno gli enormi vantaggi dell’utilizzo di risorse digitali e si renderanno conto che ora possono trasferire valore senza la necessità di terze parti. Quindi, in un certo senso, PayPal sta gettando i semi della propria distruzione “.

Roger See, presidente esecutivo di Bitcoin.com:

“Naturalmente, una piattaforma con oltre 300 milioni di utenti attivi aiuta a promuovere l’adozione di massa delle criptovalute. Delle quattro criptovalute aggiunte da PayPal, è la più rialzista per Bitcoin Cash e Litecoin poiché sono le uniche due utilizzabili per i pagamenti on-chain al momento. “

Queste citazioni sono state modificate e condensate.

Le opinioni, i pensieri e le opinioni qui espresse sono esclusivamente degli autori e non riflettono o rappresentano necessariamente le opinioni e le opinioni di Cointelegraph.