Decisione sui tassi di interesse della BCE, indice DAX 30, spread di rendimento italo-tedesco – Punti di discussione:

  • Il paradiso associato Yen Giapponese e Dollaro Americano perso terreno in ritardo durante il commercio Asia-Pacifico.
  • La Germania DAX 30 l’indice rischia di tornare indietro se la Banca Centrale Europea decide di mantenere lo status quo
  • Il pullback al supporto del canale ascendente sembra in vista mentre il DAX 30 lotta contro la resistenza chiave.

Riepilogo Asia-Pacifico

I mercati azionari si sono mossi al rialzo durante il commercio Asia-Pacifico, come l’australiano ASX 200 l’indice è balzato indietro sopra il livello psicologicamente cruciale di 5900 e quello del Giappone Nikkei 225 l’indice è salito dello 0,88%.

Il dollaro USA e lo yen giapponese associati al paradiso sono crollati verso la fine della sessione, mentre il AUD / USD e EUR / USD il tasso di cambio recuperato ha perso terreno.

Oro sono scesi leggermente al ribasso poiché i rendimenti dei titoli del Tesoro USA a 10 anni sono scesi sotto i 70 punti base.

Guardando al futuro, la decisione sui tassi di interesse della Banca centrale europea è in primo piano nel registro economico insieme ai dati iniziali sulle richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti per la settimana terminata il 5 settembre.

Grafico di reazione del mercato creato utilizzando TradingView

Inizia tra:

In onda:

16 settembre

(16:09 GMT)

Partecipa al Day 2 del Summit DailyFX discutendo di indici

DailyFX Education Summit: Negozia il tuo mercato – Giorno 2, Indici

Registrati al webinar

Iscriviti adesso

Il webinar è terminato

La decisione della BCE sui tassi potrebbe pesare sul DAX 30

L’indice di riferimento DAX della Germania rischia di invertirsi al ribasso se la Banca centrale europea decide di mantenere lo status quo al suo prossimo incontro di politica monetaria.

Recenti commenti di Isabel Schnabel suggeriscono che la BCE è ragionevolmente soddisfatta delle sue attuali impostazioni politiche, poiché il membro del Comitato esecutivo ha affermato che “fintanto che lo scenario di base rimane intatto, non c’è motivo di modificare l’orientamento della politica monetaria”.

Sebbene le politiche della banca centrale siano state calibrate “sulla base delle proiezioni di giugno”, Schnabel sembra fiduciosa che mentre “stiamo assistendo a una certa recrudescenza di infezioni, al momento sembra improbabile che vedremo di nuovo un blocco completo [which] è esattamente ciò che abbiamo ipotizzato nel nostro scenario di base a giugno ”.

Euro-Tasso di inflazione di zona

L'indice DAX 30 potrebbe scivolare al ribasso mentre la decisione sui tassi della BCE si sposta sul focus

Tuttavia, i dati economici recenti mostrano che la ripresa del blocco commerciale dalla stasi di marzo potrebbe essere rallentata nelle ultime settimane, poiché i dati PMI delle costruzioni per agosto hanno segnalato la sesta contrazione mensile consecutiva dell’attività del settore e il tasso di inflazione del blocco commerciale è sceso dello 0,2% per cento su base annua. anno.

Inoltre, i dati ad alta frequenza riflettono un notevole rallentamento in tutti e tre i parametri di mobilità – a piedi, in auto e in transito – in Germania, Spagna, Italia e Francia, come ‘seconda ondata’ delle infezioni da Covid-19 costringe i governi regionali a imporre misure di blocco mirate.

Detto questo, sembra relativamente improbabile che la BCE cercherà di introdurre ulteriori misure di stimolo nella sua prossima riunione dopo che alcuni membri del comitato hanno affermato che “la flessibilità del programma di acquisto di emergenza in caso di pandemia suggerisce che la dotazione di acquisto netto dovrebbe essere considerata un soffitto piuttosto che un obiettivo“.

Con questo in mente, l’assenza di una forward guidance aggressiva potrebbe pesare sui prezzi delle attività regionali se i responsabili politici dell’UE non riusciranno a placare i timori che un ulteriore allentamento delle condizioni di politica monetaria non sia ancora all’orizzonte.

Dati sulla mobilità nell’area dell’euro

L'indice DAX 30 potrebbe scivolare al ribasso mentre la decisione sui tassi della BCE si sposta sul focus

Fonte – Dati sulla mobilità Apple

Grafico giornaliero dell’indice DAX 30 – pullback a breve termine in vista

L’indice di riferimento tedesco DAX 30 potrebbe invertirsi al ribasso nei prossimi giorni poiché gli acquirenti lottano per superare la resistenza chiave al massimo di luglio (13315,6) e l’RSI non riesce a superare i 60 in territorio rialzista.

Inoltre, volume Ieri è sembrato calare in modo significativo nonostante il prezzo in aumento del 2,71%, il che potrebbe essere indicativo di uno slancio rialzista in calo.

Con questo in mente, un pullback verso il supporto del canale ascendente sembra essere in vista se il DAX 30 non è in grado di rimanere costruttivamente posizionato sopra l’apertura annuale (13126,5) e Media mobile di 21 giorni (13023.7).

Al contrario, una chiusura giornaliera al di sopra del massimo mensile (13464,2) convaliderebbe probabilmente il potenziale rialzista e traccerebbe un percorso per testare il massimo record fissato a febbraio (13828,8).

L'indice DAX 30 potrebbe scivolare al ribasso mentre la decisione sui tassi della BCE si sposta sul focus

Grafico giornaliero dell’indice DAX 30 creato utilizzando TradingView



dei clienti lo sono netto lungo.



dei clienti lo sono corto netto.

Cambiare in

Longs

Pantaloncini

CIAO

Quotidiano -45% 71% 19%
settimanalmente 2% 2% 2%

– Scritto da Daniel Moss, analista per DailyFX

Seguimi su Twitter @DanielGMoss

Aumentare la fiducia nel trading

Aumentare la fiducia nel trading

Consigliato da Daniel Moss

Aumentare la fiducia nel trading





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here