Sandie O’Connor, l’ex responsabile degli affari regolatori del gigante bancario JPMorgan Chase, entra a far parte del consiglio di amministrazione di Ripple.

Secondo un post sul blog di Ripple pubblicato ieri, O’Connor “fornirà consulenza su relazioni governative chiave e iniziative normative” come parte del suo ruolo nel consiglio di amministrazione. O’Connor ha lavorato in JPMorgan per 31 anni, ricoprendo il ruolo di Chief Regulatory Affairs Officer e Tesoriere della banca prima di andare in pensione nel 2019. Da luglio è membro del comitato consultivo per la risoluzione sistemica della Federal Deposit Insurance Corporation, o FDIC.

Il CEO Brad Garlinghouse ha affermato che la “vasta rete e la profonda comprensione dei mercati, dei flussi di capitali e delle banche” di O’Connor aiuterebbe Ripple a costruire “un sistema finanziario più inclusivo”.

“Gli Stati Uniti hanno bisogno di un quadro normativo unico e chiaro per le criptovalute che uniformi il campo di gioco e supporti l’innovazione e le aziende americane”, ha affermato Garlinghouse, affermando che l’aggiunta di O’Connor potrebbe aiutare l’azienda in questo percorso.

Garlinghouse e il co-fondatore di Ripple Chris Larsen hanno entrambi affermato in precedenza che la mancanza di chiarezza normativa da parte degli Stati Uniti potrebbe spingere l’azienda a spostare la sua sede da San Francisco in un altro paese. Ondulazione ha aperto un ufficio regionale a Dubai il mese scorso e a membro del consiglio ha dichiarato il Giappone potrebbe essere il “candidato più promettente” per la nuova sede dell’azienda.