Per quasi una settimana, incertezza sul perché OKEx ad un tratto ha sospeso i suoi prelievi di criptovaluta il 16 ottobre si è soffermato. La sospensione in corso è stata sconcertante per molti, ma i rappresentanti dello scambio sostengono che la mossa è stata esclusivamente perché uno dei detentori di chiavi private della società ha collaborato con un ufficio di pubblica sicurezza cinese. Con uno dei tre detentori di chiavi di OKEx ora in questione, il processo di autorizzazione di più firme dello scambio non può essere completato, bloccando così la sua funzione di ritiro.

A seguito delle segnalazioni del fondatore di OKEx Mingxing Xu sotto inchiesta da parte delle autorità cinesi, il prezzo di Bitcoin successivamente diminuito di circa il 3% nell’arco di meno di mezz’ora. Non solo, l’offerta di crittografia nativa di OKEx – il token OKB – è stata anche in calo, con il valore della valuta che è sceso di circa il 25% da quando è venuto alla luce l’incidente.

Vale la pena notare che poche ore prima che OKEx interrompesse i suoi servizi di prelievo, la piattaforma di monitoraggio delle transazioni on-chain Whale Alert ha notato diversi trasferimenti di grandi dimensioni tra OKEx e alcuni indirizzi di portafoglio sconosciuti. In tutto, un trasferimento di 1.180 Bitcoin (BTC) è stato seguito da un altro di 3.500 – entrambi del valore di circa $ 53,2 milioni combinati. Inoltre, 50 milioni di Tron (TRX) per un valore di $ 1,3 milioni è stato trasferito, insieme a 21.000 etere (ETH) del valore di $ 7,9 milioni e una transazione in entrata di circa $ 13,9 milioni in Tether (USDT).

Parlando direttamente sulla questione, il CEO di OKEx Jay Hao ha dichiarato a Cointelegraph che, sebbene comprenda pienamente che le azioni attuali della sua azienda possono avere un impatto negativo sul sentiment dei clienti, la decisione è stata presa tenendo a mente la sicurezza degli utenti:

“Ci scusiamo vivamente per questo. Essendo uno scambio leader a livello mondiale, la sicurezza degli utenti non è qualcosa su cui OKEx può o su cui potrà mai scendere a compromessi. Faremo tutto quanto in nostro potere per ripristinare prontamente questo servizio e forniremo aggiornamenti in merito il prima possibile. “

Hao ha continuato sottolineando che, ad eccezione dei prelievi, tutti gli altri servizi di OKEx come depositi, negoziazione a pronti, derivati ​​e picchettamento rimangono inalterati. Il 21 ottobre, la Fondazione Tron ha annunciato che l’avrebbe fatto facilitare un’opzione di “trasferimento interno” con un rapporto 1: 1 per tutti i titolari di TRX direttamente interessati dal congelamento del prelievo.

Perché così riservato?

È comprensibile che un’azienda non sia obbligata a condividere dati investigativi sensibili con i propri clienti immediatamente dopo un’improvvisa sospensione del servizio, i clienti sono cominciando a sentire che un po ‘più di chiarezza sarebbe il benvenuto, considerando che il divieto di ritiro da parte di OKEx è in vigore da oltre quattro giorni.

Fornendo le sue opinioni sulla questione, una portavoce di OKEx ha detto a Cointelegraph che a causa di alcune circostanze imprevedibili, la società “non è in grado di rivelare la natura delle sue indagini in corso”. Proprio come Hao, ha affermato che, nonostante gli eventuali disagi causati, è importante che i clienti dell’azienda comprendano che la decisione di sospendere i prelievi di criptovaluta è stata presa per garantire un elevato standard di sicurezza. Lei ha aggiunto:

“Forniremo aggiornamenti sulla questione e ripristineremo il servizio completo il prima possibile. Non c’è motivo di allarmarsi sulla sicurezza delle risorse crittografiche degli utenti e sul fatto che non sia stata interrotta alcuna altra attività sulla nostra piattaforma. Mentre i nostri affari sono come al solito a parte il ritiro, ci scusiamo se ritieni che siamo rimasti in silenzio. Forniremo aggiornamenti quotidiani su Twitter “.

Ben Zhou, CEO dell’exchange di criptovalute ByBit con sede a Singapore, ritiene che, sebbene saltare prematuramente alle conclusioni potrebbe non essere salutare, sarebbe meglio che gli scambi centralizzati evitassero un singolo punto di errore in futuro e costruissero contingenze di sicurezza per garantire una sicurezza ottimale e disponibilità del servizio in ogni momento. Ha aggiunto: “La trasparenza è fondamentale, specialmente nello spazio crittografico, dove c’è tutta una serie di incertezze e potenziali rischi. La fiducia va in entrambe le direzioni e si costruisce attraverso la trasparenza “.

I critici di Crypto dicono la loro

Anche se Bitcoin ha continuato a forgiare una ripresa impressionante dopo il calo del prezzo del 3%, è ancora ovvio che il sentimento generale del mercato delle criptovalute potrebbe essere stato influenzato negativamente dalla situazione di OKEx insieme a quello che è successo alla piattaforma di scambio di criptovalute BitMEX.

All’inizio di questo mese, diverse agenzie federali negli Stati Uniti hanno presentato accuse contro i vertici di BitMEX: Arthur Hayes, Samuel Reed e Ben Delo. Di conseguenza, 100x Group, l’ente principale che governa le operazioni quotidiane di BitMEX, ha annunciato che non ricoprirà più ruoli esecutivi in azienda. A contribuire potenzialmente all’atteggiamento del mercato è stato KuCoin il 26 settembre che ha annunciato che lo era stato sul lato ricevente di un grosso hack, con il risultato che gli hot wallet di Bitcoin, Ether ed ERC-20 dell’azienda sono stati eliminati per un importo di oltre $ 275 milioni.

Chiarendo i suoi pensieri sull’argomento, Thor Chan, CEO dell’exchange di criptovalute con sede a Hong Kong Aax, ha dichiarato a Cointelegraph che, nonostante questi recenti sviluppi, il settore globale delle criptovalute sembra aver scongiurato ragionevolmente la pressione ribassista. Detto questo, ha aggiunto che il rumore che circonda OKEx, BitMEX e personaggi pubblici come John McAfee ha sicuramente generato onde d’urto in tutto il settore.

Problemi da risolvere

Mentre la crittografia offre ai clienti tutta una serie di vantaggi in termini di trasparenza, velocità di transazione più rapida e pagamenti transfrontalieri più economici, le tradizionali attività di infrastruttura di mercato non richiedono ai loro clienti di depositare fondi direttamente in uno scambio, piuttosto si avvalgono di broker. Ipoteticamente, anche se un broker dovesse fallire, i suoi clienti hanno sempre la possibilità di recuperare i propri fondi direttamente dalla banca del broker.

Infine, da un punto di vista legale, il fatto che OKEx abbia sede a Malta, un paese membro dell’Unione Europea, ma con sede a Hong Kong solleva alcune questioni relative alla giurisdizione. In effetti, questa stessa scappatoia è stata una delle principali cause di preoccupazione per i regolatori di tutto il mondo da quando il trading di criptovalute è diventato un mercato importante.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here