Il Texas, il secondo stato più grande degli Stati Uniti noto per la sua ospitalità del sud, sta abbracciando le frotte di Bitcoin (BTC) minatori che si sono recentemente riversati nella regione. A seguire Il giro di vite della Cina sul mining di criptovalute che si è verificato a maggio, un certo numero di società minerarie di Bitcoin si sono trasferite a The Lone Star State per condurre affari.

Tuttavia, questo non dovrebbe essere una sorpresa. Il Texas potrebbe benissimo essere il luogo ideale per l’estrazione di Bitcoin, a causa di ovvie ragioni come la sua rete elettrica deregolamentata, l’aumento delle energie rinnovabili e i leader politici che sono pubblicamente pro-cripto. Recentemente il governatore del Texas Greg Abbot twittato la sua eccitazione per come il Texas stia diventando il prossimo “leader delle criptovalute”, con la recente aggiunta di chioschi di criptovaluta disponibili nei negozi di alimentari.

Tuttavia, mentre tutti questi elementi rendono il Texas attraente per i minatori di Bitcoin che cercano di aprire un negozio, le comunità rurali in cerca di crescita economica sono diventate un’altra caratteristica meno discussa che sta attirando le compagnie minerarie in Texas.

Le contee del Texas accolgono i minatori di Bitcoin per rilanciare l’economia

Chad Harris, amministratore delegato di Whinstone Inc. – l’operatore della più grande struttura crittografica del Nord America che è stata recentemente acquisita da Riot Blockchain – ha detto a Cointelegraph che il suo team è venuto a Rockdale, in Texas, per costruire Whinstone dopo aver letto un articolo in Wired Magazine che descrive in dettaglio il fallimento della struttura mineraria cinese di Bitmain proprio in quella posizione nel 2019:

“Appena siamo arrivati ​​a Rockdale, non volevamo andarcene. Abbiamo costruito Whinstone in 183 giorni. Abbiamo iniziato a gennaio 2020 e attivato la struttura a giugno 2020. Ora abbiamo tre edifici, sottostazioni da 300 megawatt e stiamo espandendo altri 400 megawatt con quattro nuovi edifici”.

Mentre l’abbondanza di vento e la rete elettrica deregolamentata in Texas hanno aiutato l’azienda a crescere, Harris attribuisce anche una buona parte del successo di Whinstone a Rockdale, una piccola città nella contea di Milam con una popolazione di quasi 6.000 persone.

E anche se potrebbe non essere ovvio, Harris ha condiviso che il più grande vantaggio per Whinstone, dopo il costo dell’energia in Texas, è stata la forza lavoro dello stato. “Whinstone è unico rispetto alle altre società minerarie perché abbiamo il nostro personale composto da 120 dipendenti, tutti con assistenza sanitaria retribuita e 401k benefici.” Ha aggiunto: “Utilizziamo anche incentivi per i dipendenti del Texas e inviamo i nostri lavoratori al Temple College del Texas per formare e ottenere la certificazione in aree come l’edilizia, le risorse umane e altro ancora”.

Complessivamente, il Texas è composto da 254 contee, con una popolazione che varia da più di 4 milioni di persone ad alcune aree con poco più di 100 persone. Mentre lo Stato del Texas fornisce una serie di programmi di sviluppo locale per Incremento l’economia in alcune comunità, l’afflusso di società di mining di criptovalute sta avendo un impatto reale.

Ad esempio, il giudice Steve Young di Milam Country ha dichiarato a Cointelegraph che Whinstone è diventato parte integrante di Rockdale e della contea di Milam. Ha spiegato: “Whinstone ha fatto uno sforzo concentrato per essere parte della comunità essendo coinvolto in attività locali”. Young ha inoltre notato che Harris e il team fondatore di Whinstone sono arrivati ​​nella contea di Milam con pochi fondi, ma con coraggio e determinazione hanno messo insieme la più grande operazione di mining di Bitcoin in Nord America.

Mentre Whinstone potrebbe essere stata una delle prime strutture di mining di Bitcoin ad aver raggiunto questo obiettivo, altri stanno seguendo l’esempio. Peter Wall, CEO di Argo Blockchain, ha dichiarato a Cointelegraph che Argo ha aperto la strada a un attesissimo impianto di mining di criptovalute da 200 megawatt incentrato sull’energia rinnovabile nella contea di Dickens, in Texas.

Wall ha notato che Argo ha inizialmente interessato al mining di criptovalute nel Texas occidentale a causa delle abbondanti fonti rinnovabili nelle vicinanze, consentendo ad Argo di avere la capacità di ospitare la generazione rinnovabile nel sito. “Poiché non c’è carico locale, stiamo migliorando l’economia per i generatori rinnovabili nell’area e consentendo uno sviluppo ancora più rinnovabile”, ha commentato Wall.

Altrettanto importante, Wall ha spiegato che la contea di Dickens è una “zona di opportunità qualificata”, il che significa che la regione è una comunità in difficoltà sperimentando condizioni economiche difficili. Muro elaborato:

“Le operazioni di Argo nella contea di Dickens sosterranno la comunità locale. Riteniamo di poter rinvigorire la comunità attraverso la creazione di posti di lavoro e continueremo a esplorare opportunità per sostenere e sviluppare ulteriormente la contea, stabilendo al contempo la contea di Dickens come leader nella ridefinizione dell’energia per un futuro più verde, più pulito e rinnovabile”.

Secondo Wall, stabilire le attività minerarie di Argo servirà come un’enorme opportunità di crescita sia per Argo che per la comunità della contea di Dickens. Wall ha condiviso che la struttura di Argo dovrebbe essere completata nella prima metà del 2022. Oltre a costruire nel Texas occidentale, Argo ha anche iniziato fare domanda per un’offerta pubblica iniziale negli Stati Uniti.

Unendosi ai ranghi di Whinstone e Argo, il colosso delle operazioni minerarie di Bitcoin Core Scientific ha dichiarato a Cointelegraph che sta per acquisire Blockcap, una società mineraria di BTC con sede ad Austin, in Texas. Core Scientific è anche impostato per un quotazione pubblica sul Nasdaq presto.

Darin Feinstein, co-fondatore di Core Scientific, una società di infrastrutture blockchain, ha dichiarato a Cointelegraph che la società è stata attratta dal Texas per tutte le ragioni pratiche, tra cui le vaste quantità di terra, energia rinnovabile e fonti sostenibili. Tuttavia, la comunità del Texas è stata anche un fattore importante per Core Scientific per espandere le sue operazioni in Texas.

Feinstein ha osservato che il governatore del Texas Abbot ha creato un “ambiente favorevole agli affari di livello mondiale che non solo incoraggia l’imprenditorialità e la tecnologia, ma è stato accogliente per l’industria blockchain”. Secondo Feinstein, i leader cripto-friendly come il governatore Abbot sono necessari per distribuire il capitale.

Questo è un punto importante, considerando la quantità di capitale richiesta dall’attività di mining di Bitcoin. Ad esempio, l’indice di consumo energetico di Bitcoin del Digiconomist stimato che una transazione Bitcoin richiede 1.720 kWh per essere completata, che equivale a quasi 59 giorni di energia per la famiglia media degli Stati Uniti. “Una struttura di mining di criptovalute richiede molto capitale e devi fare buone scelte quando si tratta di partner commerciali e crescita a lungo termine”, ha affermato Harris.

Con in mente il successo a lungo termine, l’operatore elettrico di The Lone Star State – l’Electric Reliability Council of Texas, o ERCOT – ha iniziato a pagare Whinstone per un accordo per interrompere l’acquisto di energia durante l’aumento della domanda di energia, che si verifica in genere durante le estati eccessivamente calde del Texas . Harris ha spiegato:

“Storicamente, nel mercato ERCOT negli ultimi anni, potremmo aspettarci di spegnere tra le 50 e le 72 volte da giugno a settembre, in base alle condizioni della rete. Pensa a un miner di Bitcoin come a una centrale elettrica virtuale, possiamo letteralmente fornire energia (non prendendola) entro 5 secondi dal clic di un pulsante. Dove i fornitori di generazione tradizionale possono impiegare ore per accendersi per supportare una domanda extra.

Il Texas è accogliente, ma l’industria mineraria deve affrontare nuove sfide

Anche con il suo ambiente accogliente e le risorse naturali apparentemente abbondanti, le principali società minerarie di Bitcoin che attualmente vengono in Texas sono destinate ad affrontare nuove sfide che sono state aggravate dalla pandemia di COVID-19.

Secondo Harris, la più grande sfida che l’industria del mining di criptovalute deve affrontare attualmente è la carenza di materie prime. “Prodotti come trasformatori, cavi e altre parti sono davvero difficili da acquisire ora. Eravamo in anticipo sui tempi e abbiamo iniziato a ordinare forniture 6-8 mesi fa per espandere Whinstone quest’estate. Abbiamo ordinato tutto lo scorso ottobre.”

L’ultimo sondaggio Beige Book della Federal Reserve Reserve fondare che le aziende incolpavano le interruzioni del COVID-19 nella produzione e nella logistica della catena di approvvigionamento come la ragione della carenza di materie prime e dei picchi di prezzo per cose come prodotti agricoli e materiali da costruzione. “La consegna dei prodotti su edifici prefabbricati avverrà in 32 settimane invece di 14 settimane. I grandi trasformatori nelle sottostazioni impiegano 64 settimane per arrivare. Ogni azienda che oggi vuole costruire una struttura di mining di criptovalute avrà un problema con il materiale di consegna”, ha osservato Harris.

Relazionato: Una rivoluzione verde nel mining di criptovalute? L’industria risponde al campanello d’allarme

Anche se questo è il caso, è importante notare che il mining di criptovalute è ancora ampiamente decentralizzato. Pertanto, le principali strutture di mining di Bitcoin non sono gli unici attori che contribuiscono all’hash rate di Bitcoin. In effetti, i dati Spettacoli che la distribuzione del tasso di hash è sempre più a favore di piccoli minatori anonimi.

Inoltre, anche le grandi compagnie minerarie hanno beneficiato del divieto cinese sul mining di Bitcoin. Sam Tabar, chief strategy officer di Bit Digital, un minatore quotato in borsa, ha dichiarato a Cointelegraph che il divieto di mining di Bitcoin in Cina ha comportato un regalo non intenzionale agli Stati Uniti. “Ora, la mecca della generazione di Bitcoin si è spostata dalla Cina al Nord America, insieme a massicci investimenti di capitale, innovazione energetica e posti di lavoro”.