Il prezzo di Bitcoin (BTC) sta attraversando un periodo instabile. Dopo aver raggiunto $ 14.100 per la prima volta dal 2017, è seguito un netto calo. Tuttavia, i dati chiave sulla catena e i cluster di balene mostrano che i singoli investitori con un patrimonio netto elevato mantengono le loro posizioni.

Questa tendenza mostra che le balene non si aspettano una forte contrazione nel breve termine. Un basso livello di attività delle balene è una metrica positiva a seguito di un ampio trend rialzista. Mostra che le balene non sono ancora interessate a vendere BTC e probabilmente stanno anticipando un rally più ampio.

A breve termine, le aree di supporto di Bitcoin si trovano a $ 12.900 e $ 13.300. La stabilità della criptovaluta dominante sopra i due livelli nonostante vari fattori macro è un trend ottimistico. Le elezioni negli Stati Uniti sono in corso e, sebbene BTC abbia registrato un calo del 4%, è stata relativamente resiliente.

Gli investitori sembrano fiduciosi

Due indicatori chiave sulla catena mostrano che le balene e gli investitori al dettaglio, in generale, non vendono attivamente Bitcoin. In primo luogo, il coefficiente di leva finanziaria stimato di BTC mostra che gli scambi nel mercato dei derivati ​​non stanno diminuendo. Ciò dimostra che gli investitori non stanno chiudendo proattivamente le loro posizioni o negoziazioni nell’incertezza intorno alle elezioni presidenziali statunitensi.

Tuttavia, dopo la pubblicazione dei risultati elettorali, l’elevato rapporto di leva stimato di BTC pone un rischio di maggiore volatilità. Ki Young Ju, CEO di CryptoQuant, ha dichiarato a Cointelegraph: “Il rapporto di leva finanziaria stimato BTC sugli scambi di derivati ​​è in aumento fino al giorno delle elezioni. Potrebbe causare un’elevata volatilità sul prezzo di BTC a causa di liquidazioni a cascata “.

Il termine “liquidazioni a cascata” si riferisce a una situazione in cui i contratti futures vengono liquidati consecutivamente in un breve periodo. Ad esempio, se i venditori allo scoperto scommettono sempre più contro Bitcoin, ma il prezzo di BTC aumenta, può causare la liquidazione di short uno dopo l’altro. Quando ciò accade, provoca liquidazioni a cascata, provocando un aumento della volatilità.

In secondo luogo, ci sono meno balene che vendono in borsa negli Stati Uniti che sono tipicamente utilizzate dalle balene, come Coinbase Pro e Gemini. Secondo i dati di CryptoQuant, c’è un basso afflusso di Bitcoin negli scambi negli Stati Uniti, il che significa che c’è un minor rischio di vendita a breve termine da parte delle balene nel prossimo futuro. Ju ha spiegato:

“Le balene negli scambi spot statunitensi non sono attive per ora. La media di afflusso di scambi spot è la quantità media di bitcoin depositata sulle borse spot, comprese le borse statunitensi come Coinbase Pro, Gemini, Bittrex e altre. È utile vedere il rischio di dumping a breve termine delle balene “.

Il 12 ottobre, ad esempio, gli afflussi nelle borse statunitensi sono improvvisamente aumentati nella zona di pericolo. Non appena lo hanno fatto, Bitcoin è sceso drasticamente in un breve periodo. Nelle ultime due settimane, gli afflussi di valuta sono stati notevolmente al di sotto della zona di pericolo. Ciò riduce la probabilità di una correzione improvvisa nel breve termine.

I cluster di balene mostrano che Bitcoin è ipervenduto

Whalemap trovato che ci sono due livelli tecnici a breve termine che fungono da aree importanti. Sulla base dei cluster di balene, i livelli di $ 12.987 e $ 13.650 sono critici. Gli ammassi di balene si formano quando il BTC appena acquistato rimane al suo posto. I cluster mostrano le aree in cui le balene hanno acquistato Bitcoin in precedenza e sono spesso considerate livelli di supporto.

Poiché il prezzo del Bitcoin si aggira sotto i 13.650 $ al 3 novembre, reclamare 13.650 $ e rimanere al di sopra lo confermerebbe come livello di supporto. Quindi, a breve termine, un aumento oltre $ 13.650 è importante per gli acquirenti per continuare il rally. Bitcoin ha stabilito un trend tecnico positivo nell’ultima settimana difendendo l’area di supporto macro da $ 13.000. Finché BTC rimane al di sopra dell’intervallo $ 13.000– $ 13.500, la tendenza rialzista a breve termine è intatta.

In termini tecnici, Whalemap spiegato che il grafico giornaliero di Bitcoin indica che la criptovaluta è ipervenduta. L’indice di forza relativa, o RSI, è un indicatore che misura lo slancio di Bitcoin e se è ipercomprato o ipervenduto. Sul grafico del registro delle candele giornaliero, l’RSI mostra che BTC è attualmente ipervenduto, Whalemap disse. “La candela mensile ha spazzato il massimo del 2019 e si è chiuso al di sotto. Aree blu [$16,000] significano macro bugie importanti. Mi aspetto che i grandi ragazzi traggano profitti lì “.

Sulla base del grafico giornaliero, l’intervallo $ 13.000– $ 14.000 è un’area di interesse per i venditori. Pertanto, se Bitcoin rimane stabile sopra $ 13.000 e recupera $ 14.000, il livello di resistenza successivo è $ 16.000. Affinché il caso rialzista a breve termine di BTC si rafforzi, il grafico giornaliero che segna una chiusura superiore a $ 14.000 è fondamentale nel mese di novembre. In tal caso, come a dicembre 2017, BTC potrebbe raggiungere un nuovo massimo storico a dicembre.

Due variabili principali per l’andamento dei prezzi a breve termine di Bitcoin

Da metà ottobre, i minatori di Bitcoin hanno venduto sempre più grandi quantità di Bitcoin. Durante la stagione delle piogge nel nord della Cina, che di solito inizia durante l’autunno, i minatori aumentano la loro capacità di sfruttare l’elettricità più economica. Poiché aree come il Sichuan dipendono dall’energia idroelettrica, la stagione delle piogge si traduce in minori costi dell’elettricità. Ma quando la stagione delle piogge finisce, molti minatori interrompono bruscamente l’estrazione di BTC.

Secondo i dati di ByteTree, i minatori hanno venduto un sacco di Bitcoin nell’ultima settimana. Negli ultimi sette giorni, c’è stata una variazione dell’inventario netto del minatore di 1.060 BTC negativo, il che significa che i minatori hanno venduto 1.060 BTC in più di quanto hanno estratto, esercitando una significativa pressione di vendita sul mercato. Di conseguenza, Bitcoin ha visto il suo il secondo più grande cambiamento negativo nell’adeguamento della difficoltà di mining nella storia mentre i minatori hanno smesso di estrarre BTC in massa. Glassnode ha scritto:

“Abbiamo appena osservato il secondo più grande aggiustamento negativo della difficoltà di mining di #Bitcoin nella storia: -16%. Ha superato la variazione del -15,9% a marzo di quest’anno. L’unica altra difficoltà nel momento in cui ha visto un aggiustamento più ampio al ribasso (-18%) è stata oltre 9 anni fa, nell’ottobre 2011 “.

C’è la possibilità che la minore pressione di vendita proveniente dai minatori possa consentire un rafforzamento dello slancio di Bitcoin. In cima al probabile calo dei minatori che vendono BTC, le elezioni statunitensi inizieranno ad avere un impatto maggiore. Gli analisti, tra cui Alex Krüger, hanno affermato che uno sweep democratico del Congresso o l’elezione di Joe Biden probabilmente incoraggerà il sentimento intorno a Bitcoin.

Se Biden viene eletto, Krüger disse che oro, Bitcoin e beni rifugio aumenterebbero probabilmente di valore sulla scia di una significativa incertezza nel mercato azionario, che si preparerebbe a una regolamentazione aggiuntiva e aliquote fiscali potenzialmente più elevate.

Se il presidente Donald Trump fosse rieletto, provocherebbe un rally degli asset rischiosi, il che potrebbe causare un aumento anche di BTC. Barry Silbert, CEO di Grayscale – una società di investimento in criptovaluta – disse che sia una vittoria di Trump che quella di Biden andrebbero a vantaggio di Bitcoin.