Al 20 novembre, le aziende detengono circa 842.229 BTC o il 4,54% dell’attuale Bitcoin (BTC) fornitura, secondo la dashboard di Clark Moody e i dati di Bitcointreasuries.org. Ciò equivale a un incredibile $ 15,3 miliardi al prezzo attuale di $ 18.200.

Le società pubbliche e gli investitori istituzionali lo sono accumulare continuamente Bitcoin. La scintilla iniziata con l’ambizioso acquisto di BTC da 425 milioni di dollari di MicroStrategy ha portato a un’ampia frenesia istituzionale intorno alla criptovaluta dominante.

Il numero di Bitcoin detenuti dalle tesorerie aziendali. Fonte: Clark Moody

Perché istituzioni e aziende stanno acquisendo Bitcoin ora?

La domanda di Bitcoin da parte di aziende e istituzioni deriva probabilmente dalla sua crescente reputazione di riserva digitale di valore.

Bitcoin è unico in quanto può proteggere i portafogli dall’inflazione, come l’oro, ma ha il potenziale per vedere una crescita esponenziale.

Le attività di copertura sono tipicamente stagnanti e mostrano una bassa volatilità per un periodo prolungato. Sono pensati per operare come assicurazione per un portafoglio diversificato in modo che quando il mercato scende, il portafoglio è protetto.

Bitcoin raggiunge entrambi; è in grado di operare come attività di copertura ed esporre gli investitori a un ampio potenziale di crescita a lungo termine.

Pertanto, Michael Saylor, CEO di MicroStrategy, ha affermato che Bitcoin non dovrebbe essere considerato una rete di pagamento né una valuta.

BTC è molto convincente come riserva di valore, il che non lo mette nel fuoco incrociato dei regolatori. Facendo riferimento al colloquio Jay Clayton, presidente della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, afferma che BTC non è un titolo, Saylor disse:

“Questo è il motivo per cui #Bitcoin non dovrebbe essere né una valuta, né una rete di pagamento. I principi di umiltà e armonia impongono che dovremmo consentire ai partner tecnologici di provvedere ai pagamenti e di differire ai governi in materia di valuta. $ BTC è uno Store of Value puramente ingegnerizzato. “

Finché permane la percezione di Bitcoin da parte di istituzioni e società come riserva di valore consolidata, la domanda di BTC rimarrebbe probabilmente elevata.

Tecnologia di risparmio “pillola arancione” per le aziende

Le aziende detengono ora circa il 4,5% dell’offerta di Bitcoin odierna, che è di circa 18,5 milioni di BTC. Questa percentuale è relativamente alta considerando che BTC ha un’offerta fissa totale di 21 milioni.

Se si considerano le monete perse o dormienti, l’offerta totale è stimata in circa 17 milioni in totale.

Le aziende che acquisiscono Bitcoin come asset di tesoreria, come MicroStrategy, sono particolarmente ottimiste perché mostra che non si aspettano rendimenti a breve termine.

Quindi, quando le società detengono BTC con una bassa preferenza temporale, si tradurrebbe anche in una minore pressione di vendita nel tempo diminuendo l’offerta disponibile.

Ad esempio, l’11 agosto, quando MicroStrategy ha annunciato il suo acquisto iniziale di $ 250 milioni di Bitcoin, Saylor disse:

“MicroStrategy ha riconosciuto Bitcoin come una risorsa di investimento legittima che può essere superiore alla liquidità e di conseguenza ha reso Bitcoin la partecipazione principale nella sua strategia di riserva del tesoro”.

La prospettiva di inflazione e consistenti iniezioni di liquidità da parte delle banche centrali alimenta ulteriormente le prospettive di medio e lungo termine per Bitcoin, che alcuni analisti considera l’ambiente perfetto per BTC per brillare nel tempo.

Nel frattempo, per compensare l’impatto economico negativo che la pandemia ha avuto sul mercato finanziario, lo sono le autorità di regolamentazione continuando a creare condizioni finanziarie rilassate. Per i negozi di valore, come l’oro e il Bitcoin, una tale tendenza è vantaggiosa per il 2021.