Le ultime scoperte di Sentimento, pubblicato nella newsletter bisettimanale di Cointelegraph Consulting, indica che le discussioni su Ethereum sono passate da da altamente ribassista a prevalentemente rialzista. Storicamente, questo non ha significato una buona notizia per il prezzo del token.

L’attività on-chain di Ethereum, misurata da indirizzi giornalieri unici, è rimbalzata dalla sua caduta del naso alla fine dell’estate. L’ultima ondata ha portato Ethereum a un massimo di 3 settimane di 420.610 indirizzi al giorno, segnando una crescita del 25,2% rispetto al giorno precedente.

Un’altra tendenza evidente è la circolazione dormiente di 365 giorni di Ethereum, che tiene traccia del rinnovato movimento di tutti i token che in precedenza non hanno cambiato indirizzo per più di un anno. Questo numero è rimasto relativamente basso dal minimo del 7 ottobre, con una media giornaliera registrata di soli 13.438 ETH, suggerendo che i possessori di lungo termine sono ancora seduti sulle loro borse nonostante il recente rimbalzo dei prezzi.

Il Network Profit / Loss di Ethereum, che calcola il profitto o la perdita media di tutte le monete che cambiano indirizzo ogni giorno, è un buon modo per vedere quali possessori stanno vendendo in perdita. Nel mezzo di un crollo del mercato il 13 marzo 2020, la rete di Ethereum ha realizzato una perdita cumulativa di – $ 2.932.200 sulla base degli NPL: un minimo di 3 mesi. In modo simile, la rete di Ethereum ha realizzato una perdita cumulativa di $ -998.998 il 7 ottobre, poco prima che la moneta tornasse sopra i $ 350.