Bitcoin (BTC) è tornato questa settimana quando un rimbalzo porta la più grande criptovaluta sempre più vicino ai nuovi massimi storici: cosa c’è in serbo?

Cointelegraph dà un’occhiata a cosa potrebbe muovere i mercati di Bitcoin nei prossimi giorni quando gli acquirenti emergeranno e $ 16.000 verranno lasciati indietro, almeno per ora.

Bitcoin annulla gli sconti del Black Friday

La storia principale tra i Bitcoiners di lunedì è la sua performance durante il fine settimana.

Dopo aver scavato profondità di $ 16.300 la scorsa settimana e non essere riuscito a superare di molto i $ 17.000 nei giorni successivi, Bitcoin ha sorpreso sabato, iniziando una salita che ha raggiunto $ 18.600 il 30 novembre.

La tempistica ha portato a confronti con il Black Friday, poiché BTC / USD è sceso in tempo per il famigerato giorno di sconti ed è risalito in seguito.

“Immagino che la vendita di bitcoin del Black Friday sia ufficialmente finita. Spero tu abbia fatto scorta ” Barry Silbert, Riassume il CEO del gigante della gestione patrimoniale Grayscale.

A livelli di stampa di $ 18.550, Bitcoin è ora aumentato di quasi il 14% rispetto ai minimi, recuperando la maggior parte delle sue perdite da quando è sceso da $ 19.500. Questo sarà uno spettacolo familiare per i trader, che ora guarderanno al potenziale per Bitcoin di evitare la pressione psicologica di vendita che si è così chiaramente avvicinata ai massimi storici di $ 20.000.

“Il livello cruciale da mantenere è il breaker da 17.700 a 17.850 $. In caso di smarrimento, penso che vedremo di nuovo i 16 anni ”, l’analista di Cointelegraph Markets Michaël van de Poppe ha detto nel suo ultima analisi di domenica.

Anche Van de Poppe ha evidenziato l’area intorno a $ 18.500 e $ 18.700 come punto cruciale per alimentare ulteriore tendenza rialzista. Successivamente Bitcoin ha raggiunto il punto medio di tale intervallo, ma finora non è riuscito a trasformarlo in un trampolino di lancio per reclamare livelli più alti.

Tuttavia, se i livelli attuali dovessero reggere, Bitcoin vedrà facilmente la sua chiusura mensile più alta di sempre alla fine di lunedì.

Grafico orario settimanale BTC / USD. Fonte: TradingView

Il gap dei futures su $ 1.300 Bitcoin si apre al ribasso

Uno dei principali argomenti a favore dell’inversione al ribasso di Bitcoin per la sua prossima mossa si presenta sotto forma di una classica configurazione di “gap” sui mercati dei futures.

Grazie alla volatilità del fine settimana, lunedì è iniziato con un notevole “divario” nei grafici di CME Bitcoin Futures, che giace di $ 1.500 inferiore all’attuale prezzo spot.

Lacune fare riferimento allo spazio vuoto rimasto tra la fine del trading del venerdì e l’inizio del trading del lunedì per i futures, e l’ultimo ad aprire ha una dimensione di $ 1.300, uno dei più grandi in assoluto.

Storicamente, Bitcoin ha scelto di aumentare o diminuire per “colmare” tali lacune una volta che si sono manifestate, e questo ha avuto la tendenza a verificarsi rapidamente, il che significa che c’è la possibilità di un nuovo calo fino a $ 16.990 – l’inizio del divario.

Un ulteriore, anche se molto più piccolo, divario rimane “vuoto” rispetto alle precedenti negoziazioni di circa $ 19.000.

Il grafico dei futures sul Bitcoin del CME Group mostra i gap. Fonte: TradingView

“Tutto dipende da quanto duramente rifiutiamo in questo intervallo e da come reagiremo intorno al supporto a $ 17.000, che è anche la chiusura settimanale dei futures CME”, ha commentato Van de Poppe.

Ha anche notato che il rialzo di un fine settimana non è un buon punto di partenza per essere rialzisti. Entrare in Bitcoin è una mossa saggia solo quando il supporto viene raggiunto su livelli di supporto timeframe più elevati, il che significa che il divario CME dovrebbe essere risolto nel momento in cui lo stato reale del mercato diventa più ovvio.

Un accompagnamento sondaggio nel frattempo ha mostrato una divisione abbastanza uniforme tra 6.000 intervistati riguardo al fatto che BTC / USD raggiungesse prima $ 14.000 o $ 22.000.

Le azioni scendono dopo il mese record

Al di fuori di Bitcoin, il quadro macro è misto alla fine del mese. Novembre ha visto il 13% delle azioni in tutto il mondo, un mese record poiché le aspettative di un vaccino contro il Coronavirus erano alte.

Lunedì, tuttavia, i progressi hanno iniziato a rallentare, con la Cina che ha guidato un’inversione di tendenza da guadagni a perdite e futures europei a seguire l’esempio.

Il dollaro USA, già sotto pressione, dovrebbe scendere ai livelli più bassi da aprile 2018, Bloomberg segnalato il giorno. Come notato Secondo Cointelegraph, l’indice di valuta del dollaro USA (DXY) è in costante calo nelle ultime settimane, cancellando alcuni guadagni precedenti.

Il bitcoin reagisce in genere favorevolmente alla debolezza del DXY e, sebbene la sua relazione con le attività macro in generale sia in calo, i movimenti bruschi dell’indice rimangono suscettibili di dettare la direzione del mercato a breve termine.

Al momento della stampa, DXY era a 91,72, dopo aver rotto il livello di supporto 92, che è stato mantenuto anche ad agosto quando Bitcoin ha raggiunto $ 12.000 per la prima volta quest’anno.

Grafico orario settimanale dell’indice di valuta del dollaro USA. Fonte: TradingView

Nel frattempo, i mal di testa indotti da virus continuano in tutto il mondo occidentale. L’economia del Regno Unito, secondo le stime di Bloomberg condivise dal commentatore di mercato Holger Zschaepitz, si contrarrà di più tra oltre 300 anni.

Anche problemi specifici del mercato, come il debutto di Tesla sull’S & P 500, sono sul radar.