La piattaforma di trasferimento di denaro online ePayments sta riavviando i servizi a seguito di una sospensione di sette mesi e questa volta in particolare è assente il supporto per le criptovalute.

ePayments è un servizio di trasferimento di denaro globale che vanta oltre 1 milione di account e ha emesso 75.000 carte di debito. Secondo i loro documenti di regolamentazione, l’azienda ha realizzato profitti per 23,2 milioni di dollari nel 2019. L’azienda ha annunciato che si sta preparando a “ricominciare a lavorare” ma poiché la criptovaluta ha rappresentato un quinto della sua attività, il rilancio senza di essa è notevole.

L’istituto di moneta elettronica regolamentato dal Regno Unito è stato sospeso nel febbraio 2020 a seguito di una revisione della Financial Conduct Authority (FCA) che ha evidenziato problemi con i sistemi e i controlli antiriciclaggio dell’azienda.

ePayments è intervenuta per sospendere tutti i pagamenti online, bloccare le carte prepagate e ha congelato circa un milione di account di clienti, dopo aver “concordato” con il watchdog finanziario. Al tempo, c’erano rapporti era improbabile che la crittografia fosse correlata alla causa del giro di vite.

Tuttavia, alcuni hanno collegato la sospensione ad attività sospette che coinvolgono il partner di ePayments, Mike Scott, coinvolto nel OneCoin piramide truffa. Un e-mail, in cui l’ormai in fuga fondatore di OneCoin Ruja Ignatova, ha contattato Scott implicandolo nel riciclaggio di $ 400 milioni per lo schema Ponzi.

Non ci sono state conferme ufficiali riguardo a questa connessione da parte del regolatore finanziario del Regno Unito.

L’ultimo annuncio da ePayments ha dichiarato che la società introdurrà processi di autenticazione biometrica e cambierà il modo in cui le persone possono effettuare pagamenti ed essere pagati.

“Gli individui potranno essere pagati solo dalle aziende e potranno inviare denaro solo sul proprio conto.”

In altre parole, non ci saranno pagamenti peer-to-peer in fiat o crypto.

ePayments deve ancora annunciare una data in cui i suoi clienti avranno accesso ai loro account e servizi, tuttavia, quando lo faranno saranno su base molto limitata, altamente monitorati e senza alcun supporto per le risorse digitali.





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here