Il validatore Polkadot (DOT) Web3Italy è stato “tagliato” e “raffreddato” dopo essere andato offline per 14 ore il 10 e l’11 agosto.

Ciò significa che il validatore ha perso i suoi gettoni puntati ed è stato temporaneamente espulso dalla rete, rispettivamente.

Web3Italy è andato offline nello stesso momento in cui numerosi altri validatori Web3 Foundation sono andati offline, con il risultato che la rete ha agito contro l’intero gruppo. Bruno Skvorc, docente tecnico della Web3 Foundation, ha affermato che l’atto di essere offline da solo non è stato un “reato irritante”, ma “essere offline con un gruppo di altri lo è”, aggiungendo:

“Questo validatore era offline quando un insieme più grande di validatori ha fallito, e tutti sono stati tagliati e non vengono perdonati. Questo validatore era un danno collaterale “.

Secondo Polkadot’s documentazione, quando un singolo validatore è “offline per un’intera epoca” (4 ore), la parte offensiva sarà raffreddata, – rimuovendola temporaneamente dal set di validatori attivi e squalificandola per la rielezione solo nel turno successivo. Specifica inoltre che questo reato è la classe più bassa (livello uno) e non comporterà alcun taglio della posta in gioco.

Nonostante questa specifica, il reato di Web3Italy è stato classificato come il livello più alto (livello quattro), specificato come “cattiva condotta che pone un serio rischio di sicurezza o monetario per il sistema, o collusione di massa”. La punizione per questo livello di reato vedrà le parti offensive raffreddate e tutta o la maggior parte della loro posta in gioco tagliata.

Tuttavia, un controverso movimento è stato proposto che perdonerebbe il validatore e annullerebbe la barra.

La mozione afferma che l’incidente era “molto probabilmente correlato a un problema con software / hardware”, indicando che l’incidente non era dannoso. Ha anche sottolineato che il reato sarebbe stato probabilmente classificato di livello uno se non fosse stato per l’altro offensivo ma per i validatori “non correlati”. Queste due conclusioni sono state la base per la mozione.

Scienziato informatico Ali Atiia suggerito che il ripristino della posta in gioco del validatore incriminato costituisce un pericoloso precedente per future azioni dannose:

Skvorc della Web3 Foundation disse che avrebbe votato contro la mozione, con molti altri utenti di Twitter, incluso Hasu, ricercatore di Deribit Insights condivisione la loro disapprovazione della mozione, e la preoccupazione se dovesse passare:

Emin Gün Sirer, CEO della piattaforma blockchain Avalanche, ha suggerito che l’intero concetto di taglio è difettoso, aggiungendo che “crede che le tecnologie finanziarie debbano essere calmanti e prevedibili”.

Il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin la pensava diversamente, affermando che “tagliare è importante”. Il problema, ha suggerito Buterin, sta nel grado di punizione per 14 ore di inattività, paragonandolo a Ethereum 2.0 in cui solo lo 0,05% del saldo dell’autore del reato sarebbe influenzato dallo stesso periodo di inattività.

Non è ancora chiaro se la mozione passerà e verrà ripristinata la partecipazione di Web3Italy.





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here