Il 4 novembre Ethereum (ETH) gli sviluppatori principali hanno raggiunto un traguardo significativo. In un “rapido aggiornamento” sul blog della Ethereum Foundation, lo sviluppatore Danny Ryan ha confermato il rilascio delle specifiche v1.0 per il tanto atteso Ethereum 2.0 aggiornamento, quale include l’indirizzo del contratto di deposito sulla mainnet. Chiunque voglia partecipare come validatore sulla mainnet di Ethereum 2.0 può ora iniziare a depositare la propria quota minima di 32 ETH.

I risultati iniziali sembravano promettenti, con 14.000 ETH (per un valore di circa $ 5 milioni) picchiato nelle prime otto ore da solo. Tuttavia, gli sviluppatori hanno stabilito una puntata totale minima di 524.288 ETH da 16.384 validatori come trigger per il lancio della mainnet, nota come catena di beacon. L’obiettivo deve essere raggiunto almeno sette giorni prima, quindi entro il 24 novembre. Se ciò non accade, il lancio avverrà sette giorni dopo il raggiungimento della soglia minima di staking.

La scadenza del 1 dicembre è realizzabile?

Al momento della scrittura, è stato puntato meno del 20% dell’importo totale. Se lo staking continua al ritmo attuale, la mainnet di Ethereum 2.0 verrà lanciata non il 1 ° dicembre, ma nelle prime settimane del 2021.

Ovviamente il tasso di partecipazione potrebbe cambiare. Con l’avvicinarsi del 24 novembre, la crescente attesa potrebbe incoraggiare più persone a mettere in gioco il proprio ETH. Ben Edgington, il lead product owner presso ConsenSys Quorum Protocol Engineering che fornisce consulenza sullo sviluppo di Ethereum 2.0 nell’organizzazione ConsenSys, mantiene una visione positiva sulla data di lancio del 1 dicembre, dicendo a Cointelegraph:

“Mi aspetto che il ritmo dei depositi accelererà bruscamente con l’avvicinarsi della data limite. C’è poco vantaggio nel puntare presto, quindi penso che le persone stiano solo prendendo il loro tempo. È difficile giudicare se ce ne saranno abbastanza per spingerci oltre la soglia in tempo, ma rimango ottimista. Se c’è un ritardo nella genesi, mi aspetto che sia breve. “

I numeri mostrano che il potenziale c’è, come il numero di indirizzi che detengono 32 ETH ha raggiunto il massimo storico di 126.852 nelle ore successive alla notizia. Ciò significa che meno del 13% degli indirizzi deve partecipare per raggiungere la soglia.

D’altra parte, coloro che puntano bloccheranno i loro token in un contratto a senso unico fino a quando l’attuale mainnet di Ethereum non si unirà alla catena di beacon. Nessuno lo sa esattamente quando ciò accadrà, anche se l’attuale roadmap di Ethereum 2.0 specifica che sarà nel 2021.

Sia che la catena di beacon venga lanciata il 1 ° dicembre o nelle settimane successive, non ci saranno necessariamente “big bang” a cui attendersi il lancio. Il ruolo della catena di beacon è proteggere le transazioni sulle catene di frammenti, che non saranno disponibili fino a tardi. L’attuale mainnet Ethereum 1.0 continuerà a funzionare come ora.

La strada per lo sharding

Quindi quali sono i prossimi passi e quando Ethereum può diventare completamente scalabile? Il lancio della catena di beacon è noto come Fase 0 su Ethereum 2.0 roadmap. I prossimi sviluppi significativi sono previsti per il 2021 e comporteranno il lancio di 64 catene di shard, che opereranno nell’ambito del proof-of-stake consenso convalidato da coloro che hanno puntato all’ETH. Tuttavia, nel loro stato iniziale, le catene di frammenti non supportano gli smart contract o gli account utente.

Forse il traguardo più significativo per l’attuale ecosistema Ethereum 1.0 sarà la Fase 1.5, quando la mainnet di Ethereum si unirà alla catena di beacon come una catena di frammenti. Ciò segnerà la transizione di Ethereum verso un pieno consenso proof-of-stake. Ancora una volta, dovrebbe accadere nel 2021, ma al momento non è ancora disponibile una data esatta.

Solo quando arriverà la fase finale della Fase 2 sarà possibile valutare il pieno effetto dell’aggiornamento di Ethereum 2.0 sulla scalabilità della rete. In questo momento, i frammenti saranno completamente operativi, supportando contratti intelligenti e tutti i tipi di transazione. Tuttavia, questo potrebbe richiedere fino a due anni di distanza. Sulla roadmap, la Fondazione Ethereum afferma: “La fase 2 è ancora in fase di ricerca”, confermando efficacemente che lo sviluppo non è ancora in corso.

Nessuna soluzione per dominarli tutti

Anche se tutte le fasi della roadmap saranno consegnate entro i prossimi 18 mesi, che è un grande “se”, sarà ben oltre il 2022 prima che il pieno potenziale scalabile di Ethereum 2.0 sia visibile. Tuttavia, piuttosto che concentrarsi sullo sviluppo di Ethereum 2.0 come endgame, vale la pena dare uno sguardo a volo d’uccello sull’evoluzione dell’ecosistema Ethereum nei prossimi anni.

Nonostante alcune critiche, le soluzioni di livello due offrono ancora la migliore speranza di scalabilità di Ethereum prima che la mainnet di Ethereum 2.0 diventi pienamente operativa. Anche lo stesso Vitalik Buterin sembra favorire altre piattaforme di secondo livello come la soluzione di ridimensionamento corrente di scelta.

Quest’anno, sia Matic Network che OMG Network ha svelato le soluzioni di secondo livello basato su variazioni di Plasma, che utilizza catene laterali per togliere il carico di elaborazione dalla catena principale di Ethereum.

Tuttavia, mentre il plasma è stata la tecnologia di ridimensionamento scelta per un po ‘, l’attenzione per gran parte di quest’anno è stata sui rollup, una soluzione anche approvato di Vitalik Buterin. Inoltre, è stato lanciato il protocollo sulla privacy Aztec contratti intelligenti privati ​​basati su rollup a conoscenza zero. I rollup a conoscenza zero raggruppano le transazioni utilizzando prove a conoscenza zero per verificarne la validità.

Un altro tipo di rollup, chiamato rollup ottimistico, è anche in fase di sviluppo da diversi progetti. I rollup ottimistici utilizzano la teoria dei giochi per evitare la necessità del pesante carico di calcolo richiesto da zk-Rollup. Erick De Moura, fondatore e CEO di Cartesi, ha spiegato a Cointelegraph come crede che i rollup superino le soluzioni di ridimensionamento basate sul plasma:

“I rollup risolvono un enorme problema inerente a Plasma: la disponibilità dei dati. Con i rollup, tutti i dati delle transazioni vengono raggruppati o raggruppati e resi disponibili su Ethereum in un modo più economico di quanto sarebbe per le normali transazioni basate su blockchain. Inoltre, tutto il carico di calcolo richiesto viene eseguito fuori catena, con un notevole aumento della produttività e dell’efficienza dei costi delle transazioni “.

Cartesi è pronta a lanciare la propria versione di rollup ottimistici sulla sua testnet all’inizio del 2021. Il lancio avverrà con un’infrastruttura basata su Linux, rendendo effettivamente disponibile una versione scalabile di Ethereum agli sviluppatori abituati agli standard mainstream.

Un ecosistema scalabile

Vale la pena sottolineare che l’arrivo di Ethereum 2.0 non annullerà gli sforzi di sviluppo delle piattaforme di secondo livello che attualmente stanno tentando di risolvere la scalabilità. Invece, tecnologie come i rollup o le catene laterali continueranno ad aiutare Ethereum 2.0 a scalare oltre la sua rinnovata capacità una volta che lo sharding sarà completamente implementato.

Quindi, allacciati e preparati per un lungo viaggio. Ethereum 2.0 potrebbe essere pronto per un lancio iniziale, ma è ancora solo il primo di molti passi sulla lunga strada verso la scalabilità. Il continuo sviluppo di soluzioni di secondo livello significa che c’è molta compagnia lungo il percorso.