Il Cardano (C’È) ha una struttura di governance complessa, non dissimile dal modo in cui opera la democrazia statunitense, con i suoi controlli ed equilibri incorporati.

Ci sono tre attori principali: la Fondazione Cardano, EMURGO e IOHK; secondo il Il nuovo CEO della Fondazione Frederik Gregaard, la governance diventerà solo più complicata con l’adesione di più organizzazioni. Ha anche affermato che intende mantenere l’indipendenza della Fondazione dal fondatore di Cardano e CEO di IOHK, Charles Hoskinson, che ha creato questa struttura in primo luogo:

“La legge sulle fondazioni in Svizzera dice che dobbiamo essere indipendenti. Questo è esattamente il motivo per cui è interessante e perché Charles ha scelto di impostarlo in questo modo, perché sente davvero che le persone che proteggeranno il protocollo Cardano per le generazioni a venire, devono essere indipendenti “.

La missione della Fondazione è il progresso del “protocollo Cardano”. Mantiene anche una società di sviluppo per il protocollo, che attualmente è IOHK, sebbene il suo contratto scada entro la fine dell’anno. Con l’era Voltaire prevista per il rilascio tra pochi mesi, la comunità voterà presto se estendere il contratto di IOHK. Nell’improbabile caso in cui IOHK non riesca a garantire il sostegno della comunità, un’altra società di sviluppo verrà assunta per prendere il loro posto.

Anche se nel 2018 c’è stata una grave frattura tra i due, sembra che da allora il rapporto sia stato riparato. IOHK è un’entità indipendente e, sebbene il suo obiettivo principale sia Cardano, funziona anche con altri progetti. Ad esempio, di recente, proponeva un paio di soluzioni a Ethereum Classic. EMURGO è stata originariamente fondata come un braccio di rischio dell’ecosistema, ma da allora sembra essersi trasformata in una società tecnologica più ampia.

Gregaard accetta che Hoskinson è più di un semplice capo della società di sviluppo di Cardano e che potrebbero esserci momenti in cui si scontreranno con la direzione dello sviluppo di Cardano:

“Charles ha avviato il progetto insieme a uno dei suoi colleghi. Quindi, non c’è dubbio su quanto sia brillante e quanto sia visionario. Ma gestisce un’azienda di prodotti che deve fornire prodotti. <...> Sono sicuro che ci saranno alcune lotte in termini di priorità e alcuni punti in cui crediamo, insieme alla comunità forse, che dovremmo andare un po ‘più a destra e Charles vuole esserlo un po’ più a sinistra e dobbiamo essere d’accordo su questo insieme “.

Ha detto che avendo lavorato con Hoskinson negli ultimi 6-12 mesi (come consulente PwC), ha un buon feeling con questa relazione, anche se non si aspetta che sia facile. Gregaard è un grande sostenitore della governance decentralizzata. A suo avviso, questo rappresenta una valida alternativa allo stato attuale del mondo, dove piattaforme tecnologiche giganti come Facebook e Google sfruttano manipolativamente i propri utenti.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here