All’inizio di ottobre, il mercato delle criptovalute ha dovuto affrontare condizioni finanziarie estremamente tumultuose, grazie in gran parte al documenti recenti contro BitMEX, che ha visto i vertici della società incriminati dalla Commissione per il commercio di futures sulle materie prime degli Stati Uniti con diverse accuse. Non solo, ma solo pochi giorni prima che venisse alla luce lo scandalo BitMEX, l’exchange di criptovalute KuCoin era violato per un importo di oltre $ 275 milioni il 26 settembre.

In mezzo a tutto ciò, anche il mercato dei derivati ​​crittografici ha assistito a un importante sviluppo sotto forma di Binance superando Huobi e OKEx per diventare il più grande scambio di derivati ​​crittografici in volume per il mese di settembre, con la piattaforma che registra un volume di scambi totale di $ 164,8 miliardi per il mese.

I dati, rilasciati dalla società di analisi crittografica con sede nel Regno Unito CryptoCompare, hanno preso in considerazione il volume degli scambi delle suddette borse e ha scoperto che Binance ha attirato un totale di $ 8 miliardi in più di volume degli scambi rispetto al suo concorrente più vicino, Huobi, che ha incassato $ 156,3 miliardi durante lo stesso periodo di tempo, mentre OKEx ha attirato circa $ 155,7 miliardi.

Binance e OKEx hanno dimostrato volumi di derivati ​​relativamente simili nei mesi di luglio e agosto; tuttavia, vale la pena notare che durante questa stessa finestra temporale, Huobi aveva un bel margine su entrambi i suoi rivali più vicini. Questo pone quindi la questione di come Binance sia stato in grado di fare tali passi in un solo mese per superare Huobi e OKEx così rapidamente. Fornendo le sue opinioni sull’argomento, Jay Hao, CEO di OKEx, ha dichiarato a Cointelegraph:

“Binance ha tenuto una competizione di trading da 1,6 milioni di dollari sulla sua borsa dei futures per celebrare il suo primo anniversario a settembre. Ciò potrebbe aver portato all’improvviso e rapido aumento del volume e spiegare anche perché l’OI è così basso rispetto a OKEx, poiché i trader non hanno aperto posizioni lunghe ma erano in competizione per la loro parte del montepremi “.

Cosa ha alimentato l’ascesa di Binance Future?

Secondo un portavoce di Binance, uno dei fattori chiave che ha contribuito a stimolare la recente performance del mercato è stato il feedback degli utenti, specialmente per quanto riguarda le esperienze di trading tutt’altro che ideali che molti clienti avevano precedentemente affrontato su altri scambi di derivati: “Ci hanno parlato di interruzioni del sistema o instabilità, interfacce che non erano user-friendly e che tutti gli scambi allora offrivano solo incentivi per i market maker, il che creava un ambiente sbilenco che svantaggiava gli acquirenti del mercato “.

Un altro evento che potrebbe aver rafforzato la fiducia del mercato nel braccio dei derivati ​​di Binance è stato il giovedì nero, o il 12 marzo, un giorno che ha avuto un grande impatto sia sui mercati tradizionali che su quelli delle criptovalute. Mentre molti altri scambi di derivati ​​hanno riscontrato interruzioni significative, Binance ha offerto un servizio ininterrotto ai propri clienti, rafforzando così potenzialmente la fiducia nella piattaforma.

Infine, nel corso dell’estate di quest’anno, un certo numero di utenti è passato da Bitcoin a vari altcoin e derivati ​​basati su DeFi. Durante questa fase di transizione, Binance Futures ha ampliato il proprio pool di offerte. Il portavoce di Binance ha osservato: “C’è anche una migliore consapevolezza su come bilanciare Bitcoin e altcoin; I volumi dei futures su altcoin rappresentano circa il 40% su Binance. Riteniamo di comprendere e riflettere bene le condizioni di mercato “.

OKEx mette in scena un ritorno

Mentre settembre ha visto Binance guidare il roost dei derivati, dirigendosi verso ottobre, OKEx è in testa a tutti gli scambi di futures su Bitcoin in termini di open interest di futures su Bitcoin. Nella sua accezione più elementare, l’open interest indica il numero totale di contratti derivati ​​in essere – siano essi opzioni o futures – che devono ancora essere regolati. Da un punto di vista più tecnico, l’open interest funge da indicatore dell’attività di trading di opzioni e se la quantità totale di denaro che entra nel mercato dei derivati ​​è in aumento o meno.

Il 4 ottobre, il volume degli scambi nelle 24 ore di OKEx ha superato quota 1,3 miliardi di dollari, superando il volume degli scambi di 1,23 miliardi di dollari del suo concorrente più vicino, Binance Futures. Inoltre, come si può vedere dal grafico sopra, l’open interest su OKEx è il più alto con un ampio margine, con gli altri cinque scambi che si comportano in modo simile tra loro.

Tali dati statistici positivi sembrano suggerire che il sentimento sui futures e sulle opzioni di BTC è rimasto piuttosto forte, nonostante la recente causa BitMEX e l’hack di KuCoin. Non solo, ma dall’inizio di ottobre l’open interest sui futures di OKEx è passato da $ 850 milioni a $ 930 milioni, potenzialmente indicativo di una corsa al rialzo nel futuro prossimo. Fornendo le sue intuizioni sull’argomento, Hao ha detto a Cointelegraph:

“Il volume degli scambi è una metrica molto importante, ma non è l’unica metrica da tenere a mente quando si valuta la salute e la popolarità complessive di uno scambio. OKEx si è concentrato sul laser anche sulla DeFi ultimamente e questa mossa di Binance nei derivati ​​è un segnale per noi che non possiamo distogliere la nostra attenzione dal nostro prodotto di punta “.

Il divieto del Regno Unito sul mercato dei derivati ​​locali potrebbe danneggiare

L’11 ottobre, la Financial Conduct Authority del Regno Unito – la principale autorità di regolamentazione finanziaria del paese – ha emesso un divieto generale che vieta ai fornitori di servizi crittografici di vendere derivati ​​e note negoziate in borsa agli investitori al dettaglio. Sebbene il mercato dei derivati ​​del Regno Unito possa non essere ampio rispetto ad altri, il fatto che un importante regolatore come la FCA continui a Richiesta che “le criptovalute stanno causando danni ai consumatori e ai mercati” è piuttosto allarmante per l’industria.

L’agenzia governativa continua a sostenere che le risorse digitali non hanno alcun valore intrinseco, un argomento che è stato utilizzato contro la crittografia sin dal suo inizio. Inoltre, un altro motivo per il divieto è la “natura estremamente volatile” delle criptovalute, che sembra un’altra valutazione ingiusta considerando lo stesso si può dire di molte stock option tradizionali. La FCA afferma che gli investitori al dettaglio “non capiscono abbastanza sul mercato dei derivati”, quindi non è necessario che investano in tali offerte.

Detto questo, vale la pena ricordare che quando il file divieto è stato proposto nel luglio dello scorso anno, ha generato un totale di 527 risposte da varie società che vendono derivati, scambi di criptovalute, studi legali, enti commerciali e altre entità. In un 55 pagine rapporto rilasciato dalla FCA, uno sbalorditivo 97% degli intervistati ha dimostrato di essersi opposto alla proposta.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here