Nella mia carriera ventennale in Microsoft, leader nell’architettura della piattaforma .NET, nello sviluppo di Visual Studio .NET, nella piattaforma applicativa, nella strategia aziendale e in Microsoft Digital, ho fatto parte della creazione di tecnologie per più ondate di piattaforme: il primo web, orientato ai servizi architetture, il cosiddetto Web 2.0 e, più recentemente, il Cloud.

Sebbene non vi sia dubbio che le precedenti ondate di tecnologie di piattaforma abbiano fornito vantaggi sostanziali, il loro impatto è stato limitato perché sono stack “passivi” che fungono da impianto idraulico per applicazioni e infrastruttura. Per la maggior parte, con le precedenti ondate di piattaforme, i risparmi sui costi sono stati l’elemento quantificabile primario e talvolta singolare rispetto ai risultati aziendali.

Le piattaforme blockchain si distinguono perché, per la prima volta nella storia dell’informatica, abbiamo una piattaforma tecnologica che ha un modello economico innato – incentivi, ricompense e penalità per ogni entità, umana e di sistema – intrinsecamente “infornato” nell’architettura. A differenza delle pile tecnologiche “inerti” del passato, le capacità blockchain annunciano l’avvento di nuove piattaforme economiche.

In che modo questo interrompe le architetture IT aziendali? Innanzitutto, una retrospettiva.

Guardando indietro: modelli di architettura aziendale vecchia scuola

Si può dire che il campo dell’architettura aziendale sia iniziato nel 1987 con la pubblicazione in IBM Systems Journal di un articolo intitolato “Un framework per l’architettura dei sistemi informativi”, di John Zachman.

Nel suo articolo fondamentale, Zachman ha delineato l’imperativo e la sfida per le architetture aziendali: il rapido aumento dei budget IT coinvolti e il fatto che il successo dell’azienda fosse ora sempre più dipendente dalla tecnologia richiedeva un approccio strutturato verso la gestione della crescente complessità delle applicazioni IT e infrastrutture.

Esistono tre approcci generali all’architettura aziendale:

Il incentrato sulla prospettiva l’approccio fa emergere diverse prospettive all’interno e all’interno dell’azienda. Il framework che tipicamente rappresenta questo approccio è il framework di Zachman per le architetture aziendali. In questo caso, l’architettura aziendale funge da modello integrato per l’azienda e la descrive da più punti di vista (pianificatore, progettista, ecc.). Questo è incentrato sulla prospettiva in quanto soddisfa le esigenze di diversi stakeholder e le loro diverse prospettive.

Il orientato al processo approccio delinea le procedure che definiscono e forniscono i risultati IT. La metodologia che tipicamente rappresenta il secondo approccio è The Open Group Architecture Framework, o TOGAF. È realizzato come un modello rigoroso degli imperativi, delle strutture, delle informazioni, dei processi e dei sistemi di un’impresa ai fini del processo decisionale. Questo è incentrato sul processo in quanto cerca di rappresentare accuratamente il processo utilizzato per modellare l’impresa.

Il basato su standard l’approccio definisce e impone l’uso degli standard attraverso l’impresa. Il modello che tipicamente rappresenta il terzo approccio è la Federal Enterprise Architecture, o FEA. Evidenzia la necessità di definire modelli e pratiche basati su standard (modelli di riferimento, servizi comuni e altri) che siano identificati e ben compresi all’interno e all’interno dell’azienda, nonché la comunicazione di questi artefatti per garantire conformità e governance.

La lungimiranza e la visione che il valore aziendale e l’agilità possono essere effettivamente realizzati da un approccio olistico all’architettura IT ha plasmato il settore IT negli ultimi tre decenni. Tuttavia, ciò che manca e ciò che ha frenato l’IT è l’assenza di principi economici o di pensiero in tutti i precedenti approcci alle architetture aziendali.

Che aspetto ha allora la nuova architettura (economica) aziendale?

Uno sguardo al futuro: la nuova architettura economica aziendale

Ronald Coase definito un’impresa come: “Il sistema di relazioni che nasce quando la direzione delle risorse dipende dall’imprenditore”. Lo studio delle aziende si è evoluto in modo significativo quando Oliver Williamson ha aperto la scatola nera per intendere le imprese come istituzioni. Basandosi su questo lavoro, Douglass North sostenuto che le istituzioni forniscono vincoli e fattori abilitanti chiave e quindi modellano gli incentivi.

L’impresa è un’istituzione economica. Per essere rilevante (e certamente di qualsiasi valore pratico) un’architettura dell’impresa deve riflettere i modelli economici sottostanti che fungono da sostegno dell’impresa. È stato detto che la maggior parte dell’economia può essere riassunta in una parola – “incentivi” – e le nuove architetture economiche d’impresa manifestano questo principio.

In questo approccio basato sul modello di incentivi, abilitato dalle piattaforme blockchain, i premi e le penalità (denominati colloquialmente “token”) per ciascuna entità, persona e sistema all’interno e all’interno dell’azienda sono endogeni nell’architettura aziendale ed esercitati programmaticamente (tramite contratti intelligenti).

Una roadmap per l’impresa: l’IT come tecnologia istituzionale

Le architetture aziendali Oldschool si concentravano su approcci che enfatizzavano prospettive, standard e / o capacità e quindi riflettevano una visione dell’IT come impianto idraulico statico e passivo dell’infrastruttura. Le nuove architetture economiche dell’impresa comprendono un insieme istituzionale di capacità economiche che riflettono la vera natura dell’impresa come istituzione economica.

Peter Drucker descritto la sua “teoria del business” come insieme di presupposti che modellano il comportamento di un’impresa, guidano le sue decisioni su cosa fare e cosa non fare e determinano ciò che considera i risultati di business desiderati. Queste ipotesi riguardano i mercati, l’identificazione di clienti e concorrenti, i punti di forza e di debolezza di un’impresa. In sostanza, sono realizzati tramite software.

Oggi, che ne sia consapevole o meno, la teoria del business di un’impresa viene realizzata, convalidata, corretta e reinventata dal suo uso e sfruttamento della tecnologia. Allora, da dove iniziamo?

Primo, come prerequisito, è modellare e costruire una mappa dell’impresa. Le vecchie “Cinque W” – chi, cosa, quando, dove e perché – dovrebbero essere aumentate con “per chi”. Per chi risuonano i benefici? Questo sesto W costringe l’IT aziendale a considerare i vincoli economici e l’impatto e fornisce gli elementi fondamentali per i passaggi successivi.

Secondo, indipendentemente dal fatto che l’IT utilizzi uno o più approcci all’architettura aziendale incentrati sulla prospettiva, orientati ai processi o basati su standard, questo dovrebbe essere aumentato con un approccio “incentrato sugli incentivi”, in cui ogni entità, persona e / o sistema (“per chi ”) ha un modello incentivante che si manifesta nell’architettura sottostante.

Terzo, mentre l’IT si è storicamente concentrato sull’architettura aziendale, delle informazioni, delle applicazioni e della tecnologia (denominato modello “BIAT”), ora dovrebbe essere potenziato con un livello di “architettura economica”, quello che riflette la teoria del business. Ciò consente all’azienda di testare, convalidare, perfezionare e migliorare il proprio modello operativo e di business in evoluzione.

da ultimo, tutti i metodi di architettura disponibili in commercio dovrebbero essere rivalutati: si basano sull’idea che l’IT sia un’infrastruttura idraulica e inoltre riflettono una visione del settore e dei mercati con il minimo comune denominatore. Un’impresa deve configurare e perfezionare tutti i metodi e gli strumenti esistenti per riflettere le sue capacità istituzionali uniche (e i vantaggi competitivi associati).

Le nuove architetture economiche aziendali trasformeranno le architetture IT aziendali in toolbox strategici e competitivi e le piattaforme blockchain saranno il modo in cui la tua azienda ci arriva.

Le opinioni, i pensieri e le opinioni qui espresse sono esclusivamente dell’autore e non riflettono o rappresentano necessariamente le opinioni e le opinioni di Cointelegraph.

John deVadoss è un direttore fondatore della InterWork Alliance e co-presiede il Token Taxonomy Framework Working Group. È a capo dello sviluppo per Neo Blockchain, con sede a Seattle, Washington. In precedenza, ha creato ed è uscito con successo da due startup di machine learning. All’inizio della sua carriera in Microsoft, John ha incubato e costruito Microsoft Digital da zero a $ 0,5 miliardi di entrate; ha guidato l’architettura, il prodotto e l’esperienza degli sviluppatori per la piattaforma .NET v1 e v2 ed è stato determinante nella creazione della strategia aziendale di Microsoft.