La Libra Association, che gestisce il tranquillo progetto di criptovaluta di Facebook, ha nominato un consulente generale per supervisionare lo sviluppo del suo prossimo sistema di pagamento.

In un comunicato stampa ufficiale, l’associazione Libra mercoledì introdotto Saumya Bhavsar come nuovo consigliere generale di Libra Networks, l’entità incaricata di gestire il sistema di pagamento basato su blockchain.

Bhavsar vanta due decenni di esperienza nel settore dei servizi finanziari ricoprendo vari ruoli legali, normativi e di conformità. In precedenza ha lavorato con banche e agenzie di regolamentazione degli Stati Uniti ed europee, tra cui Credit Suisse, la Commissione europea e il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Jeffrey Emmett, amministratore delegato di Libra Networks, ha descritto Bhavsar come:

“Un leader strategico con capacità e successi dimostrati in ruoli legali, normativi e operativi in ​​uno dei settori più regolamentati”.

Sembra che Bhasvar avrà il compito di aiutare Libra a navigare nel campo minato normativo dello sviluppo di un’infrastruttura di pagamento globale in grado di connettere gli attuali 2,7 miliardi di utenti di Facebook.

Facebook ha introdotto Libra nel 2019 come criptovaluta supportata da risorse di riserva e gestita da un consorzio globale di aziende che lavorano insieme per fornire servizi finanziari sicuri. Dopo il respingimento normativo da parte del governo degli Stati Uniti, il progetto Libra ha ridimensionato le sue ambizioni, offrendo invece di fornire stablecoin sostenuti da fiat.

Il CEO Mark Zuckerberg visione “reinventare il denaro e trasformare l’economia globale” ha attirato l’attenzione di governi, istituzioni finanziarie e consumatori. Gli exploit dei dati della rete di social media sono stati in primo piano nel 2018 Scandalo Cambridge Analytica, dove Facebook avrebbe venduto informazioni su milioni di utenti senza il loro consenso. I dati sono stati quindi utilizzati prevalentemente per la pubblicità politica.

La Libra Association non aveva risposto alla richiesta di commento di Cointelegraph al momento della pubblicazione.