Lo scambio di criptovaluta KuCoin ha recuperato la maggior parte dei fondi persi in 280 milioni di dollari incidente di hacking a settembre, ha detto un alto dirigente.

Johnny Lyu, co-fondatore e CEO di KuCoin, annunciato l’11 novembre che l’exchange ha recuperato l’84% dei beni rubati. Lyu ha affermato che il processo di recupero ha coinvolto “monitoraggio a catena, aggiornamento del contratto e recupero giudiziario”. Ha anche osservato che lo scambio pubblicherà maggiori dettagli sul rimborso una volta che il caso sarà chiuso.

Secondo Lyu, KuCoin ha ripreso i servizi completi per il trading di 176 token sulla sua piattaforma. Ha detto che i servizi per le monete rimanenti dovrebbero essere riaperti prima del 22 novembre. Come riportato in precedenza, KuCoin ha un totale di 230 attività negoziabili sulla sua piattaforma.

Annunciando la notizia su Twitter, Lyu non ha specificato la quantità esatta di risorse perse a causa dell’incidente di hacking. KuCoin ha inizialmente stimato le perdite degli utenti a rappresentano $ 150 milioni, mentre successivamente la società di analisi crittografica Chainalysis perdite stimate a $ 275 milioni.

Lyu in precedenza aveva detto a Cointelegraph che la violazione portafogli caldi interessati tenendo Bitcoin (BTC), Etere (ETH) e token ERC-20. Un gran numero di gettoni ERC-20 rubati era successivamente congelato dai principali progetti crittografici nel tentativo di prevenire i ritiri. All’inizio di ottobre, Lyu ha annunciato che i dirigenti di KuCoin è riuscito a trovare i sospetti dell’hack con “prove sostanziali a portata di mano”.