Jay Clayton, presidente della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti da maggio 2017, lascerà l’agenzia entro la fine del 2021.

Nella sua versione ufficiale comunicato stampa, l’agenzia ha osservato che Clayton è stata una delle sue sedie più longeve. Gli appassionati di criptovalute avranno probabilmente familiarità con il lavoro dell’agenzia, le cui attività hanno coinvolto alcune delle questioni normative più controverse che devono affrontare la nuova asset class.

Questi includono primi dibattiti sull’opportunità o meno di definire determinati asset crittografici come un titolo in conformità con il test Howey di 71 anni.

In qualità di presidente, Clayton ha anche avvertito Bitcoin (BTC) investitori l’anno scorso che sarebbero stati “gravemente sbagliato“Nell’aspettarsi che la criptovaluta possa essere scambiata negli scambi tradizionali senza una regolamentazione più solida in atto.

Durante il mandato di Clayton, secondo quanto riferito, la SEC ha ottenuto ordini per oltre $ 14 miliardi in rimedi monetari, un record di $ 4,68 miliardi solo nell’anno fiscale 2020, e ha restituito circa $ 3,5 miliardi agli investitori danneggiati. La commissione ha anche pagato circa 565 milioni di dollari agli informatori, inclusa la più grande somma di premio singolo versata a una data di denuncia di 114 milioni di dollari. Nella sua dichiarazione del dipartimento, Clayton ha detto:

“L’ecosistema dei mercati dei capitali degli Stati Uniti è il più forte e agile al mondo e, grazie al duro lavoro del team SEC diversificato e inclusivo, abbiamo migliorato la protezione degli investitori, promosso la formazione di capitale per le piccole e grandi imprese e consentito ai nostri mercati di funzionare in modo più trasparente ed efficiente. ”

Sebbene il comunicato stampa di oggi non dia alcun indizio sulle prossime mosse del presidente, il procuratore generale degli Stati Uniti William Barr di recente ha annunciato la nomina di Clayton per servire come prossimo procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here