Indice Stoxx 50 dell’UE, Covid-19 ‘Seconda ondata’, volatilità, VDAX – Punti di discussione:

  • Il paradiso associato Dollaro Americano e Yen Giapponese ha esteso la loro recente ripresa poiché le preoccupazioni della “seconda ondata” di Covid-19 hanno notevolmente inasprito il sentimento degli investitori.
  • L’indice EU Stoxx 50 a rischio di ulteriori perdite dopo essere crollato di oltre il 4% alla luce dell’inasprimento delle restrizioni sul coronavirus in diverse nazioni europee.

Riepilogo Asia-Pacifico

I mercati azionari hanno continuato a scivolare al ribasso durante il commercio Asia-Pacifico poiché le preoccupazioni della “seconda ondata” del Covid-19 e la mancanza di progressi nei negoziati di stimolo del Congresso hanno notevolmente inasprito il sentimento degli investitori.

Il dollaro statunitense e lo yen giapponese associati al paradiso hanno esteso le rispettive scalate rispetto alle loro controparti principali, mentre sono sensibili al rischio Dollaro australiano è tornato al di sotto del livello di 0,72 dopo il vice governatore della Reserve Bank of Australia Guy Debelle ha segnalato la potenziale fornitura di stimoli monetari aggiuntivi.

Oro e argento è scivolato al ribasso insieme ai rendimenti dei titoli del Tesoro USA a 10 anni, mentre un biglietto verde in ripresa ha trascinato i prezzi delle materie prime.

Guardando al futuro, la testimonianza semestrale del presidente della Federal Reserve Jerome Powell davanti alla commissione del Senato per le banche, l’edilizia abitativa e gli affari urbani titola il docket economico insieme alle vendite di case esistenti negli Stati Uniti per luglio.

Calendario economico DailyFX

Covid-19 Second Wave fiaccare l’appetito di rischio

La reimposizione forzata delle restrizioni sul coronavirus in diverse nazioni europee minaccia di ribaltare il Euro-la nascente ripresa economica della zona e potrebbe tradursi in un marcato attualizzazione delle attività di rischio regionali, se la preoccupante impennata dei casi Covid-19 continuerà a non essere frenata.

Nonostante il numero di infezioni sia notevolmente aumentato nelle ultime 6 settimane in Francia, GermaniaSpagna e Italia, i governi regionali hanno cercato disperatamente di evitare di inasprire le restrizioni per riportare in salute le rispettive economie.

Tuttavia, con il direttore regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità – Hans Kluge – wnotando che “abbiamo una situazione grave in corso [and] i numeri del caso di settembre dovrebbero servire come campanello d’allarme per tutti noi ”, sembra quasi scontata la conclusione che dovranno essere applicate restrizioni economicamente devastanti.

Indice UE Stoxx 50 a rischio poiché la seconda ondata COVID-19 alimenta la volatilità

Fonte: Worldometer

In effetti, le autorità locali nella capitale spagnola di Madrid e nella città meridionale francese di Nizza si sono mosse per limitare i raduni e limitare l’accesso ai parchi e alle aree pubbliche per sopprimere il virus altamente contagioso.

Questo notevole inasprimento delle restrizioni sembra aver coinciso con l’indice VDAX – il DAX 30 Indice di volatilità – aumento del divario separatista di febbraio il 16 settembre ed è indicativo di inasprimento del sentimento del mercato.

Con questo in mente, il deterioramento dei risultati sulla salute potrebbe continuare ad alimentare la volatilità e, a sua volta, ostacolare in modo significativo la performance delle attività di rischio regionali nel breve termine.

Grafico giornaliero dell’indice VDAX

Indice UE Stoxx 50 a rischio poiché la seconda ondata COVID-19 alimenta la volatilità

Grafico giornaliero dell’indice VDAX creato utilizzando TradingView

Grafico giornaliero dell’indice EU Stoxx 50 – Rottura triangolare ascendente minacciosa per i tori

Il crollo del 4,24% dell’indice europeo di riferimento EU Stoxx 50 attraverso il supporto chiave al 61,8% di Fibonacci (3243) potrebbe essere indicativo di un cambiamento nel sentiment generale del mercato, poiché il prezzo si trova precariamente in cima al livello psicologicamente cruciale di 3100.

Con il prezzo che viaggia al di sotto delle medie mobili a 21, 50 e 200 giorni e l’RSI alla deriva verso condizioni di ipervenduto, un’estensione della caduta dal massimo post-crisi (3445) sembra imminente.

Detto questo, i venditori non sono stati in grado di portare il prezzo al di sotto del minimo di luglio (3139), il che suggerisce che una ripresa a breve termine verso il 61,8% di Fibonacci (3243) potrebbe essere sulle carte.

Tuttavia, con l’indicatore MACD che attraversa il suo punto medio neutro in territorio negativo e un volume superiore alla media che conferma il recente movimento al ribasso, una continua spinta al ribasso sembra lo scenario più probabile.

A tal fine, una chiusura giornaliera al di sotto del minimo di ieri (3137) convaliderebbe probabilmente la rottura al ribasso del consolidamento del triangolo ascendente e potrebbe vedere il prezzo scendere nuovamente al supporto al massimo di aprile (3020).

Indice UE Stoxx 50 a rischio poiché la seconda ondata COVID-19 alimenta la volatilità

Grafico giornaliero dell’indice EU Stoxx 50 creato utilizzando TradingView

– Scritto da Daniel Moss, analista per DailyFX

Seguimi su Twitter @DanielGMoss

Come utilizzare il sentiment dei clienti IG nel tuo trading

Come utilizzare il sentiment dei clienti IG nel tuo trading

Consigliato da Daniel Moss

Migliora il tuo trading con IG Client Sentiment Data





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here