Chi avrebbe potuto immaginare un anno fa quanto sarebbero state diverse le nostre vite in soli 12 mesi? Senza alcun dubbio, lo scorso novembre rimarrà un punto significativo nella storia dell’umanità, il momento in cui tutto è iniziato. Sebbene il “paziente zero” non sia stato ancora confermato, se mai lo sarà affatto, ora sappiamo che tutto è iniziato in Cina il 17 novembre 2019, quando il primo paziente avrebbe presentato i sintomi di una nuova malattia da coronavirus chiamata COVID- 19, secondo al South China Morning Post con riferimenti a dati governativi.

Nel gennaio 2020, la città di Wuhan nella Cina centrale ha sofferto della massiccia espansione dell’epidemia di COVID-19 e “41 pazienti ospedalieri ammessi erano stati identificati come affetti da casi confermati in laboratorio”, secondo a una pubblicazione in The Lancet. Solo due mesi dopo, a marzo, l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato COVID-19 una pandemia globale. Uno per uno, i governi di tutto il mondo hanno chiuso i propri confini nazionali, sospeso eventi pubblici e vietato raduni di persone. La conversazione ha portato alla luce due termini, usati raramente prima, che ora sono stati dichiarato Parole dell’anno 2020 dal British Collins Dictionary: “lockdown” e “social distancing”.

È difficile immaginare quali sfere della nostra vita non siano state colpite da questi eventi drammatici e tragici, con il numero di casi globali confermati eccedente 55 milioni.

Nonostante tutto, anche la crisi COVID-19 in corso ha avuto un impatto positivo sul mondo. Il conservatorismo europeo, che si è a lungo basato sul sistema finanziario tradizionale, è stato messo in discussione poiché la pandemia ha costretto gli europei a passaggio a pagamenti senza contanti e criptovalute. Alcuni dicono che abbia persino fissato il l’adozione mainstream delle criptovalute e Soluzioni aziendali basate su DLT a livello globale da cambiare la comprensione delle persone di soldi.

Relazionato: Cosa significa la pandemia COVID-19 per blockchain e crypto

In particolare, l’epidemia di COVID-19 ha spinto Bitcoin (BTC) narrativa rifugio sicuro come stampa delle banche centrali un stimato $ 15 trilioni di stimolo nel tentativo di alleviare gli effetti della pandemia sulle economie globali. Amid tassi di inflazione in aumento, le persone si stanno rivolgendo a Bitcoin come la prossima copertura contro l’inflazione.

Relazionato: Non come prima: le valute digitali debuttano in mezzo a COVID-19

Nel frattempo, in nome della salute pubblica, i governi lo sono avvio del monitoraggio COVID-19 programmi, sollevando serie preoccupazioni sulle violazioni della privacy e sul rafforzamento della presa della centralizzazione nel processo. Senza fermarsi lì, lo hanno fatto anche i governi fatto un altro passo avanti erodendo l’autonomia civile attraverso lo sviluppo delle valute digitali della banca centrale, iniziative per le quali sono stati potenziati a livello globale a causa della crisi COVID-19. Mentre gli esperti vedono il file soluzione per salvaguardare la privacy nelle tecnologie decentralizzate, la domanda su il decentramento troppo promesso resta aperto.

Tuttavia, l’epidemia di coronavirus ha cambiato in modo significativo la vita di tutti, creando la nuova normalità ora viviamo. Tuttavia, nonostante tutte le sfide che dobbiamo affrontare dal punto di vista economico, politico e sociale dall’inizio dell’anno, non c’è dubbio che la pandemia sia promuovere l’innovazione digitale e accelerando l’umanità di 20 anni in avanti nello sviluppo tecnologico.

È troppo presto per dire quando tutto finisce, poiché COVID-19 è fermo guadagnando velocità. Ora, a un anno dal primo caso di Wuhan, Cointelegraph ha contattato esperti in tecnologia blockchain e spazio crittografico per le loro opinioni su come la pandemia di coronavirus ha avuto un impatto sul settore.

Che impatto ha avuto lo scoppio della pandemia COVID-19 sullo spazio crittografico?

Asheesh Birla, direttore generale di RippleNet:

“Il COVID-19 ha esacerbato le disuguaglianze per molte persone che non hanno una banca o che non hanno un conto bancario e ha evidenziato le lacune che abbiamo nella nostra infrastruttura finanziaria dove chi ha di meno paga di più – in media il costo per inviare $ 200 è di $ 14. Nonostante la pandemia, le persone devono ancora inviare denaro a familiari e amici all’estero. Di conseguenza, le rimesse hanno continuato a crescere in alcuni dei più grandi corridoi. Il corridoio dagli Stati Uniti al Messico, ad esempio, ha visto un considerevole aumento delle rimesse dall’inizio della pandemia, con il Messico che ha ricevuto 4,02 miliardi di dollari dall’estero nel marzo 2020, un 36% aumentare da marzo 2019. Ripple può aiutare a ridurre il costo dei pagamenti delle rimesse utilizzando criptovalute e blockchain per rendere i pagamenti transfrontalieri più veloci, economici e affidabili. Bitso, una delle principali borse messicane, effettua transazioni per quasi il 10% dei flussi di rimesse totali dagli Stati Uniti al Messico attraverso la tecnologia di Ripple che utilizza XRP come valuta ponte. In tandem, c’è più interesse per lo spazio che mai con grandi aziende come PayPal e Square che scommettono sulle criptovalute, spingendolo al mainstream. La convalida di queste società ha contribuito a un maggiore interesse per l’utilità delle criptovalute e alla loro capacità di servire meglio le loro attività e i loro clienti “.

Da Hongfei, fondatore di Neo, fondatore e CEO di OnChain:

“Dal mio punto di vista, COVID-19 non ha avuto un impatto negativo sullo spazio blockchain – semmai, ha guidato una maggiore domanda di innovazione e adozione blockchain. Rivelando i punti deboli del nostro attuale paradigma, COVID-19 ha anche evidenziato l’urgente necessità della tecnologia blockchain. Ad esempio, COVID-19 ha dimostrato i difetti dell’attuale sistema centralizzato della catena di approvvigionamento, rivelando la sua fragilità e mancanza di agilità. Sfruttando la blockchain, possiamo costruire una catena di approvvigionamento decentralizzata che può rapidamente accertare e quindi distribuire prodotti in base alle esigenze di un’area specifica. Allo stesso modo, la tecnologia blockchain potrebbe anche essere implementata per tracciare e rintracciare in modo più efficiente i casi di infezione proteggendo allo stesso tempo la privacy dei pazienti. In effetti, stiamo già assistendo a questo passaggio alla blockchain in un periodo di incertezza: sempre più istituzioni e persone stanno abbracciando Bitcoin poiché è visto come una risorsa stabile e tradizionale in questi tempi difficili. Semmai, credo che COVID-19 abbia fermamente dimostrato la necessità non solo di blockchain, ma anche di un’economia veramente digitale e intelligente. Andando avanti, dobbiamo rompere il nostro paradigma attuale per abbracciare un mondo veramente digitalizzato e globalizzato che abbia la flessibilità, l’agilità e l’efficienza per prosperare e prosperare “.

Mike Belshe, CEO di BitGo:

“Lo sconvolgimento economico dovuto ai nostri tempi di pandemia sta creando cambiamenti negli atteggiamenti e un maggiore interesse per le risorse digitali. COVID-19 ha notevolmente accelerato l’adozione e l’interesse per la crittografia in tutto il mondo. È importante notare che lo sforzo determinato di società come la nostra per costruire una base sicura e conforme sta consentendo l’afflusso di nuovi investitori crittografici, comprese le grandi aziende istituzionali come le banche di investimento e i principali depositari. Fortunatamente, siamo in grado di affrontare il momento come risultato di tutto il duro lavoro che abbiamo svolto per costruire un nuovo sistema monetario da zero negli ultimi 10 anni. Prima di COVID-19, la maggior parte delle persone non prestava la stessa attenzione ai fattori economici che rendono rilevante Bitcoin. Francamente, non ne avevano bisogno. Se stai generando un rendimento dal mercato azionario, rimani con ciò che sai e non devi preoccuparti di imparare qualcosa di nuovo. Ma ora tutto è cambiato con la pandemia: la politica fiscale in tutto il mondo sta inducendo i governi a stampare selvaggiamente moneta, riducendone il valore e causando inflazione. Gli investitori ora capiscono che devono andare avanti. Stanno facendo molte più domande e stanno afferrando il fondamento della tesi di Bitcoin: che la scarsità di un asset è importante. Le risorse digitali sono una copertura contro l’inflazione e una riserva di valore sicura. I leader degli investimenti come Paul Tudor Jones, Stanley Druckemiller e Bill Miller stanno dimostrando che Bitcoin è ora una parte importante di qualsiasi portafoglio. Quest’anno ha portato così tanta incertezza, ma le persone si sentono autorizzate a istruirsi su ciò che devono fare per essere coinvolte con le criptovalute. Sono presenti tutti gli elementi costitutivi: conformità, custodia, liquidità, gestione del portafoglio e tecnologia del portafoglio, nonché strumenti fiscali, offrendo agli investitori gli strumenti di cui hanno bisogno per investire in risorse digitali “.

Preston Byrne, Partner presso Byrne & Storm, PC:

“L’impatto più tangibile dell’epidemia di COVID-19 sulle criptovalute è stata la convalida della tesi centrale delle criptovalute secondo cui le nostre società sono fragili e che la matematica, non gli uomini, potrebbe costituire una base più solida per la futura organizzazione sociale. La dipendenza di quasi tutte le principali economie dagli stimoli fiscali e monetari per restare a galla ha rafforzato e ampliato la percezione pubblica della debolezza del denaro fiat e delle istituzioni. “Crypto”, cosiddetto, è una vasta gamma di credenze e aree di interesse che vanno dal denaro forte, alla resistenza alla censura, alle comunicazioni sicure. Queste tecnologie rispondono in modo unico all’adattamento sociale e aziendale ai fattori di stress che hanno dominato i titoli dei giornali nell’ultimo anno, sia che si parli di “Money printers go brr”, del continuo esodo dalla grande tecnologia o di disordini sociali diffusi nelle città “.

Tim Draper, venture capitalist e noto investitore di Bitcoin:

“Molte persone, bloccate nelle loro case, hanno finalmente avuto il tempo di creare un portafoglio Bitcoin, ma il vero impatto di Covid è stato che il blocco è stato devastante per molte famiglie e quando il governo ha stampato 13 trilioni di dollari per cercare di mettere un cerotto su di esso, ha chiarito che avresti preferito detenere Bitcoin piuttosto che questi dollari diluiti e diluibili. Mi aspetto che il “dovere fiduciario” includa ora il possesso di alcuni Bitcoin come copertura contro le inondazioni e le manipolazioni della valuta del governo “.

Queste citazioni sono state modificate e condensate.

Le opinioni, i pensieri e le opinioni qui espresse sono esclusivamente degli autori e non riflettono o rappresentano necessariamente le opinioni e le opinioni di Cointelegraph.