Un rapporto di venerdì dal sito web di metriche di Ethereum Dune Analytics ha mostrato che l’ecosistema della finanza decentralizzata (DeFi) conta ora oltre 1 milione di indirizzi Ethereum univoci come partecipanti, un aumento di oltre dieci volte rispetto ai 91.000 indirizzi del 6 dicembre 2019.

Ma mentre la crescita è stata innegabile, alcuni esperti avvertono di non interpretare il traguardo come un segno di adozione diffusa. In effetti, affinché la DeFi possa davvero rompere il mainstream, molti dei sostenitori del verticale emergente potrebbero dover ripensare le loro strategie di comunicazione e di sensibilizzazione.

The Dune Analytics rapporto, compilato aggregando il numero totale di indirizzi che hanno mai utilizzato protocolli DeFi popolari come Uniswap, Compound e Aave, ha osservato che i loro calcoli interpretano “utenti” come “indirizzi univoci”, il che significa che il milionesimo indirizzo potrebbe non essere così rialzista come sembra a prima vista.

Molti utenti DeFi comunemente distribuiscono più indirizzi per proteggere la loro privacy durante le transazioni sulla rete pubblica di Ethereum, e la fusione di “indirizzi” con “utenti” può portare gli analisti ad alcune cifre dubbie.

Brian Flynn, il co-fondatore di una startup che aiuta a incentivare la partecipazione alla DeFi, Rabbithole, suggerisce che il numero effettivo di partecipanti è di gran lunga inferiore.

“La realtà è che il numero di utenti unici è solo il 10-15% di quello. Questa è la vera metrica che conta “, ha detto Flynn a Cointelegraph.

“Speculatori ai partecipanti”

In che modo la DeFi raggiungerà davvero un milione di utenti e oltre? Flynn ha spiegato che il primo passo per attirare un numero maggiore di utenti unici sarà “un’applicazione killer incentrata sulla speculazione” simile alla piattaforma di trading CeFi Robinhood, che godette di un notevole boom di partecipazione durante i blocchi Covid.

A lungo termine, tuttavia, trovare modi per incentivare gli utenti a partecipare alla governance e agli elementi a livello di infrastruttura della DeFi è ciò che porterà al successo sostenibile.

“Molti utenti capiscono come scambiare token su Uniswap o un aggregatore, ma non capiscono come funzionano questi protocolli sotto il cofano”, ha detto. “Ad esempio, di tutti gli indirizzi che hanno fatto trading su Uniswap, solo una piccola frazione ha mai fornito liquidità. Per tutti coloro che hanno fornito attività su Compound per guadagnare interessi, solo una piccola parte ha preso in prestito per ottenere un prestito “.

“Abbiamo bisogno che gli utenti vadano più in basso nella tana del coniglio e si spostino da speculatori a partecipanti a un’economia aperta. È così che guidiamo la vera adozione. “

A tal fine, Flynn ha rivelato che Rabbithole ha pianificato “diverse” campagne con le principali piattaforme DeFi per incentivare una più ricca partecipazione al protocollo da parte degli utenti in cambio di token di governance.

“Questo cambiamento non avverrà dall’oggi al domani, ma la cosa più importante che possiamo fare è educare con una reale partecipazione pratica a queste reti”, ha aggiunto.

“Un profilo utente diverso”

Incoraggiare gli utenti a diventare attori più attivi nel panorama DeFi è un passo promettente verso l’adozione, ma un altro potrebbe attirare diversi tipi di utenti nel complesso.

Patrick Rawson, co-fondatore di Curve Labs, azienda di ingegneria e sperimentazione blockchain DAO, afferma che l’attuale esperienza utente in DeFi è adattata a una fascia demografica molto specifica.

“Le persone che utilizzano questi meccanismi, inclinano i maschi, inclinano i giovani, inclinano il desiderio di guadagnare profitti […], tendono ad essere tecnicamente esperti “, ha detto Rawson. “Questo profilo di utente richiederà tutto ciò che lo rende il massimo profitto.”

Se DeFi desidera veramente “incassare ciò che non è bancario” e raggiungere “l’ultimo miglio” di utenti, potrebbe dover contemplare nuove strategie di sensibilizzazione, sostiene Rawson, una che consente agli utenti di cercare i risultati desiderati.

“Diamo un’occhiata a un diverso profilo di utente per un secondo. Più anziana, originaria dell’Africa subsahariana, femmina, ha una famiglia, non tecnicamente esperta. Questo utente vorrà profitti a scapito di tutto il resto? No, probabilmente è più interessata all’ambiente che la circonda, è interessata alla salute e alla salute della sua famiglia. […] Vuole una DeFi a vantaggio della sua comunità locale, piuttosto che una DeFi che ottimizzi i profitti a tutti i costi “.

Rawson afferma che per realizzare questo cambiamento, DeFi dovrà adeguarsi a “strutture istituzionali localizzate che riflettano i valori locali”. Un esempio che ha offerto è il Credito di Sarafu, un esperimento di “valuta della comunità” in Kenya che in precedenza aveva collaborato con Bancor.

Flynn concorda sul fatto che concentrarsi soprattutto sui profitti potrebbe essere un modo restrittivo per predicare il vangelo della DeFi. Anche il modo in cui gli attuali partecipanti all’ecosistema discutono della DeFi con amici e familiari giocherà un ruolo importante nella costruzione verso il futuro:

“Dobbiamo smetterla di concentrarci sul prezzo e di più su come le reti crittografiche e il decentramento siano un nuovo modo di costruire organizzazioni”.