Nel mondo “reale”, il settore immobiliare è stato storicamente considerato un investimento praticabile. Gli individui e le società di solito acquistano terreni e proprietà per lo sviluppo o per venderli a un prezzo più alto in futuro.

Con il mondo sempre più digitalizzato, sembra che la tendenza ad attribuire un valore significativo alla terra e alla proprietà si sia diffusa nella scena virtuale. All’incrocio tra tecnologie emergenti come la realtà virtuale e la blockchain, sviluppatori, investitori e appassionati allo stesso modo stanno creando un vivace mercato immobiliare virtuale.

Mentre la realtà virtuale fornisce gli strumenti per visualizzare questi spazi digitali, la tecnologia blockchain funge da livello di base per la monetizzazione degli immobili virtuali. Con la ricaduta della pandemia di coronavirus che ha causato un passaggio fondamentale verso forme più digitali di comunicazione umana, i mondi virtuali interattivi possono fornire uno spazio sicuro per la conservazione di numerosi costrutti sociali.

Second Life e Linden Dollars

Il mercato immobiliare virtuale non è affatto un fenomeno recente. I simulatori di città come SimCity esistono da decenni. Nel 2003, un ambiente virtuale 3D chiamato Second Life ha probabilmente dato il via alla monetizzazione degli immobili virtuali mentre gli utenti si affrettavano ad acquisire terreni digitali utilizzando la valuta nativa della piattaforma, i Linden Dollars. La corsa di Second Life era prima dell’avvento di Bitcoin (BTC); tuttavia, il progetto ha visto gli utenti acquistare, vendere e affittare proprietà, nonché gestire attività commerciali su terreni virtuali.

La piattaforma presto declinò, con l’emergere di altri progetti immobiliari virtuali immersivi e interattivi. Tuttavia, al culmine della sua popolarità, Anshe Chung, un “Second Lifer”, divenne un milionario dalla vendita di immobili digitali.

Terra virtuale come merce

Con l’avvento della tecnologia blockchain, piattaforme VR come Somnium Space e Decentral e consentono agli utenti di acquisire e monetizzare appezzamenti di terreno virtuale. Recentemente, Whale, un deposito di gettoni non fungibile, è diventato il il secondo più grande detentore di terra virtuale nel gioco The Sandbox.

Binance Launchpad ha ospitato l’offerta di scambio iniziale di The Sandbox ad agosto con l’evento di vendita di token che ha raccolto circa $ 3 milioni. Binance è anche un investitore nel progetto, avendo acquisito 4.000 gettoni Terra all’inizio di settembre.

Commentando la crescente popolarità degli immobili virtuali, Joseph Madding, consulente di marketing e PR presso The Sandbox, ha osservato che gli investitori stanno diventando più aperti all’idea della terra digitale come investimento praticabile, dicendo a Cointelegraph:

“Il settore immobiliare virtuale sta decisamente diventando più popolare. Nelle ultime 10 settimane, abbiamo visto oltre il 1.000% in più di utenti interagire con la nostra chat di Telegram, Discord, Twitter e altre piattaforme di social media e abbiamo ampliato la nostra gestione della community per soddisfare la crescente domanda. In termini di terreno virtuale come merce, abbiamo visto la nostra TERRA che originariamente veniva venduta a circa $ 370 rivendere per oltre $ 2.000 per quello che avremmo venduto come una piccola proprietà. È sorprendente e mostra un enorme interesse della comunità per i nostri NFT. “

In effetti, la corsa per i beni di terra virtuale è solo l’ultima nella tendenza consolidata di vendere rapidamente gli immobili digitali. Nel mese di marzo, Il mondo VR Somnium Space ha venduto 110 Ether di terra virtuale nella prima settimana di un’offerta pianificata di 10 settimane al momento.

Dopo aver aperto la sua piattaforma a febbraio, Decentraland ha visto utenti che acquistano milioni di dollari di superficie digitale. Nel 2019, una parte della tenuta “Genesis Plaza” nel metaverso Decentraland denominata Estate 331 è stata venduta per circa $ 80.000, diventando la il secondo NFT più costoso del 2019.

Espansione del panorama della proprietà digitale

Sebbene sia comune vedere progetti che perseguono la tokenizzazione di materie prime del mondo reale, l’emergente spazio immobiliare virtuale sta creando un’economia digitale autonoma. Con la tecnologia blockchain come livello base, queste piattaforme possono monetizzare il territorio digitale, consentendo agli utenti di scambiare risorse all’interno del metaverso.

A parte i primi utenti che acquisiscono terreni virtuali nella speranza di vedere le risorse apprezzate nel tempo, alcuni individui e organizzazioni hanno sviluppato queste risorse. Il processo funziona in modo simile allo sviluppo immobiliare del mondo reale con la creazione di complessi commerciali e residenziali, zone industriali e parchi, tra gli altri.

Parte del fascino che spinge il desiderio di possedere una terra virtuale sembra essere basato su progetti ottimistici sulla fattibilità della tecnologia VR. Secondo uno studio pubblicato ad agosto, il mercato combinato VR e realtà aumentata lo è stimato un valore di 20,9 miliardi di dollari entro il 2025, con società in Cina e India che dovrebbero guidare questa crescita significativa nei prossimi cinque anni. I display montati sulla testa stanno diventando sempre più popolari tra gli sviluppatori di giochi e gli appassionati. Con i progressi della tecnologia 3D, i produttori stanno migliorando nella creazione di HMD che offrono un’esperienza VR più coinvolgente e interattiva.

Nel frattempo, per i progetti blockchain, in generale, la scarsità gioca un ruolo importante nel generare valore per i loro token nativi. Come nel caso del mondo reale, affinché le proprietà immobiliari rimangano preziose, la terra virtuale su questi metaversi deve essere finita.

La monetizzazione degli immobili virtuali offre anche un altro caso d’uso tangibile per le NFT. Gli sviluppatori di terreni digitali stanno creando centri commerciali, boutique, negozi e altri punti vendita al dettaglio in cui vendono prodotti elettronici come articoli di moda, carte rare, biglietti per concerti, ecc. Per gli sviluppatori di giochi, l’unione di VR e tecnologia blockchain sta creando l’opportunità di godersi “tutto -digital “gaming. Commentando i vantaggi degli ambienti completamente digitali, Madding ha affermato:

“In qualità di sviluppatore di giochi, il settore immobiliare virtuale fornisce una piattaforma quasi senza rischi per la pubblicazione dei tuoi giochi. Con la tecnologia NFT, non pubblichi più solo su un App Store e avrai la vera proprietà dello spazio in cui progetti e pubblichi il tuo gioco. Come consumatore, possedere LAND è come acquistare un qualsiasi videogioco fisico e se ti accorgi di voler fare qualcosa di nuovo, puoi progettare qualcosa di completamente nuovo con i nostri strumenti gratuiti, oppure puoi rivendere l’immobile digitale proprio come faresti tu vendere qualsiasi copia fisica di un gioco. “

La vita dopo COVID-19

La pandemia COVID-19 ha determinato cambiamenti radicali nell’interazione umana e l’utilizzo di forme di comunicazione virtuali ha assunto un ruolo centrale. Mentre le chiusure continuano in tutto il mondo, le organizzazioni lo sono state utilizzando soluzioni di videoconferenza elettroniche per le riunioni. I giganti della tecnologia negli Stati Uniti hanno persino emesso ordini di lavoro da casa con rapporti sulla pratica che dovrebbe continuare indipendentemente dal fatto che gli scienziati inventino un vaccino per il coronavirus.

Le conferenze e gli incontri sono un evento onnipresente nello spazio crittografico e blockchain. Tuttavia, a causa delle restrizioni COVID-19, non è stato possibile per le persone partecipare fisicamente a molti di questi eventi nel 2020.

Per superare questo ostacolo, organizzatori e partecipanti si sono riversati nel regno virtuale, avatar creativi sportivi per discutere questioni importanti del settore. Questi eventi hanno ampliato i confini dell’interazione elettronica dall’utilizzo di servizi di messaggistica di terze parti alle persone che interagiscono in uno spazio completamente digitale.

Secondo Madding, il costrutto sociale consolidato sta diventando sempre più aperto alla digitalizzazione: “Con il passare degli anni, i grandi eventi sociali come quelli che vediamo in Fortnite di Epic Games potrebbero certamente essere sempre più comuni, e speriamo di aprire la strada e vedere questi incredibili spazi sociali spuntano nel nostro Metaverso. ” Per Artur Sychov, fondatore e CEO di Somnium Space, l’appeal degli immobili virtuali è cresciuto, dicendo a Cointelegraph:

“Vediamo un crescente interesse per Somnium Land Parcels (PARCEL) perché sempre più persone realizzano casi d’uso reali per cui possono distribuire e utilizzare quei pacchi. Esempi sono talk show, gallerie d’arte, cinema, fitness club, scambi di criptovalute e altro ancora sono già implementati nel nostro mondo di realtà virtuale “.

Man mano che gli sviluppatori creano ambienti virtuali più coinvolgenti e interattivi risolvendo problemi come la latenza di visualizzazione, potrebbe diventare possibile avere quasi tutte le attività sociali che si svolgono nello spazio digitale. Tali soluzioni potrebbero anche collegarsi con il crescente mercato NFT per articoli come biglietti per concerti e spettacoli teatrali.

Relazionato: Le porte NFT si aprono con un’impressionante gamma di giochi Blockchain nel 2020



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here