Un anno senza precedenti, il 2020 ha mandato l’economia globale in tilt nel tentativo di compensare le difficoltà legate al COVID-19. Se il sistema tradizionale crolla, Bitcoin diventerà vitale, secondo la senatrice eletta degli Stati Uniti Cynthia Lummis.

“Se raggiungiamo il punto in cui abbiamo speso così tanto che le cose iniziano a crollare, l’evento del cigno nero si verifica in relazione a qualsiasi valuta fiat – sia la nostra o la tua o della Cina o del Giappone – che c’è un backstop disponibile per ogni governo in il mondo, e quel backstop è Bitcoin “, Lummis detto Peter McCormack durante un suo recente episodio Cosa ha fatto Bitcoin podcast.

Azioni del governo e copertura dei media intorno a COVID-19 è aumentato a marzo, con conseguenti chiusure di imprese e difficoltà economiche. Da allora i problemi sono persistiti in termini di stimolo economico e salute abbinati ai mandati del governo COVID-19.

Proveniente dallo stato criptato del Wyoming, Lummis vuole aumentare la consapevolezza di Bitcoin tra le autorità statunitensi. “Voglio davvero utilizzare il mio tempo al Senato degli Stati Uniti in parte per aiutare a introdurre l’argomento Bitcoin”, ha detto, spiegando il suo desiderio di:

“Aumentare la comprensione al Senato su Bitcoin, cosa è, cosa fa, come può essere un asset che può crescere e svilupparsi in aggiunta, quindi fondamentalmente accanto alla nostra valuta fiat, e che dovrebbe essere consentito un percorso chiaro e avenue – un’autostrada interstatale in effetti – per crescere e svilupparsi insieme alla nostra valuta fiat “.

In contrasto con Bitcoin e la sua offerta costante, la struttura del dollaro USA include intrinsecamente l’inflazione, rendendo inevitabile la svalutazione, secondo Lummis, che possiede Bitcoin stessa. “Sono un HODLer”, ha detto. “Compro solo. Non ho mai venduto “, ha aggiunto.

In linea con un anno difficile, il debito nazionale degli Stati Uniti è aumentato ulteriormente nel 2020, in piedi a più di 27 trilioni di dollari al momento della pubblicazione, che riguarda Lummis. “So che non esiste una strategia, nessun piano, affinché gli Stati Uniti inizino a ritirare il proprio debito”, ha detto. “Quando sono entrato al Congresso nel gennaio del 2009, eravamo appena passati a $ 10 trilioni da $ 9 trilioni di debiti”.

Le autorità governative degli Stati Uniti hanno distribuito una serie di sforzi di finanziamento relativi a COVID-19 quest’anno, mentre anche stampare enormi quantità di denaro. Sono attualmente in corso anche ulteriori colloqui sulla spesa relativa alla pandemia, ha osservato Lummis, ipotizzando Bitcoin come una possibile soluzione.

Oltre a una soluzione del debito, gli Stati Uniti hanno bisogno di “un percorso alternativo nel caso in cui falliamo, e vedo il percorso alternativo come Bitcoin”, ha detto Lummis, citando successivamente il ruolo di riserva di valore dell’asset e l’offerta limitata.