L’Office of the New York Attorney General, o OAG, ha richiesto un’estensione della scadenza per iFinex Inc – la società madre sia dell’exchange di criptovalute Bitfinex che dell’emittente di stablecoin Tether – per produrre i documenti richiesti per la loro battaglia legale in corso.

Il 9 dicembre 2020, l’OAG ha scritto al giudice Joel Cohen per richiedere che la scadenza venga posticipata fino al 15 gennaio 2020 – presumibilmente un errore di battitura e in realtà una richiesta per la stessa data nel 2021.

La richiesta ha fatto seguito a un’udienza virtuale il 17 settembre, che si è conclusa con il giudice che ha ordinato un’estensione di 90 giorni per Ifinex per produrre documenti relativi a rapporti d’affari tra Bitfinex e Tether nell’aprile 2019 – quando l’OAG accusa Ifinex di aver mescolato i fondi tra i due società per coprire gli 850 milioni di dollari persi da Bitfinex avvalendosi dei servizi della banca ombra, Crypto Capital.

L’OAG afferma che Ifinex ha collaborato alla produzione dei documenti richiesti dall’udienza del 17 settembre, prevedendo che il processo sarà “finalizzato nelle prossime settimane”.

Nonostante le persistenti controversie, l’USDT di Tether ha visto l’adozione di un altro anno record, con il token stabile che si espande per operare sulle reti Omni, Ethereum, Eos, Algorand, Liquid e Solana.

Secondo CoinMarketCap, La capitalizzazione di Tether è aumentata del 382% da $ 4,1 miliardi all’inizio di gennaio a oltre $ 19,76 miliardi di oggi, suggerendo che Tether’s May 2019 ammissione che l’USDT fosse garantito solo per il 74% da liquidità e mezzi equivalenti ha fatto ben poco per smorzare la domanda di stablecoin.

Anche la predominanza del volume relativo di Tether su BTC si è estesa al 65,5%, rispetto a 16,2% all’inizio dell’anno. USDT rappresenta attualmente il 38% del volume crittografico combinato.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here