L’economia globale non sembra essere in una buona posizione in questo momento, soprattutto con paesi come Regno Unito, Francia e Spagna imponente nuove e nuove restrizioni oltre i loro confini, rendendo ancora più cupe le prospettive finanziarie future di molti imprenditori locali.

Per quanto riguarda l’economia crittografica, il 21 settembre, Bitcoin (BTC) è sceso quasi 6,5% al ​​segno di $ 10.300 dopo essere rimasto a mettere circa $ 11.000 per alcune settimane. Tuttavia, ciò che è interessante notare questa volta è il fatto che la criptovaluta di punta è precipitata di valore contemporaneamente all’oro e all’S & P 500.

Da un punto di vista tecnico, una rapida occhiata all’indice di volatilità Cboe mostra che la volatilità implicita dell’S & P 500 durante la suddetta finestra temporale è aumentata in modo abbastanza drammatico, superando il segno di $ 30,00 per la prima volta in un periodo di oltre due mesi, in testa molti commentatori lo ipotizzano un altro incidente simile a quello di marzo potrebbe essere incombente.

Vale la pena ricordare che il segno di $ 30 serve come soglia massima per il verificarsi di eventi sconvolgenti a livello mondiale, come guerre o attacchi terroristici. Altrimenti, durante i periodi di regolare attività di mercato, l’indicatore rimane intorno a $ 20.

Quando si guarda l’oro, ha anche il metallo prezioso affondato pesantemente, toccando un minimo di due mesi, mentre l’argento ha visto il suo calo di prezzo più significativo in nove anni. Questo interesse in calo per l’oro ha portato gli speculatori a credere che le persone si stiano nuovamente rivolgendo al dollaro USA come rifugio finanziario sicuro, soprattutto perché l’indice del dollaro ha mantenuto una posizione relativamente forte rispetto ad altre principali valute come lo yen giapponese, il franco svizzero e l’euro.

Parlando di Europa, il continente nel suo insieme è attualmente di fronte una potenziale crisi economica, con molti paesi che devono affrontare la minaccia imminente di una pesante recessione a causa delle condizioni di mercato incerte che sono state indotte dallo spavento COVID-19.

C’è più di quanto sembri?

Sebbene vi sia stata una precisa correlazione nell’azione dei prezzi dei mercati delle criptovalute, dell’oro e dell’S & P 500, Joel Edgerton, direttore operativo dell’exchange di criptovalute bitFlyer, ha evidenziato in una conversazione con Cointelegraph che, rispetto ad altri asset, come i metalli preziosi, stock option, ecc. – le criptovalute hanno mostrato una volatilità molto maggiore.

In particolare, ha sottolineato che la coppia BTC / USD è stata sensibile ai movimenti del dollaro USA, nonché a qualsiasi discussione relativa al potenziale cambiamento di strategia della Federal Reserve che cerca di sperone inflazione nazionale al di sopra del 2%. Edgerton ha aggiunto:

“Il movimento dei prezzi è principalmente guidato dalle attività istituzionali con i clienti al dettaglio che continuano ad acquistare i cali e ad accumulare attività. Un punto chiave da tenere d’occhio è il possibile effetto delle elezioni statunitensi e se questo cambia la risposta della Fed dalla sua attuale posizione molto accomodante a una posizione più normale “.

Infine, ha ritenuto che qualsiasi modifiche al codice fiscale degli Stati Uniti potrebbe anche avere un effetto diretto sul mercato delle criptovalute, soprattutto perché vari stati, così come il governo federale, continuano a essere alla ricerca di nuove vie fiscali per compensare i pacchetti di stimolo che sono stati inflitti dalla Fed all’inizio di quest’anno.

Sam Tabar, ex amministratore delegato per la regione Asia-Pacifc di Bank of America e co-fondatore di Fluidity – l’azienda dietro la piattaforma di trading peer-to-peer Airswap – crede che la criptovaluta, come asset class, continui a rimanere fraintesa e mal valutata: ” Con il tempo, le persone diventeranno sempre più consapevoli dello spazio degli asset digitali e questa raffinatezza ridurrà la correlazione con i mercati tradizionali “.

Bitcoin potrebbe riprendersi?

Come parte del suo tuffo più recente, Bitcoin si è fermato a un prezzo di circa $ 10.300, con il risultato che il sentimento dei social media della valuta è crollato al minimo di 24 mesi. Tuttavia, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, secondo i dati diffusi dalla società di analisi crittografica Santiment, BTC tende a vedere un forte aumento ogni volta che il sentiment online intorno ad esso aleggia nel territorio FUD – paura, incertezza e dubbio.

L’azienda ha affermato che questa tendenza di sentiment online negativo osservato dall’inizio di settembre non è rilevante solo per Bitcoin ma anche per Ether (ETH), così come alcune altre valute digitali. È andato avanti stato:In generale, le migliori opportunità di acquisto in #crypto arrivano quando il trader medio è in ribasso, sia psicologicamente che finanziariamente. Questo è ciò che indicano attualmente le nostre metriche. “

Il sentiment online di qualsiasi criptovaluta viene solitamente calcolato accumulando set di dati sui social media associati alla moneta in questione. Queste informazioni vengono quindi elaborate utilizzando vari protocolli di apprendimento automatico in modo da ordinare i dati come positivi o negativi. Alcuni fornitori di analisi utilizzano anche una metrica chiamata “valore di mercato rispetto al valore realizzato” o MVRV, che calcola il profitto e la perdita medi di diversi possessori per determinare se una moneta è attualmente in eccesso o in difetto.

Il recente tuffo non è stato niente di speciale?

Il crollo tandem nel valore di azioni, oro e criptovaluta non è stato né una coincidenza né dovuto ad anomalie tecniche, poiché è normale assistere a cali simultanei su vari mercati durante periodi di elevata incertezza.

Ad esempio, nel corso degli ultimi mesi, diversi investitori in tutto il mondo hanno valutato i rischi relativi ai loro portafogli esistenti e hanno iniziato a liquidare i loro asset più volatili, che, nella maggior parte dei casi, sono criptovalute e azioni. Tabar ha osservato che tali tuffi sono parte integrante dei mercati volatili e che scenari simili (meno criptovalute) sono stati osservati anche nel 2008:

“Per quanto riguarda le materie prime e in particolare l’oro, sono d’accordo con la narrativa delle scarse risorse. Guardando i pacchetti di stimolo unici che sono stati lanciati nella maggior parte delle maggiori economie mondiali, ci si poteva aspettare una mossa del genere. Penso che nello spazio crittografico, questa narrativa valga solo per Bitcoin e non per qualsiasi altra criptovaluta. “

Ultimo ma non meno importante, sembra che il mercato azionario continuerà a rimanere in uno spazio altamente incerto, soprattutto perché gli impatti economici devastanti della pandemia di coronavirus diventeranno estremamente visibili durante il terzo e il quarto trimestre di quest’anno.

Forse ancora più importante, il dominio del dollaro è ancora una volta in aumento, come è evidenziato dal fatto che il numero di richieste di mutui statunitensi nelle ultime settimane ha è aumentato a livelli superiori del 25% rispetto a questo periodo dell’anno scorso.





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here