Prezzi del rame, crescita economica cinese, COVID

  • Rame spinge al rialzo nonostante un sentimento di rischio misto
  • Le interruzioni dell’offerta si attenuano, ma la domanda cinese continua
  • Il prossimo PIL cinese del terzo trimestre potrebbe aumentare ulteriormente il rame

Il rame è sceso con il mercato più ampio all’inizio di questo mese quando il metallo rosso è sceso al punto più basso dal 14 agosto nei giorni di apertura di ottobre. Tuttavia, i futures sul rame stanno andando meglio da allora e sembrano immuni alla recente avversione al rischio facendo pressione sullo spazio azionario. Fino a giovedì pomeriggio, i futures sul rame vengono scambiati in rialzo dell’1,25% rispetto al calo dello 0,72% del Nasdaq 100 indice.

Futures rame (grafico dei prezzi giornalieri)

Grafico creato con TradingView

Come discusso negli ultimi mesi, gli squilibri di mercato sembrano aver guidato gran parte del rally iniziale post Covid. Mentre il lato dell’offerta sta riscontrando un certo sollievo dopo che i livelli dei magazzini LME per il rame sono più che raddoppiati nelle ultime quattro settimane, i future sul rame rimangono vicini massimi pluriennali. Ciò suggerisce che la domanda potrebbe superare il lato dell’offerta.

Rame vs LME Magazzino di stoccaggio del rame

Rame vs LME Stoccaggio di rame

Detto questo, il lato della domanda dell’equazione si concentra sulla Cina, il più grande importatore di rame al mondo. Esiste una correlazione storica tra i bassi prezzi del rame e le importazioni cinesi di rame. Tuttavia, le importazioni sono salite a livelli record negli ultimi mesi. Il motivo probabile: il governo cinese cerca di concentrarsi sugli investimenti in infrastrutture come arma contro gli impatti di Covid.

Tratti dei commercianti di successo

Tratti dei commercianti di successo

Consigliato da Thomas Westwater

Tratti dei commercianti di successo

La Cina potrebbe trarre vantaggio dalla sua posizione iniziale nella pandemia Covid-19 poiché il paese ora ha il virus sotto controllo. L’imminente stampa del PIL del terzo trimestre della Cina potrebbe fornire il prossimo catalizzatore con una crescita economica destinata a superare i fili al 3,2% su base trimestrale, una cifra sana rispetto ai paesi emergenti.

Calendario economico DailyFX – Cina

Calendario economico DailyFX

Fonte: Calendario economico DailyFX

Inoltre, questa settimana l’FMI ha recentemente aggiornato le sue proiezioni di crescita. E mentre le previsioni vedono la peggiore flessione dalla Grande Depressione, la produzione globale dovrebbe ora scendere del 4,4%, da un calo del 5,2%. La Cina, infatti, è l’unico paese dei mercati emergenti previsto in espansione nel 2020 e sta contribuendo a sostenere il dato globale. L’FMI ​​ha anche osservato:

“Le sue esportazioni (cinesi) si sono riprese dal profondo calo all’inizio dell’anno, supportate da un precedente riavvio dell’attività e da una forte ripresa della domanda esterna di apparecchiature mediche e di apparecchiature per supportare il passaggio al lavoro a distanza”.

Proiezioni FMI - Cina

Fonte: Fondo monetario internazionale

Una seconda ondata in Cina è probabilmente la principale minaccia per la corsa rialzista del rame. Finora, tuttavia, la Cina sembra tenere sotto controllo qualsiasi ripresa. Al contrario, una seconda ondata nelle nazioni produttrici di rame, come il Cile, potrebbe produrre interruzioni dell’offerta e aumentare ulteriormente il metallo.

Cina – Nuovi casi giornalieri (media mobile su 7 giorni)

Worldometer China Daily Nuovi casi

Fonte: Worldometers.info

Per ora, è probabile che la domanda cinese guidi l’azione dei prezzi nel breve e medio termine. Concentrarsi sui tassi di infezione, insieme ai prossimi dati sul PIL, dovrebbe essere in primo piano e al centro per misurare la direzione del rame a breve termine.

– Scritto da Thomas Westwater, collaboratore di DailyFX.com

Contatta e segui Thomas su Twitter @FxWestwater





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here