Il mercato delle criptovalute ha subito un forte crollo giovedì mattina UTC, che ha inviato i prezzi delle principali valute come Bitcoin (BTC) e Ether (ETH) burattatura superiore al 10%.

Quando i trader si affrettano verso l’uscita, il prezzo delle stablecoin generalmente aumenta con l’aumentare della domanda di stabilità. Nel crollo di oggi, tuttavia, l’effetto è diventato particolarmente pronunciato su Dai (DAI), scambiato brevemente per $ 1,3 tra le 7 e le 8 AM UTC.

Prezzo Dai / USD su Coinbase, per gentile concessione di TradingView

In particolare, DAI ha scambiato a questa valutazione gonfiata solo su Coinbase e Uniswap, mentre altri exchange tra cui Kraken e Bitfinex sembrano aver mantenuto un prezzo relativamente stabile.

Prezzo Dai / USD su Bitfinex, per gentile concessione di TradingView

Coinbase e Uniswap sono i due exchange utilizzati da L’oracolo del feed a prezzo aperto di Compound. Il primo funge da linea di base, mentre il secondo viene utilizzato come controllo di integrità e ancoraggio. Tuttavia, sembra che Uniswap abbia fallito nella sua funzione e abbia anche registrato un prezzo molto più alto del normale.

La liquidazione di Compound questa mattina è stata di $ 89 milioni, di cui circa $ 52 milioni provenivano da DAI, secondo i dati di DuneAnalytics.

Una liquidazione in particolare è degna di nota per le sue dimensioni estremamente elevate di 46 milioni di DAI rimborsate.

Come il ricercatore DeFi Sam Priestley spiegato, questa liquidazione è stata eseguita su un agricoltore COMP con leva finanziaria, che ha utilizzato USD Coin (USDC) e garanzie DAI per alimentare il prestito ricorsivo nelle stesse valute. L’apparente aumento del prezzo del DAI pone il conto al di sotto della soglia di liquidazione.

Il liquidatore ha sequestrato quasi 2,4 miliardi di cDAI, per un valore di circa $ 50 milioni con un prezzo di $ 0,0209, restituendo solo $ 46 milioni in DAI. Questo è un comportamento previsto dato l’attuale incentivo alla liquidazione di Compound dell’8%.

Il transazione in questione prevedeva l’utilizzo di un flash swap da Uniswap e le chiamate per aggiornare l’oracolo di Compound. Altre quattro transazioni emesse dallo stesso liquidatore hanno rimosso ulteriori $ 6 milioni di debiti.

L’evento ha evidenziato i pericoli di fare affidamento su pochi dati per gli oracoli, ha detto a Cointelegraph il fondatore di Chainlink (LINK) Sergey Nazarov. “Abbiamo predetto questo stesso exploit di oracoli centralizzati e scarsa qualità dei dati più di un anno fa”, ha detto, citando il suo spiegazione dei rischi derivanti dall’utilizzo di un’unica borsa. Lui continuò:

“I protocolli DeFi che si basano su oracoli centralizzati che estraggono dati da scambi singoli, DEX o altro, stanno inavvertitamente mettendo a rischio i fondi degli utenti. […] La rete Chainlink non è stata influenzata da questo exploit perché acquisiamo dati da più fornitori di dati leader e centinaia di scambi, assicurandoci di acquisire il prezzo reale di una criptovaluta attraverso un’adeguata copertura di mercato “.

Sebbene non ci siano prove che suggeriscano una manipolazione attiva, il fatto che il prezzo di DAI sia balzato in modo specifico sugli scambi utilizzati dagli oracoli di Compound potrebbe destare sospetti. In generale, la liquidazione si aggiunge al recenti hack di prestito flash per evidenziare l’eccessivo affidamento della DeFi su poche fonti di dati come oracoli, ha concluso Nazarov.





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here