La banca centrale del Libano prevede di lanciare una nuova valuta digitale nel 2021 come parte di uno sforzo più ampio per combattere una crisi economica e finanziaria parallela che ha travolto il paese.

Governatore della banca centrale Riad Salameh detto un incontro di funzionari lunedì che “dobbiamo preparare un progetto di valuta digitale libanese” come un modo per rafforzare la fiducia nel sistema bancario.

“Per quanto riguarda l’offerta monetaria nel mercato libanese, si stima che ci siano 10 miliardi di dollari immagazzinati all’interno delle case”, ha detto Salameh, secondo la National News Agency gestita dallo stato.

Il banchiere centrale ha aggiunto che un progetto di valuta digitale lanciato nel 2021 aiuterà a implementare un sistema finanziario senza contanti per migliorare il flusso di denaro a livello locale e all’estero.

Il Libano fa molto affidamento sulle rimesse della sua vasta diaspora globale. Nel 2019, le rimesse personali rappresentavano quasi il 14% del PIL libanese, secondo alla Banca Mondiale. Questa cifra raggiungeva il 26,4% nel 2004.

Salameh afferma che il Libano manterrà le sue riserve auree come copertura contro una più ampia crisi di mercato. Se si verifica una tale crisi, la banca centrale può liquidare i suoi lingotti sui mercati esteri per un sollievo immediato.