Lo spazio delle criptovalute ha subito una serie di mercati rialzisti sin dal suo inizio nel 2009. La corsa al rialzo delle criptovalute nel 2017 è stato uno degli anni più importanti per il settore, ospitando prezzi e crescita delle risorse digitali in aumento.

Mercati blockchain sembra molto diverso oggi rispetto a tre anni fa, tuttavia, in base alla regolamentazione, all’adozione e ad altri fattori. In che modo l’attuale trend rialzista delle criptovalute differirà dal 2017? La dispersione degli asset è un fattore chiave di differenziazione, secondo Pierce Crosby, direttore generale della piattaforma di asset chart TradingView.

“La chiave qui è guardare alla distribuzione degli account, ovvero il numero totale di account che detengono una determinata risorsa crittografica”, ha detto Crosby a Cointelegraph, aggiungendo:

“Nel 2017, c’era una ponderazione sproporzionata in pochissimi conti, mentre ora il numero di conti è cresciuto enormemente. Coinbase da solo ora riferisce di avere 30 milioni di account “.

Coinbase attualmente si vanta oltre 35 milioni di utenti sulla sua piattaforma, rispetto agli 11,7 milioni di ottobre 2017, secondo i numeri della CNBC segnalazione.

“Inoltre, penso che le persone dovrebbero considerare la percentuale di proprietà istituzionale, che in genere è un forte fattore di ‘supporto’ per il prezzo”, ha detto Crosby. Crypto adesso raccoglie maggiore interesse da parte di grandi attori tradizionali. Jack Dorsey’s Square e Microstrategy, azienda di business intelligence sono solo due esempi del nuovo potere d’acquisto di Bitcoin che è arrivato al piatto nel 2020.

Crosby ha notato che la tecnologia è un altro elemento di differenziazione tra l’attuale mercato rialzista e il 2017. “Ora ci sono migliaia di applicazioni costruite su una delle varie blockchain nell’ecosistema, queste svolgono anche un ruolo chiave nella stabilizzazione del calo dei prezzi”, ha detto. Il boom della finanza decentralizzata quest’anno funge da uno di questi esempi di progresso.

Bitcoin ha recentemente rotto il suo prezzo massimo storico, sparando oltre il suo precedente record di $ 19,892, ambientato nel 2017.

Bitcoin ha ampiamente mostrato la forza dei prezzi nel 2020, sebbene le preoccupazioni di COVID-19 abbiano inviato l’asset crollando fino a $ 3.600 nel mese di marzo. Da allora, Bitcoin e il mercato globale delle criptovalute hanno registrato una tendenza al rialzo in un anno che ha ospitato anche le elezioni presidenziali degli Stati Uniti.

“In generale, assistiamo a un cambiamento nel sentiment e nell’attenzione durante l’ultimo anno dell’attuale amministrazione statunitense”, ha spiegato Crosby. “Le cose hanno preso una marcia in più una volta che la pandemia ha colpito, sia a causa del calo del prezzo di Bitcoin, ma anche a causa dell’aumento di una politica monetaria eccessivamente accomodante in tutto il mondo.”

Gli Stati Uniti hanno stampato enormi quantità di dollari nel 2020 mentre anche mantenere bassi i tassi di interesse.