Jeremy Allaire, CEO e co-fondatore della società di pagamenti peer-to-peer Circle, inviato una lettera al personale senior del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti il ​​9 dicembre, invitando le autorità di regolamentazione a collaborare con il settore nell’adozione di regolamenti crittografici.

Allaire ha avvertito i regolatori statunitensi che alcune delle sue regole proposte rappresentano un rischio diretto per la competitività del paese e potrebbero potenzialmente innescare conseguenze non intenzionali su casi d’uso relativi a criptovalute e blockchain.

L’esecutivo ha fatto specificamente riferimento a una nuova proposta a vietare i cosiddetti wallet non ospitati o self-hosted. Allaire ha affermato che la proposta non affronta i rischi effettivi nel settore:

“Credo che la proposta affronterebbe in modo inadeguato i rischi effettivi in ​​questione, danneggerebbe in modo significativo l’industria e la competitività americana, continuerebbe a produrre un vantaggio economico e industriale per le aziende cinesi e avrebbe conseguenze non intenzionali significative sui casi d’uso più ampi per questo tecnologia.”

Allaire ha anche affermato che sia l’industria che le autorità di regolamentazione hanno bisogno di tempo per definire insieme le migliori pratiche nella regolamentazione delle tecnologie emergenti.

“L’industria ha bisogno di tempo, probabilmente 1-2 anni, per mettere in atto questo tipo di tecnologie”, ha detto, “Non solo l’industria ha bisogno di questo tempo, ma questo consentirà all’industria e alle autorità di regolamentazione finanziaria di collaborare insieme per costruire il set di regole e schemi di supervisione che hanno senso in questo nuovo mondo “.

Allaire si unisce a diversi membri del Congresso, inclusi i rappresentanti Warren Davidson e Tom Emmer, che si è opposto al presunto divieto dei portafogli crittografici auto-ospitati in una lettera ufficiale al Tesoro il 9 dicembre.

Alcuni sostenitori delle criptovalute hanno affermato di non essere sicuri di cosa significhi un “portafoglio self-hosted”. “Non so nemmeno cosa sia un portafoglio self-hosted. So solo “non le mie chiavi” e “le mie chiavi” “, Samson Mow, chief strategy officer di Blockstream disse il 9 dicembre.