L’ex capo della polizia Yuri Zaitsev è stato recentemente condannato a otto anni di prigione per aver agito come cacciatore di taglie per un mercato del dark web. Nel dicembre 2018, Zaitsev stava lavorando come capo della sua unità all’interno della Direzione principale per il controllo della droga della Repubblica di Khakassia, una divisione delle forze dell’ordine analoga alla Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti, o DEA. A quel tempo, ha avviato un contatto con l’operatore di un mercato darknet, offrendosi di aiutare a dare la caccia a un uomo che si era appropriato di farmaci che gli erano stati affidati per il posizionamento in gocce morte.

In Russia, a differenza degli Stati Uniti, la maggior parte degli imprenditori del dark web non si fida dell’ufficio postale per le spedizioni. La modalità prevalente di diffusione di questi prodotti illegali è invece completata attraverso dead drop – un metodo di consegna mediante il quale due parti possono passare articoli o informazioni avanti e indietro senza mai aver bisogno di incontrarsi di persona.

Secondo il dipartimento investigativo principale, il poliziotto ha ricevuto l’equivalente di 52.000 rubli in Bitcoin (BTC) per i suoi servizi. A quel tempo, questo equivaleva a circa $ 750 US Doll, o 0,2 BTC. È stato giudicato colpevole con l’accusa di corruzione e divulgazione di informazioni riservate.

Secondo la moglie di Zaitsev, la sua accusa era punizione per aver indagato su alti funzionari all’interno della sua agenzia. Successivamente è stato licenziato e perseguito. Da ottobre a novembre 2019, Zaitsev caricato una serie di video su YouTube in cui avrebbe denunciato la corruzione tra alti funzionari della sua direzione. Questo sembra essere ciò che ha portato ad accuse penali contro di lui per la divulgazione di informazioni riservate. Nel novembre 2019, Zaitsev caricato un appello al presidente Vladimir Putin su YouTube in cui ha perorato la sua causa, ma senza alcun risultato.

Durante le indagini indipendenti sulla Via della Seta, numerosi funzionari delle forze dell’ordine cadde in conflitto con quello che percepivano come Bitcoin facile e non rintracciabile. L’agente speciale della DEA Carl Force è riuscito a ottenere 1.200 Bitcoin da Ross Ulbricht. Ha ottenuto i fondi utilizzando uno schema elaborato in cui ha creato più personaggi falsi che vanno da un importante trafficante di droga sudamericano a un funzionario corrotto delle forze dell’ordine. Uno dei compiti assegnati a lui da Ulbricht era dare la caccia e uccidere un ex socio che gli aveva presumibilmente rubato Bitcoin. Il vero ladro era un altro funzionario delle forze dell’ordine coinvolto nelle indagini. L’omicidio è stato inscenato dalla Forza ma mai materializzato in Attualità.

Gli eventi che hanno avuto luogo a Khakasia pochi anni dopo la saga di Silk Road sembrano per certi versi una riproduzione locale a buon mercato di un costoso programma della HBO. Come disse una volta Karl Marx, la storia si ripete “la prima volta come tragedia, la seconda come farsa”.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here