L’attore e venture capitalist, Ashton Kutcher, ha pubblicato un video su Twitter con se stesso, sua moglie Mila Kunis e il fondatore di Ethereum Vitalik Buterin, per spiegare il progetto ai nuovi arrivati

Per il primo minuto, il video mostra Kutcher che interroga Kunis sui termini di base relativi alla criptovaluta e alla tecnologia blockchain in una zona giorno della loro casa.

Dopo che Kunis ha offerto semplici definizioni di una frase per spiegare “crypto”, “blockchain” e “decentralizzazione”, Kutcher chiede una descrizione di Ethereum. La telecamera quindi si sposta a destra, superando Kunis per rivelare Buterin seduto a un tavolo.

Buterin si lancia in una lunga spiegazione dei componenti fondamentali di Ethereum, articolando in che modo il protocollo del contratto intelligente differisce dalle catene “monouso”, citando Bitcoin come esempio.

“Ethereum è una blockchain per tutti gli usi […] una piattaforma aperta che consente alle persone di creare le proprie applicazioni e tutto ciò che è costruito su Ethereum è protetto e protetto […] da un’intera rete di migliaia di computer in tutto il mondo”, afferma Buterin.

“Perché [Ethereum] supporta un linguaggio di programmazione, gli sviluppatori hanno questa creatività illimitata nel tipo di cose che creano effettivamente su Ethereum. Quindi puoi usare Ethereum per creare criptovalute, NFT o molti altri tipi di cose.

Kutcher ha risposto: “Sì, ha senso”.

I link e gli hashtag che accompagnano il video suggeriscono che è stato creato per promuovere la serie di token non fungibili “Stoner Cats” di Kunis. Le persone che acquistano un NFT di Stoner Cats ricevono anche l’accesso agli episodi in streaming della serie animata di Kunis con lo stesso nome. Si autodefinisce “La prima serie animata di NFT”.

Immagine promozionale per Stoner Cats

Relazionato: Chiamando lo spazio crittografico “un’area molto maschile”, Mila Kunis lancia il progetto NFT

Kutcher non è estraneo agli NFT, avendo tokenizzato un blocco note scarabocchiare nell’agosto 2020, con l’originale fisico incenerito prima che il token fosse messo all’asta.

La sua società di capitali di rischio, Investimenti di livello A, ha anche sostenuto le migliori aziende nel settore delle criptovalute, tra cui il processore di pagamento BitPay nel 2013 e la società di sicurezza blockchain BitGo nel 2014.