Si è detto molto sugli interessanti tassi di interesse offerti dalle popolari piattaforme di prestito crittografico come BlockFi, Celsius Network e Nexo. Tuttavia, ci sono due facce di ogni moneta. Il pagamento di tassi di interesse elevati richiede l’addebito di tassi ancora più elevati ai mutuatari.

Tuttavia, il co-fondatore di Nexo Antoni Trenchev non è d’accordo sul fatto che i tassi di prestito crittografico siano alti. In un’intervista con Cointelegraph, ha detto che questo riflette la visione “occidentale”, dove i tassi di interesse prevalenti tendono ad essere bassi. Ma non è il caso del mondo in via di sviluppo, ha detto:

“Ma per le persone nei paesi del terzo mondo o anche nei mercati emergenti, come l’Asia, otteniamo un minimo del 5,99% di APY. Quindi questo è ancora molto, molto basso, indipendentemente da come lo si confronta con il settore finanziario tradizionale. E il motivo per cui è così è che ancora una volta ha a che fare con il rischio delle attività sottostanti e delle garanzie collaterali e con il fatto che non effettuiamo controlli di solvibilità su di te “.

Tutto è relativo. Sebbene i tassi offerti dalle piattaforme di prestito possano sembrare relativamente alti rispetto ai conti di risparmio bancari o persino agli strumenti del mercato monetario, impallidiscono rispetto ai rendimenti offerti dai progetti DeFi. Alla domanda se vede i progetti DeFi come una concorrenza, Trenchev ha detto che Nexo non vede la DeFi come una concorrenza diretta. Ha detto che sebbene gli piaccia il concetto di DeFi, avendo un background finanziario tradizionale, trova lo spazio troppo rischioso per i suoi gusti personali. Nemmeno lui ha partecipato ad alcuna coltivazione di raccolto. Ha aggiunto:

“Affinché possa essere decentralizzato, deve essere tutto su blockchain e non correlato al fiat. In questo momento, Nexo è posizionato come un ponte tra i mercati finanziari tradizionali e lo spazio crittografico. E ci vediamo solo fare qualcosa di leggermente diverso “.

Ma questo significa che la maggior parte dei mutuatari di Nexo proviene dal mondo in via di sviluppo? Trenchev non aveva numeri precisi a sua disposizione ma ha notato che in genere vedono un afflusso di domanda da paesi che hanno subito pressioni inflazionistiche come la Turchia.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here