L’exchange di criptovalute BLOX ha ricevuto il permesso di operare nei Paesi Bassi, rendendola la prima piattaforma a farlo da quando il paese ha implementato la quinta direttiva antiriciclaggio dell’Unione europea, o AMLD5.

“BLOX è la prima società di criptovaluta focalizzata sul consumatore che sarà inclusa nel registro della banca centrale olandese”, ha detto la società in un blog annuncio oggi. “Questa registrazione è obbligatoria nei Paesi Bassi per ogni azienda che consente ai propri utenti di acquistare, vendere, scambiare e detenere criptovalute”.

Il fornitore di servizi crittografici con sede nei Paesi Bassi AMDAX BV ha fatto notizia a ottobre come la società inaugurale del suo genere nella regione appena regolamentata. AMDAX, tuttavia, si rivolge a investitori più grandi. “AMDAX supporta sia le imprese che gli investitori privati ​​con un portafoglio – a partire da investimenti di 2,5 Bitcoin – il commercio di criptovalute, un deposito sicuro e custodia assicurata”, ha detto un ottobre dichiarazione da AMDAX su Finextra.

Visibile su a elenco dei fornitori di servizi crittografici approvati, Blox BV ora sollecita la registrazione da De Nederlandsche Bank NV, la banca centrale dei Paesi Bassi. Anche lo scambio di criptovalute Anycoin Direct registrato oggi.

“BLOX consente ai consumatori di investire nella loro valuta digitale preferita per appena 1 €”, ha spiegato il post sul blog dell’azienda. “Pertanto l’approvazione della Banca centrale olandese significa che le criptovalute rimarranno ampiamente accessibili al grande pubblico”.

A differenza delle tre entità approvate di recente, i derivati ​​di asset digitali si scambiano Deribit partì dai Paesi Bassi nel gennaio 2020 per evitare i nuovi regolamenti.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here